Come usare uno Zaino Fotografico

Ultimo aggiornamento: 22.04.24

 

Per utilizzare uno zaino fotografico non avrete bisogno di complesse nozioni né tantomeno necessiterete di un manuale di istruzioni. L’aspetto è quello di un normale zaino e potete trovarne di diverse tipologie: monospalla, compatti, da trekking e così via.

A fare la differenza è come è strutturato all’interno. Per far sì che tutta l’attrezzatura sia sempre al sicuro e non vada a scontrarsi con gli altri pezzi della fotocamera, vi sono degli inserti che fungono da divisori, talvolta fissi e altre modificabili.

 

Per capire come organizzare uno zaino fotografico bisogna innanzitutto capire quanti e quali attrezzi porterete con voi. Generalmente il treppiede, per esempio, va collocato all’esterno dello zaino, agganciato a delle cinghie apposite in modo da non occupare spazio per i pezzi più delicati come gli obiettivi.

Le tasche di piccole dimensioni sono realizzate per ospitare accessori di varia natura, come batterie sostitutive, schede di archiviazione SD, cavetteria varia e così via. 

Il corpo macchina e gli obiettivi vanno invece collocati nelle zone imbottite interne dove trovate i divisori.

Generalmente la fotocamera va posizionata in alto, nei pressi della maniglia dello zaino, evitando così che possa restare schiacciata sul fondo e che venga danneggiata da altri componenti.

Negli altri scomparti potrete poi organizzare come meglio credete tutti i vostri accessori, posizionandoli in modo da avere sempre a portata di mano quelli più utilizzati, come per esempio il vostro obiettivo preferito o il flash.

 

Telo antipioggia

Se lo zaino non è realizzato con materiali impermeabili, ricordatevi di portare con voi l’apposito telo antipioggia, spesso incluso nelle offerte.

Qualora non ne abbiate uno ricordate che è possibile anche crearlo da sé sfruttando materiali che potete trovare anche in casa, come per esempio le buste della spazzatura, poco eleganti ma estremamente efficaci nel tenere lontana l’acqua.

Il telo andrebbe riposto in una zona interna e tirato fuori all’occorrenza, non dimenticate quindi di controllare che sia a portata di mano prima di partire per la vostra spedizione fotografica.

Monospalla

Per chi vuole qualcosa di più comodo e meno ingombrante, poiché non ha una grande attrezzatura da portare con sé, esistono anche gli zaini monospalla, in grado di ospitare una o due fotocamere e un paio di obiettivi.

Questa scelta dovrebbe essere presa in considerazione anche dai fotografi professionisti poiché non è sempre necessario portare con sé tutti i propri accessori e per le fugaci uscite potrebbe comunque rivelarsi una buona opzione.

Per l’utilizzo non differisce molto da zaini fotografici più grandi e anche in questo caso è possibile organizzare l’interno con un paio di divisori che terranno al sicuro i vari componenti.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI