Come usare una stampante fotografica portatile

Ultimo aggiornamento: 25.05.24

 

Se avete acquistato la migliore stampante fotografica portatile sul mercato ma non sapete bene come utilizzarla, potete dare un’occhiata alla nostra guida.

Vi spiegheremo come metterla in funzione e iniziare a stampare tutti i vostri scatti preferiti.

 

Applicazione

Il primo passo da compiere, per la maggior parte delle stampanti portatili in vendita online, è quello di scaricare l’app gratuita per interagire con l’apparecchio direttamente da smartphone.

I produttori più importanti come Canon, Polaroid, Kodak ma anche Huawei, dispongono spesso di applicazioni che potete trovare su smartphone con sistema operativo Android o iOS.

Vi basterà dunque recarvi sul Play Store o App Store ed effettuare una rapida ricerca per scaricare immediatamente l’app relativa.

Dopo aver effettuato l’installazione, bisognerà aprirla, avendo cura di accendere anche la stampante portatile. Se il dispositivo è scarico o non dà segni di vita, molto probabilmente deve essere ricaricato.

Per eseguire questa operazione bisogna semplicemente collegare la stampante alla corrente o a un computer tramite cavo USB.

 

Fogli e cartucce

Esistono delle metodologie d’uso differenti a seconda del metodo di stampa del prodotto:

quella che sfrutta la tecnologia Zero Ink, spesso abbreviata in Zink, non necessita di inchiostro aggiuntivo e tutto ciò che dovrete fare è caricare il cassetto apposito con fogli appositi, acquistabili online;

se invece avete optato per una stampante a getto d’inchiostro, come quelle vendute da Kodak, dovrete acquistare dei set di ricarica dal formato proprietario. 

La differenza tra queste due tecnologie è chiaramente spiegata nella nostra guida all’acquisto che potete trovare più su, pertanto in questa sede ci limiteremo a spiegarvi velocemente come procedere alla stampa.

 

Scegliere la foto da stampare

Dopo aver ricaricato la batteria della stampante e averle dato in pasto fogli o cartucce, sarete quasi pronti a stampare le vostre fotografie preferite.

Se vi state chiedendo cosa manchi, la risposta è molto semplice: la post-produzione.

Spesso quando si stampa una foto così com’è, si rischia lo spreco di risorse poiché magari lo scatto chiaramente visibile su smartphone apparirà con colori smorti o troppo scuri una volta stampato. 

Per evitare brutte sorprese, quindi, vi consigliamo di usare le applicazioni proprietarie per modificare leggermente le fotografie, aumentando soprattutto la luminosità e regolando il contrasto in modo da avere colori brillanti.

Ricordate infatti che le stampanti portatili non hanno la stessa resa qualitativa di quelle casalinghe o professionali, pertanto per avere risultati accettabili bisogna dare una mano al dispositivo ritoccando la fotografia.

Incollare le foto

Qualora stiate utilizzando carta fotografica Zink, una delle caratteristiche più interessanti che tale formato presenta è la parte adesiva posteriore.

Tutti gli scatti che stamperete, dunque, potranno essere incollati all’interno di un album, un diario o qualsiasi altra superficie desideriate per creare magari un collage di ricordi provenienti da una specifica vacanza, per esempio.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI