LG 24MT49VF – Recensione

Ultimo aggiornamento: 17.01.22

 

Principale vantaggio

La possibilità di utilizzare l’apparecchio sia come TV sia monitor per il computer, lo rende adatto a vari scopi. Gli utenti che hanno bisogno di uno schermo secondario in casa potrebbero prendere in considerazione il dispositivo LG anche alla luce di un prezzo concorrenziale.

 

Principale svantaggio

L’audio non è dei migliori e la resa di alti e bassi è tutt’altro che entusiasmante. Per poter ottenere risultati soddisfacenti è necessario collegare delle casse esterne o una soundbar, in grado di potenziare l’effetto acustico, tuttavia ciò comporterebbe una spesa superiore che non tutti vogliono affrontare.

 

Verdetto 9.4/10

Il TV proposto da LG, sebbene presenti alcune pecche innegabili, come l’audio impastato o la presenza di una sola porta HDMI, ha anche dei pregi da non sottovalutare, come il basso costo o la possibilità di ricevere canali tramite il digitale terrestre e tivùsat. La destinazione d’uso migliore resta quella di TV secondario, da usare nelle stanze da letto o in cucina.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Doppia destinazione di utilizzo

Il brand sudcoreano LG è ormai noto in tutto il mondo per la produzione di elettronica di consumo, tra cui spiccano soprattutto i televisori. La compagnia nasce nel 1958 e da allora ne ha fatta di strada, divenendo leader mondiale grazie all’innovazione tecnologica di cui si fa promotrice. In questa sede analizzeremo il TV/monitor da 24 pollici 24MT49VF, per scoprirne tutte le caratteristiche e aiutarvi a capire se possa o meno fare al caso vostro.

Partiamo quindi subito dalla sua definizione, non è un classico TV da piazzare in salotto ma può essere sfruttato in modo eccellente anche in qualità di monitor, da collegare dunque a un computer o anche a una console di gioco, doppia funzione che permette di utilizzarlo come meglio preferite, assegnandogli anche una nuova destinazione in casa qualora acquistiate un modello più nuovo dopo qualche anno.

La base che sostiene il display ha una forma curva ed è chiamata ArcLine, dettaglio che impreziosisce l’articolo e restituisce un tocco di eleganza, differenziandosi dalle altre offerte di fascia medio-bassa che di solito hanno un semplice e abusato rettangolo come sostegno.

Risoluzione e audio

Passando alla risoluzione del display, abbiamo un HD Ready, ovvero 1.366 x 768 pixel, fattore che potrebbe non convincere i puristi dell’immagine. Basti pensare che la maggior parte dei TV intermedi oggigiorno dispone di Full HD (1.920 x 1.080 pixel) mentre si sta passando di default alla più alta risoluzione Ultra HD, meglio conosciuta come 4K. Precisiamo però che tali risoluzioni elevate sarebbero quasi inutili, se non un vero e proprio spreco, su un TV da appena 24 pollici. Non crucciatevi troppo dunque, soprattutto se disponete di un altro televisore più grande che funge da schermo principale per tutta la famiglia.

Il display sfrutta la tecnologia LED, con ottimi colori e luminosità per la categoria mentre è inadeguato il comparto audio, dove il dispositivo potrebbe rivelarsi poco soddisfacente. Secondo i test effettuati, non c’è quasi differenza di volume tra l’impostazione minima e quella massima. La resa audio può indubbiamente essere migliorata collegando delle casse esterne o anche una soundbar, in grado di svolgere un lavoro migliore nel restituire i bassi quasi inesistenti, tuttavia ciò comporterebbe una spesa maggiore, con risparmi che sarebbero meglio destinati verso un TV più soddisfacente.

 

Canali

Non è un apparecchio Smart, non avrete dunque la possibilità di collegarlo a internet per scaricare applicazioni o vedere contenuti multimediali tramite applicazioni di streaming, tuttavia dispone di decoder interno per la ricezione dei canali ed è certificato tivùsat per i canali satellitari in chiaro.

La presenza di una sola porta HDMI potrebbe essere un problema per alcuni utenti, soprattutto quelli che amano collegare più apparecchi o console da gioco a uno stesso televisore. Il numero minimo di porte considerato accettabile sui TV moderni è pari a due, pertanto delude un po’ la scelta di LG di non adeguarsi a questo standard, costringendo a utilizzare degli sdoppiatori o altri dispositivi compatibili da acquistare separatamente.

Il prezzo, alla luce di tutte le caratteristiche prese in esame, è più che giustificato e ci permette di inserire il dispositivo tra i prodotti di fascia medio-bassa. Dovrebbe essere preso in considerazione da tutti i consumatori che vogliono spendere poco e usufruire di un secondo televisore in alcune stanze specifiche, come per esempio la cucina, la camera da letto, la camera degli ospiti o quella dei bambini.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI