Come usare una macchina fotografica istantanea

Ultimo aggiornamento: 28.02.24

 

Modalità ideale per fotografie artistiche

Una delle caratteristiche più apprezzate delle macchine fotografiche istantanee consiste nella possibilità di scattare foto con esposizioni multiple, e quindi di ottenere delle splendide fotografie artistiche.

Quella dell’esposizione multipla è una modalità di funzionamento che è offerta soltanto da alcune fotocamere istantanee, e nella fattispecie quelle prodotte dalla ditta russa Lomo i cui modelli sono progettati apposta per la fascia di utenza più esigente e con maggiore esperienza.

Tutte le Lomo’Instant quindi, indipendentemente dal modello, sono in grado di eseguire scatti a esposizione multipla in modalità diretta e facilmente gestibile utilizzando le relative impostazioni della fotocamera; esiste però un modo di eseguire esposizioni multiple anche sulle istantanee che non sono dotate di questa modalità, ma questo non è applicabile a tutti i modelli.

 

Il principio di funzionamento

Per realizzare l’esposizione multipla è necessario che, dopo il primo scatto, la pellicola non venga espulsa dalla fotocamera ma resti al suo interno in modo da poter essere nuovamente esposta. Le Lomo, come accennato prima, sono predisposte per questa modalità di funzionamento; tutte quelle prodotte dalle altre ditte, invece, sono progettate in modo da espellere la pellicola subito dopo aver scattato.

Il meccanismo di espulsione è quindi correlato al pulsante di scatto della fotocamera, quando questo viene premuto la pellicola viene esposta, e nel momento in cui viene rilasciato e torna nella normale posizione, va a chiudere un circuito che invia il segnale di espulsione della pellicola.

Per poter esporre di nuovo la stessa pellicola, quindi, è possibile usare il seguente “trucco”: una volta fatta la foto bisogna continuare a tenere premuto il pulsante di scatto, e prima di rilasciarlo bisogna spegnere la fotocamera. In questo modo la pellicola non sarà espulsa dal caricatore, e riaccendendo la macchina si potrà eseguire un nuovo scatto sulla pellicola già impressionata.

 

Le limitazioni del metodo

Il numero di esposizioni che si possono ottenere con questo metodo è praticamente illimitato ma a differenza delle Lomo, che permettono di gestire le impostazioni in modo ottimale al fine di ottenere un buon risultato, nelle fotocamere non predisposte questo metodo presenta delle limitazioni.

Innanzitutto il trucchetto del pulsante è applicabile soltanto alle fotocamere istantanee analogiche che hanno un meccanismo di espulsione collegato al pulsante di scatto, come le Polaroid Originals per esempio, mentre non può essere applicato alle ibride istantanee e digitali. 

Inoltre bisogna tenere conto del fattore esposizione: a ogni scatto la quantità di luce che va a impressionare la pellicola va a sommarsi a quella dell’esposizione precedente, col risultato che la foto tende a diventare sempre più chiara a ogni esposizione aggiuntiva.

È possibile attenuare questo effetto cumulativo, ma soltanto sulle macchine fotografiche istantanee dotate del tasto che permette di regolare la compensazione EV; impostando la compensazione al minimo, infatti, la quantità di luce in entrata sarà minore e sarà quindi possibile effettuare un maggior numero di esposizioni sulla stessa pellicola senza rischiare di ottenere un’immagine eccessivamente chiara.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI