Domande frequenti sui selfie stick

Ultimo aggiornamento: 02.02.23

 

Q1: Cos’è un selfie stick?

Prima di chiedersi cos’è un selfie stick bisogna innanzitutto chiarire cosa sia un selfie.

Si tratta di un neologismo che indica praticamente il farsi le foto da soli, nato in concomitanza all’ascesa degli smartphone e delle fotocamere frontali che nascono principalmente come mezzo per videochiamate. 

Originariamente queste fotocamere non avevano una qualità particolarmente elevata, proprio perché il loro utilizzo era limitato.

Oggigiorno, invece, con la crescente popolarità dei selfie, fatti nei luoghi più strani – e talvolta anche pericolosi – è esploso il mercato dei selfie stick.

Si tratta di bastoni allungabili sui quali viene agganciato il proprio smartphone, permettendo così di scattarsi una foto da soli o con un gruppo di amici senza scomodare passanti e dando la possibilità a tutti i presenti di apparire in foto. 

Molto apprezzata anche la possibilità di riprendere non solo il proprio viso ma anche il paesaggio alle proprie spalle e condividere il tutto sui social, un modo simpatico per dire ai propri amici “guarda un po’ dove sono!”.

 

Q2: Quanto costa un selfie stick?

Trattandosi di bastoni realizzati perlopiù in plastica e lega di alluminio, il loro prezzo non è eccessivo e se ne trovano in commercio da 10 euro a salire. Migliori saranno i materiali l’importanza del brand e maggiore sarà il prezzo.

Non è necessario optare esclusivamente per i prodotti più costosi ma tenete sempre d’occhio la compatibilità con gli smartphone Android e iOS, in modo da non ritrovarvi con un selfie stick inutilizzabile.

 

Q3: Come funziona il selfie stick?

Per utilizzare il selfie stick non dovrete far altro che avere uno smartphone compatibile con il modello di bastone scelto.

Quelli più economici hanno un cavo da inserire nel jack delle cuffie del vostro smartphone, in questo modo, il pulsante presente sul manico del bastone funzionerà con la fotocamera interna dello smartphone, scattando foto a ogni pressione dello stesso.

In alternativa, modelli più recenti sfruttano il collegamento bluetooth. La compatibilità di questi ultimi è maggiore rispetto ai selfie stick più vecchi.

Soprattutto perché alcuni produttori stanno eliminando il jack per le cuffie dai propri smartphone, spingendo sul bluetooth come strumento di aggancio di periferiche esterne come per esempio le cuffie e gli auricolari.

Q4: Quali sono i dispositivi compatibili?

Ogni selfie stick ha la sua lista di compatibilità, prima di acquistarne uno, quindi, verificate di avere uno smartphone adatto all’interazione.

I più economici hanno il cavo da inserire nel jack delle cuffie, quelli più moderni e costosi, invece, possiedono un modulo bluetooth interno e un telecomando di dimensioni compatte con cui scattare.

I primi non sono compatibili con smartphone Apple come iPhone 7 e successivi a meno che non acquistiate un adattatore lightning/jack cuffie, rendendo comunque l’utilizzo un po’ macchinoso.

Se optate per i prodotti con bluetooth verificate nella scheda tecnica la compatibilità.

Solitamente sono supportati tutti i sistemi operativi Android superiori alla versione 4.0 e iOS superiori a 4.0. Non si tratta però di un’informazione da dare per scontata.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI