Domande frequenti sulle risme di carta a4

Ultimo aggiornamento: 28.02.24

 

Q1: Cosa significa risma?

Avrete sicuramente sentito almeno una volta il termine risma riferito alla carta ma che cosa indica di preciso e perché viene utilizzato?

Seguendo l’origine della parola scopriamo che l’italiano risma deriva dall’arabo rizma, e che si tratta in realtà di un’unità di misura che indica precisamente 500 fogli di carta. 

Se vi state chiedendo perché è stata adottata una parola araba che è poi divenuta di uso corrente, la risposta è molto semplice.

A introdurre in Europa la carta furono proprio gli arabi nell’ottavo secolo d.C., dopo che ne scoprirono tutti i segreti della lavorazione tramite i cinesi, che la utilizzavano e producevano già a partire dal secondo secolo d.C..

 

Q2: Quanto costa una risma di carta?

Il prezzo di 500 fogli può essere variabile, molto dipende non solo dalla qualità della carta ma anche dal processo di produzione, dallo sbiancamento della stessa e conseguentemente dal punto di bianco massimo.

Chi acquista carta fotografica per stampe di qualità dovrà prendere in considerazione una spesa elevata poiché i trattamenti che tali supporti ricevono sono dispendiosi.

Talvolta anche inquinanti, pertanto le aziende devono spendere di più per effettuare procedure in sicurezza.

Se invece siete alla ricerca di carta per fotocopie o stampe quotidiane, allora potrete trovare confezioni di fogli a buon mercato, sebbene questi tendano a ingiallire più facilmente col tempo.

 

Q3: Cosa significa CIE?

L’acronimo CIE sta per Commission Internationale de L’Eclairage ed è un ente che stabilisce misure standard per quanto concerne l’illuminazione.

Spesso nelle schede tecniche dei fogli di carta è possibile trovare questa sigla seguita da un numero, ma che cosa indica di preciso?

Il valore che trovate è l’indice di bianco, verificato tramite una formula accurata che esprime appunto il grado di bianco di un determinato oggetto.

Maggiore sarà il numero e migliore sarà il bianco, garantendo quindi una resa cromatica qualitativamente superiore in seguito alla stampa.

Q4: Quanti fogli si ottengono da un albero?

Per produrre la carta, si sa, vengono utilizzati gli alberi.

Poiché sono una risorsa essenziale non solo per il nostro pianeta ma anche per la nostra sopravvivenza sullo stesso, è necessario avere ben chiaro l’impatto ambientale che si ha prima di sprecare un foglio di carta.

Secondo alcuni calcoli effettuati da aziende no profit, è stato stimato che alberi dall’altezza media di 12 metri forniscono circa 16 risme di carta, un quantitativo di fogli consumato nel giro di qualche mese da aziende di un certo livello.

Queste informazioni ci fanno capire che un futuro in cui la carta continua a essere l’elemento principale di trasmissione delle informazioni non è più sostenibile.

Per preservare il pianeta è necessario orientarsi verso la digitalizzazione dei documenti.

La carta sarà sempre un supporto utile, tuttavia ridurne l’utilizzo quanto più possibile è un imperativo categorico che anche i singoli consumatori possono imporsi.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI