I 5 Migliori Lettori Blu-Ray 4K del 2020

Ultimo aggiornamento: 22.09.20

 

Lettore Blu-Ray 4K – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto 

 

Se amate vedere in casa come al cinema film e serie TV, un lettore Blu-ray 4K vi assicurerà una qualità sopraffina delle immagini. Considerate la possibilità di selezionare un modello nativo, ancora più efficiente, e che supporti standard come l’HDR, per una visione come dal vivo. La presenza di funzioni, come il wireless, o di porte USB, vi permetterà di accedere a contenuti multimediali o presenti su dispositivi esterni. Vagliate la possibilità di spendere una cifra superiore per un’estetica accattivante. Nella nostra guida abbiamo inserito vari suggerimenti per voi ma, se non potete leggerla, date uno sguardo alle nostre preferenze. Sony BDP-S6700 ha funzionalità Bluetooth e Wi-Fi, oltre ad assicurare un’installazione veloce e senza bisogno di esperienza. Ci ha convinto anche Archgon Style lettore 4K-UHD visto che consente di portarsi a casa sia un lettore sia un masterizzatore, con un bel risparmio sull’esborso economico.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 5 Migliori Lettori Blu-Ray 4K – Classifica 2020

 

Di seguito potete fare una comparazione tra le caratteristiche dei cinque prodotti che abbiamo prediletto. Date uno sguardo ai link in fondo se non sapete dove acquistare il miglior lettore Blu-ray 4K.

 

 

1. Sony BDP-S6700 Lettore Blu-Ray Full HD 3D 4K

 

Mettiamo al top della nostra classifica uno dei prodotti più venduti del web, quello di Sony, uno tra i migliori lettori Blu-ray 4K del 2020. Uno dei suoi punti di forza è la connessione Wi-Fi, grazie alla quale può riprodurre video e musica in streaming.

L’audio soddisfa per la qualità, molto alta, mentre il caricamento dei video, anche dei Blu-ray, appare veloce e valido. Grazie al Bluetooth e alla presa USB, è possibile acquisire contenuti multimediali, da vedere tramite il dispositivo.

Facile da installare, è dotato anche di app base, che potranno essere utili per chi è all’avanguardia. Ciò che non convince è l’estetica, che non piace a chi lo sceglie anche per completare l’arredamento del proprio ambiente.

Inoltre il costo aumenta se desiderate che, nel pacchetto, sia incluso anche un cavo HDMI, disponibile in diverse lunghezze, in quanto non è previsto nella confezione base.

 

Pro

Wi-Fi: Il dispositivo può connettersi senza fili alla rete, così da riprodurre tutti i contenuti multimediali possibili.

Bluetooth: La presenza della funzionalità Bluetooth, insieme alla porta USB, permette di usufruire di video e audio presenti su chiavette o cellulare.

Installazione: Risulta molto semplice da installare, per cui potrete posizionarlo senza chiedere l’aiuto di un esperto.

App: Sono incluse quella base, che potranno essere utili a chi ne fa largo uso.

 

Contro

Estetica: L’aspetto non è il punto di forza di questo prodotto, tanto che non viene scelto dagli utenti per una questione di stile.

Cavo: Se desiderate avere incluso nella confezione il cavo HDMI, dovrete spendere una cifra in più, che non tutti sono disposti a mettere in gioco.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Archgon Style UHD Esterno Lettore 4K-Ultra HD Blue BD Player

 

Questo lettore è caratterizzato da un design compatto che lo rende facile da collocare sulla scrivania, di fianco al vostro notebook e, anche per questo motivo, lo collochiamo tra i primi posti della nostra classifica.

Si tratta di un dispositivo innovativo sotto molti aspetti e che non ha alcuna difficoltà nel leggere le varie tipologie di dischi, visto che, rispetto ad altri modelli sul mercato, questo lettore Blu-Ray offre la possibilità di guardare i film non solo in Ultra HD ma anche in 3D (oltre ovviamente ai “vecchi” DVD).

Inoltre, non si tratta solamente di un lettore ma anche di un masterizzatore, il che vi consente di sfruttarlo per archiviare i dati, file e video disponendo dell’ampia capacità di memoria dei dischi Blu-Ray. All’interno della confezione sono presenti i software da installare, ma è possibile che manchi quello per la masterizzazione come ha riportato qualche utente con acquisto verificato.

Detto ciò, si tratta di un lettore versatile di ottima qualità adatto ai più esigenti e quindi non bisogna stupirsi se il prezzo non è bassissimo, anche perché alla fine vi portate a casa due prodotti al prezzo di uno.

 

Pro

Tecnologia: Un lettore facile da usare caratterizzato da un funzionamento versatile che consente di leggere anche i dischi in 3D (oltre naturalmente agli Ultra HD e ai normali DVD).

Dimensioni: Compatto e leggero, si colloca con grande facilità ovunque e non occupa spazio di fianco al vostro computer portatile.

Due al prezzo di uno: Non ha solo la funzione di lettore ma anche di masterizzatore, così potrete utilizzarlo per archiviare i dati sfruttando l’ampio spazio del disco Blu-Ray.

 

Contro

Software masterizzazione: Quale utente riporta la mancanza del programma per effettuare la masterizzazione dei dischi. Non c’è da preoccuparsi basta fare una piccola ricerca online per trovarlo.

Acquista su Amazon.it (€158.99)

 

 

 

3. Sony UBP-X800 Lettore Blu-Ray 4K, Ultra HD

 

Quando il mercato sembra non offrirvi niente di nuovo, date un’occhiata alla proposta di Sony, se non sapete quale lettore Blu-ray 4K comprare. Si tratta infatti di uno dei prodotti a prezzi bassi che ha conquistato pareri favorevoli tra gli utenti.

Vanta infatti una tecnologia High Dynamic Range, che garantisce una luminosità e brillantezza dei colori superiore a quella dei normali modelli 4K. Non tradisce anche l’audio, che assicura sonorità come al cinema, visto che supporta anche il DTS X che garantisce un suono a 24 bit.

Grazie al supporto della tecnologia wireless è possibile vedere canali in streaming come Netflix. Potrete inoltre visionare CD e DVD di qualità inferiore, senza dovervi rinunciare. Ciò che non convince è invece che il software non includa la possibilità di accedere allo store di musica e film firmato Sony e che non ci sia un display che, in alcuni casi, avrebbe facilitato l’utilizzo.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Convince molto il prezzo concorrenziale in rapporto alla qualità, che soddisfa chi è alla ricerca di un prodotto valido ma anche economico.

Video: La qualità video convince grazie alla tecnologia High Dynamic Range che assicura immagini brillanti e vivide.

Audio: Piace perché molto simile a quello del cinema, per cui non avrete bisogno di un impianto audio in aggiunta.

Wireless: La presenza di questa tecnologia assicura di vedere canali in streaming dalle piattaforme più note, come per esempio Netflix.

 

Contro

Display: Non è certo un elemento imprescindibile, visto che il lettore si utilizza comunque in modo semplice ma avrebbe certo incrementato la chiarezza di alcuni passaggi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Samsung UBD-M9500 Lettore Blu-Ray 4K UHD, HDR

 

Quello di Samsung è una soluzione per chi non sa come scegliere un buon lettore Blu-ray 4K, dato che garantisce una risoluzione delle immagini più vivida rispetto ad altri prodotti simili, soprattutto se avete un televisore di alta qualità.

Grazie alla tecnologia HDR, infatti i bianchi sono più intensi e i neri più profondi, per una visione come al cinema. Uno dei suoi punti di forza è la possibilità di usufruire dei contenuti anche quando il televisore è spento, per esempio dal tablet o da altri dispositivi mobili.

Il telecomando, incluso nella confezione, permette inoltre di visualizzare video e immagini a 360 gradi. Sarà possibile anche accedere alle funzioni principali del menu e alle app con un solo gesto, senza dover navigare in un reticolo complicato di elementi.

Piace anche la qualità audio ma non tanto il prezzo, che è abbastanza alto, anche se in linea con le sue caratteristiche.

 

Pro

Immagini: Un grande pregio di questo modello è la qualità delle immagini riprodotte, che appaiono vivide e molto profonde, per un’esperienza come al cinema.

Wireless: Potrete utilizzarlo non solo in comunicazione con il televisore, ma anche con altri dispositivi, per accedere a vari contenuti dallo smartphone o dal tablet.

Panoramica: Grazie alle funzioni del telecomando integrato, è possibile visionare video e immagini a 360 gradi.

Menu: Molto intuitivo, permette di accedere alle caratteristiche principali e di gestire le app incluse.

 

Contro

Prezzo: Caratteristiche così valide si associano a un costo abbastanza alto, che si deve essere disposti a spendere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. LG up970 Lettore Blue Ray 4K Nativo HDR Wi-Fi

 

Quello di LG è un lettore Blu-ray 4K nativo che assicura una qualità delle immagini superiore, grazie a supporti come l’HDR, in grado di bilanciare bene luminosità e contrasto. Qui troviamo infatti HDR Dolby Vision, che riproduce video molto più simili al reale, garantendo una visione molto più piacevole di film e serie TV.

Non male anche la qualità audio, visto che il prodotto supporta standard come il DTS HD e il Dolby True HD. Non manca la connessione al Wi-Fi di casa, per usufruire anche di contenuti multimediali direttamente dal web.

In rapporto a queste caratteristiche il prezzo è considerato concorrenziale da molti utenti che lo hanno acquistato e che apprezzano perciò la possibilità di avere un lettore nativo a un costo più basso di altri.

Ciò che non piace è una certa rumorosità che il dispositivo produce quando legge i DVD Blu-ray 4K, tanto che c’è chi è costretto ad alzare il volume audio per non essere disturbato.

 

Pro

HDR: Questo lettore si serve dell’HDR Dolby Vision per garantire una qualità video superiore e bilanciare i contrasti e la luminosità, per una visione di contenuti come al cinema.

Audio: Il dispositivo supporta standard all’avanguardia, per cui la qualità sonora è molto valida.

Interattivo: Può facilmente connettersi con il Wi-Fi di casa e farvi accedere a contenuti multimediali.

Prezzo: Trattandosi di un modello nativo, che solitamente ha un costo molto alto, il prezzo di questa soluzione convince anche i più accaniti risparmiatori.

 

Contro

Rumoroso: Purtroppo parecchi utenti hanno riscontrato una certa rumorosità, soprattutto durante la lettura dei DVD Blu-ray 4K, che li costringe ad alzare il volume durante la riproduzione video.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guardare un film in casa vuol dire usare un dispositivo come il lettore DVD o Blu-Ray: cosa ci riserva ancora l’evoluzione tecnologica?

 

Chi di voi non ha in casa un lettore DVD? Crediamo davvero in pochi, soprattutto se siete appassionati di cinema. Vi interesserà probabilmente sapere come siamo arrivati a questo tipo di prodotti e come siano evoluti nel tempo ma, soprattutto, cosa ci riserva in futuro la tecnologia.

 

La nascita del DVD

Non ci sono dubbi: senza il Digital VCD (Video Compact Disc), nato nel 1993, non si sarebbe arrivati al DVD, il Digital Versatile Disc, sviluppato in seguito nel 1996. Per raggiungere questo risultato diverse aziende hanno collaborato tra loro: Sony, Philips e Toshiba hanno fatto sì che il progetto divenisse realtà.

Tra i primi film incisi su DVD c’è Blade Runner, ma è solo nel 1998 che la Columbia TriStar inizia a mettere sul mercato in maniera regolare e continuativa una serie di pellicole come Jumanji anche in Italia, all’allora costo di 45.000 lire (poco più di 20 euro odierne).

Come funziona la scrittura su DVD? Viene usato quello che si chiama masterizzatore, un dispositivo che, tramite il laser, incide in maniera permanente la traccia. Una volta terminato il processo, ci sarà appunto bisogno di un lettore apposito per fare sì che il film si veda sul televisore. Nel momento in cui si inserisce il disco e si avvia la lettura, il motore posto all’interno fa ruotare il DVD e un laser legge la traccia precedentemente incisa. Tramite una fotocellula, il raggio scannerizza il contenuto dal centro verso l’esterno, mentre un rilevatore di luce elettronica fa in modo di passare a quello successivo.

Risale al 1994 il primo modello di lettore DVD messo in commercio da Sony. In Italia il primo ad arrivare fu quello di Panasonic nel 1997, che aveva un costo pari a un milione di vecchie lire, una cifra davvero importante soprattutto perché non erano ancora in commercio i DVD da leggere. La subitanea diffusione di questi prodotti soppiantò ben presto il vecchio VHS, la cassetta di grandi dimensioni sulla quale si era soliti vedere i film. Nel 2003 i dati confermarono il superamento da parte del DVD della vecchia tecnologia: il noleggio di tale supporto risultò molto superiore a quello delle videocassette.

 

 

L’arrivo del cinema in casa

L’evoluzione tecnologica fece passi da gigante, visto che, grazie ai lettori DVd, era possibile vedere in casa un film con una qualità molto alta, pari a quella dei cinema. Per questa ragione ben presto si svilupparono gli impianti home theatre, ovvero in grado di garantire audio pari a quello delle sale.

Con l’evolversi delle proiezioni cinematografiche, che ben presto passeranno da 2K a 4K, anche i lettori dovevano tenere il passo, per non far mancare al consumatore la possibilità di vivere in casa la stessa esperienza. A questo punto il DVD non era più sufficiente, in quanto lo spazio per immagazzinare i dati comportava un abbassamento della qualità di risoluzione.

Ed ecco che, allora, vennero progettati i dischi Blu-Ray.

 

Il Blu-Ray: un salto di qualità

Questa invenzione costituì un vero e proprio balzo in avanti dal punto di vista tecnologico, in quanto si serviva di un sistema di archiviazione differente e di un metodo di scrittura innovativo.

Grazie a ciò, ogni Blu-Ray può contenere fino a 25 GB per singolo strato di registrazione, uno spazio che corrisponde a quello di 6 DVD o addirittura di 35 CD. Quale fu l’innovazione in grado di ottenere questo risultato?

Si tratta di un diodo laser blu, che ha una lunghezza d’onda inferiore a quella rossa usata di solito per incidere sui CD e i DVD: in questo modo riesce a scrivere con tracce più strette, recuperando una grande quantità di spazio.

 

La guerra tra Sony e Toshiba

Prima che il Blu-Ray potesse affermarsi, sia per quanto concerne i film in 3D, sia per l’alta definizione, ci sono voluti anni, compresi tra il 2006 e il 2008, che hanno visto una vera e propria guerra finanziaria tra Sony e Toshiba.

La prima azienda, creatrice del Blu-Ray, si contrapponeva alla seconda, sostenitrice dell’HD-DVD. Che differenze c’erano tra le due? Il Blu-Ray, come detto, garantisce 25 GB di archiviazione, mentre il HD-DVD soli 15 GB. Inoltre il primo ha maggiore velocità di lettura e di trasferimento di dati.

La vittoria fu della Sony, quando decise di installare sulla Playstation 3 un lettore Blu-Ray: a questo punto Toshiba non aveva più speranze, tanto che rinunciò addirittura alla produzione degli HD-DVD nel 2009 per passare dalla parte del nemico.

Grazie alla successiva diffusione, si aprirono le porte per nuovi formati e risoluzioni, come il Full HD e il cinema 3D direttamente a casa. Quest’ultima però, sviluppata da Samsung, a causa di costi elevati e di un non proprio eccezionale interesse da parte del pubblico, ha visto uno stop del suo evolversi nel 2017.

 

Il 4K

La tecnologia del 4K inizia a diffondersi sempre di più, soprattutto in concomitanza con la creazione di televisori che ne supportano la tecnologia. Questi vengono definiti Ultra-HD e vengono spesso associati a lettori Blu-Ray 4k, che assicurano un’esperienza visiva molto migliore, grazie alla grafica di alta qualità.

Rispetto al Full HD, infatti, si ha una percezione superiore di profondità dell’immagine, che garantisce di vedere un documentario o un film in maniera molto meno piatta, quasi come se si stesse guardando dal vivo.

 

 

Cosa ci dobbiamo ancora aspettare?

Ma la ricerca non si ferma qui: la Sony ha infatti recentemente presentato il proprio progetto di televisore 8K. Non solo: la sperimentazione in atto riguarda anche la manipolazione dei pixel, che, se accesi e spenti dinamicamente, possono creare lo stesso effetto del 3D.

La novità sta nel fatto che non sarà necessario utilizzare gli appositi occhiali per ottenere una visione tridimensionale: non ci resta che attendere i prossimi anni per capire cosa ci riserverà ancora la tecnologia.

Teniamo sempre in mente che la spesa di prodotti del genere non sarà per niente economica: se state pensando di acquistare l’ultimo ritrovato, iniziate a mettere il denaro da parte!

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Pioneer BDP-180-K

 

Se state cercando uno dei modelli più semplici tra quelli venduti online, quello di Pioneer è ciò che fa per voi. Risulta infatti molto facile da usare, visto che ha un menu molto essenziale e di accesso intuitivo.

Può connettersi alla rete Wi-Fi di casa, per aiutarvi ad accedere a contenuti multimediali, ma possiede anche un ingresso USB per collegare un dispositivo esterno, come una memoria, in modo da vedere film e serie TV salvati.

Valida la qualità video, un po’ meno quella audio, che viene ritenuta solo sufficiente da qualche acquirente. Il prezzo non è il più economico in commercio, soprattutto perché l’estetica lascia abbastanza a desiderare e non tutti sono soddisfatti dal sistema che risulta un po’ troppo antiquato, ma comunque c’è chi lo considera una delle offerte più valide tra i prodotti della sua categoria.

 

Pro

Essenziale: Questo modello piace molto a chi non ha dimestichezza con i prodotti elettronici, perché dotato di un menu davvero semplice da utilizzare.

Wi-Fi: Il lettore può usufruire della connessione Wi-Fi di casa, per farvi accedere a contenuti multimediali.

USB: La porta USB presente sul prodotto permette di collegarvi dispositivi esterni, per guardare film e serie TV salvati in precedenza.

 

Contro

Applicazioni: Non è possibile installare app come Netflix o Prime Video che avrebbero incrementato le funzionalità di questo lettore.

Estetica: L’aspetto del prodotto non è tra i migliori sul mercato, per cui non potrete sceglierlo per completare il vostro arredamento.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
5 Commenti
Il più vecchio
Il più nuovo Il più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Pietro Comoli
Pietro Comoli
7 months ago

Quattro anni fa ho fatto la casa nuova. Per l’occasione ho acquistato 5 tv , tutti 4k uhd 3d. Due Sony Bravia e tre Samsung. 1 28″, 2 49″, 1 55″ e 1 50″. Tutti serviti da rete casalinga ethernet rete che serve anche tre NAS dove ho filmati di vario genere: viaggi e ricordi vari. Beh, i Sony si sono rivelati il peggior acquisto che potessi fare. Fanno schifo, ad essere gentili. Codec video e audio di origine ignota, la quasi totalità dei filmati vecchi e recuperati viene rifiutata. I Bravia fanno riprovare vecchie emozioni (in negativo) tipo televisore… Read more »

Giovanni Piras
Giovanni Piras
3 months ago

Buongiorno. In seguito alla vostra recensione stavo pensando di acquistare l’Archgon; ma su Amazon viene precisato che «L’unità non è adatta per collegare il lettore direttamente a una Smart TV!» Siccome voi, al contrario, dite esplicitamente che si può usare con la TV («Se, oltre a collegare al vostro televisore 4K un lettore Blue-Ray all’altezza, desiderate anche un masterizzatore all’altezza, questa offerta è di quelle che stuzzicano e che vi consigliamo di tenere in considerazione»), vorrei che mi toglieste il dubbio. Già che ci siamo, vi sarei grato anche se mi spiegaste la differenza fra il modello Style e il modello… Read more »

Last edited 3 months ago by Giovanni Piras
Claudio M
Admin
Claudio M
3 months ago
Reply to  Giovanni Piras

Salve Giovanni, probabilmente nella nostra recensione non siamo stati adeguatamente chiari e, in effetti rileggendo, il rischio di interpretare male c’è. Quando scriviamo “se, oltre a collegare al vostro televisore 4K un lettore Blu-Ray all’altezza desiderate anche un masterizzatore…” non intendevamo che il prodotto di Archgon si possa collegare al TV ma che, se la necessità era quella di comprare anche un masterizzatore Blu-ray questo andava bene. Insomma per farla breve questo prodotto funziona se collegato al computer non al TV. Ci dispiace se possiamo aver generato qualche dubbio, infatti abbiamo provveduto a modificare la frase in modo che sia… Read more »

Giovanni Piras
Giovanni Piras
3 months ago
Reply to  Claudio M

Bene. Grazie del chiarimento