Il miglior caricabatterie

Ultimo aggiornamento: 17.07.19

 

Caricabatterie – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Sempre più spesso, il più delle volte proprio quando ne avete più bisogno, la batteria dello smartphone alza bandiera bianca e il cellulare si spegne. Addio aggiornamenti di Facebook, scambi di messaggi su WhatsApp o caricamento di foto su Instagram, almeno finché non trovate una presa… sempre che abbiate con voi la spina! Meglio optare per un powerbank, no? Proprio di questi utili dispositivi parliamo in questa pagina, consigliandovi anche i modelli che maggiormente ci hanno impressionato. Se non avete tempo di leggere dall’inizio alla fine la nostra guida vi possiamo anticipare che non rimarrete delusi dal AUKEY Powerbank dotato di ben 20.000 mAh di potenza che gli permettono di caricare molte volte i dispositivi prima di scaricarsi. Dispone di due USB e di un sistema di sicurezza per prevenire sovraccarichi e corto circuiti. Pensato per ricaricare un solo smartphone ma molto velocemente è invece l’Anker PowerCore 10000, realizzato per fornire una quantità di energia ottimizzata in base alla tipologia di apparecchio collegato.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior caricabatterie

 

Gli smartphone sono diventati oggetti indispensabili ed è difficile immaginare di poterne fare a meno. Per la ricchezza di funzioni di cui dispongono, però, tendono a scaricarsi piuttosto velocemente ed è dunque indispensabile avere sempre a disposizione un caricabatterie.

Nella nostra guida all’acquisto abbiamo messo in evidenza quali aspetti considerare nel caso tu voglia acquistare un caricabatteria nuovo. Confronta prezzi e caratteristiche dei modelli consigliati in basso.

Guida all’acquisto

 

Questione di standard

Fino a qualche anno fa lo standard di connessione tra smartphone e caricabatterie era uno dei motivi che spingeva gli utenti a scegliere telefoni sempre dello stesso brand, visto che tutti i produttori delle migliori marche adottavano ingressi e connettori proprietari. Era così praticamente impossibile, per esempio, utilizzare il caricabatteria di un Nokia per ricaricare un Motorola.

Negli ultimi anni le aziende si sono messe d’accordo e hanno identificato uno standard comune, ovvero quello micro USB. La stragrande maggioranza di smartphone sul mercato, dunque, accetta caricabatteria con questo formato e potrai “riciclare” quello del tuo cellulare qualora dovessi cambiarlo con uno più recente.

Naturalmente ci sono delle eccezioni. La prima è rappresentata da Apple, unica società che non ha adottato l’ingresso micro USB sui suoi dispositivi. I vari modelli di iPhone e iPad, infatti, sfoggiano un ingresso proprietario, chiamato lightning e compatibile solo con caricabatterie ad hoc. Ha però l’indiscutibile vantaggio di poter inserire il connettore senza preoccuparsi del verso.

Scelta che è stata seguita da quella che si propone come l’evoluzione della micro USB, ovvero l’USB di tipo C, probabilmente destinata nel prossimo futuro a essere adottata dalla maggioranza delle aziende produttrici di device mobili.

 

Le differenze di corrente

Osservando la batteria che devi ricaricare noterai che riporta una serie di valori che sono particolarmente importanti per capire quanto deve essere potente la powerbank che si occuperà di ricaricarla.

Fondamentalmente i dati si riferiscono alla corrente in entrata (input) e in uscita (output). I primi ti informano sulla tensione che è in grado di sopportare (che è espressa in volt e, per il mercato italiano, deve essere di 240) e sulla frequenza di distribuzione (espressa in Hertz e che è di 50 per gli standard italiani).

Il valore di output, invece, si riferisce alla tensione elettrica che il caricabatteria fornisce e che deve allinearsi a quello che la batteria dello smartphone è in grado di sopportare. Un caricabatteria con un valore molto più alto, infatti, correrebbe il rischio di “bruciare” la batteria.

Meglio originale

L’amperaggio è il dato relativo al quantitativo di corrente elettrica erogata dal caricabatteria ed è misurato in mAh (milliAmpere/ora). Conoscendo la capienza massima della batteria che dovrai ricaricare, diventa facile capire quanto deve essere potente il modello che dovrai scegliere. In generale, comunque, sono gli stessi smartphone a definire il quantitativo di corrente in entrata, in modo da evitare qualsiasi rischio o danneggiamento.

Al di là degli aspetti più tecnici, ai primi posti della classifica delle discriminanti di cui tenere conto, secondo noi c’è la scelta di puntare sull’originale, ovvero su un caricabatteria della stessa marca del tuo telefono.

È vero che sul mercato ci sono molti dispositivi compatibili, grazie ai quali risparmiare qualcosa sul prezzo d’acquisto, però un prodotto originale (e lo puoi valutare anche leggendo le recensioni di questi modelli) garantisce una maggior tranquillità e un funzionamento impeccabile per tutto il ciclo vitale della batteria.

 

I migliori caricabatterie del 2019

 

Oggi difficilmente possiamo rinunciare al nostro smartphone o a uno dei sempre più numerosi dispositivi elettronici che la tecnologia continuamente ci propone. Ma siccome ognuno di questi congegni va alimentato, non possiamo fare a meno neanche di un buon caricabatterie. Tra i tanti presenti sul mercato, noi ve ne consigliamo cinque, in modo che possiate fare una comparazione.

 

Prodotti raccomandati

 

Aukey POWERBANK

Principale vantaggio:

Estremamente potente, arriva fino a 20.000 mAh grazie ai quali è possibile ricaricare fino a cinque o sei volte gli iPhone XS e XR e fino a quattro volte i Samsung Galaxy Note 9. Con la doppia porta USB si potranno mettere in carica anche altri dispositivi come gli altoparlanti Bluetooth.

 

Principale svantaggio:

Per poter attivare la carica è necessario premere il tasto di accensione del powerbank. Alcuni utenti hanno trovato questa funzione un po’ scomoda, dato che spesso ci si può scordare di accendere la powerbank per avviare la ricarica.

 

Verdetto: 9.8/10

Il suo ottimo rapporto qualità-prezzo e la potenza elevata l’hanno reso uno dei powerbank più apprezzati e acquistati dagli utenti online. Consigliato a chi possiede smartphone di ultima generazione e ha bisogno di tenerli sempre in carica.

Acquista su Amazon.it (€25,99)

 

 

Descrizione caratteristiche principali

 

Potente

L’effettiva capacità di carica di un powerbank viene misurata in mAh, a seconda dei quali viene stabilito quante volte può ricaricare un dispositivo. Questo modello di Aukey è molto potente, infatti si presenta con ben 20.000 mAh che si possono sfruttare per ricaricare più volte diversi dispositivi.

È particolarmente consigliato per i dispositivi con sistema operativo iOS come l’iPhone XS e l’iPhone XR. Con questi si comporta molto bene, infatti li può ricaricare pienamente fino a cinque o sei volte, in modo da tenerli sempre pronti all’uso anche durante una giornata particolarmente lunga. Anche con i Samsung Galaxy non delude, sebbene il numero di cariche piene arrivi solo a quattro. 

Universale

Una delle caratteristiche più apprezzate di questo prodotto è la sua estrema versatilità. Come abbiamo già evidenziato, si rivela molto performante con gli smartphone targati Apple, ma in realtà va benissimo anche per ricaricare altri dispositivi. Per esempio sarà possibile ricaricare gli altoparlanti Bluetooth, così se li portate con voi in viaggio potete tenerli sempre attivi per ascoltare musica o usare il vivavoce.

Si possono caricare fino a due dispositivi contemporaneamente grazie alla doppia porta USB, ovviamente sacrificando più mAh. Per ricaricarlo basta attaccarlo alla presa della corrente tramite un trasformatore con cavo USB, oppure sfruttando un cavo Lightning in grado di ricaricare il powerbank mentre sta fornendo carica a un dispositivo. 

 

Sicuro

A livello di sicurezza si può stare davvero tranquilli grazie al sistema di sicurezza avanzato del prodotto. Aukey ha dotato il suo powerbank di protezione contro il sovraccarico, il cortocircuito e il surriscaldamento che permettono all’utente di caricare i dispositivi in tutta sicurezza. Anche lasciandoli attaccati quando la carica è piena non si correrà alcun rischio. L’articolo dispone anche di un tasto di accensione che probabilmente il produttore ha pensato fosse una buona aggiunta.

In realtà gli utenti non sono rimasti molto contenti, perché costringe a ricordarsi di accendere la powerbank per poter attivare la carica. Nonostante questo difetto, il powerbank di Aukey rimane uno dei più venduti online.

 

Acquista su Amazon.it (€25,99)

 

 

 

Anker PowerCore 10000

 

Un dispositivo che riesce ad abbinare una buona potenza, garantita dai suoi 10.000 mAh, a dimensioni compatte e a un peso non eccessivo. In questo modo potrete disporre di una riserva di energia per smartphone e tablet senza dovervi trascinare una sorta di zavorra.

Pur mantenendosi compatto è in grado, quando è a piena carica, di restituire l’energia a un iPhone 6 per quattro volte e a un Samsung Galaxy S6 per tre volte prima di aver bisogno di essere messo in carica a sua volta. Grazie alla tecnologia intelligente sviluppata dall’azienda produttrice il powerbank è in grado di “riconoscere” il dispositivo collegato e ottimizzare la velocità, abbinando velocità e sicurezza.

L’Anker PowerCore dispone di una sola porta Usb a cui collegare smartphone o tablet, dunque è possibile ricaricare un solo dispositivo alla volta, scelta un po’ limitante visto che non mancano prodotti concorrenti con un numero superiore di ingressi.

Vi ha convinto questo caricabatterie oppure vi rimane qualche dubbio? Proviamo a schiarirvi ulteriormente le idee con l’elenco di pregi e difetti.

 

Pro

Ottimizzato: Grazie alla tecnologia Anker Power IQ, il caricabatteria è in grado di identificare il tipo di dispositivo collegato e rilasciare il giusto quantitativo di energia, nei tempi più rapidi possibile.

Leggero: Nonostante abbia una potenza di ben 10.000 mAh, il prodotto mantiene dimensioni e peso contenuti e in questo modo non è gravoso portarlo sempre con sé, in tasca come in borsa.

Veloce: Riesce a ricaricare il cellulare velocemente, in particolare quelli dotati di sistema di ricarica rapida.

 

Contro

Uno alla volta: Il powerbank è dotato di un solo ingresso Usb e dunque permette di ricaricare uno smartphone o un tablet alla volta. Non comodissimo per chi ha sempre in mano due o tre device diversi.

Acquista su Amazon.it (€19,99)

 

 

 

RAVPower – 10000 mAh

 

Il RAVPower magari non è potente come altri powerbank sul mercato, ma compensa con le sue misure davvero compatte che lo rendono estremamente comodo per chi viaggia spesso. È più piccolo di uno smartphone, per questo non ci sarà alcun problema a metterlo in valigia o nello zaino senza ingombrare troppo spazio.

La potenza di 10.000 mAh permette di ricaricare smartphone di ultima generazione come iPhone 7 e Galaxy S8 fino a due volte, mentre con gli iPad arriva ad un 1,2 volte. Dispone di due ingressi grazie ai quali sarà possibile collegare due dispositivi contemporaneamente, ideale per chi viaggia in coppia o dispone sia di smartphone sia di tablet.

Tra i vantaggi segnaliamo la protezione contro sovraccarico, surriscaldamento e corto circuito che tengono al sicuro i vostri dispositivi quando raggiungono la massima carica e si lasciano collegati al powerbank.

 

Pro

Dimensioni: Pratico e compatto, questo dispositivo è estremamente comodo per chi viaggia spesso o per chi vuole tenere sempre smartphone e tablet in piena carica quando non è in casa. Si può inserire in valigia, nella borsa o nello zaino senza occupare spazio.

Sicuro: La protezione contro il sovraccarico, il surriscaldamento e il corto circuito consentono di tenere i dispositivi attaccati anche dopo che sono stati ricaricati pienamente, senza il rischio di fondere la batteria.

Doppia USB: Caricate due dispositivi contemporaneamente grazie alle due porte USB. Una soluzione molto pratica per chi dispone di più smartphone, tablet o per chi viaggia in coppia.

 

Contro

Potenza: Con soli 10.000 mAh le ricariche consecutive saranno piuttosto ridotte, specialmente con smartphone di ultima generazione e tablet.

Segnale blu: L’indicatore luminoso rimane sempre acceso, quindi non indica con precisione quando la carica di un dispositivo è stata completata.

Acquista su Amazon.it (€16,99)

 

 

 

EasyAcc Ultra Compact 15000mAh

 

Il miglior caricabatterie del 2019 riteniamo sia il modello Ultra Compact della EasyAcc. Il suo design accattivante è solo uno degli aspetti che lo rendono vincente. Portatile, dalla capacità di ben 15000 mAh (55,5 Wh), con batteria ricaricabile al litio polimero, viene fornito con un cavetto micro USB da 20 cm e uno da 60 cm.

È dotato di tre prese in tutto: una per la power bank stessa e due per altrettanti dispositivi che possono essere ricaricati contemporaneamente. In pratica è possibile stare fuori casa e non doversi portare dietro alcun filo per un tempo molto superiore rispetto ad altri prodotti simili. Infatti, grazie alla strabiliante capacità di 15000 mAh, è possibile ricaricare, ad esempio, un iPhone 5 addirittura otto o nove volte oppure un iPad mini due volte. Le uscite sono da 2,1 A e 1,5 A (per tablet e smartphone).

Per chi abbia necessità di utilizzarlo appena uscito dalla scatola, la power bank della EasyAcc arriva già completamente carica. Il prezzo rimane non elevato.

Trovarsi fuori, aver bisogno di ricaricare il proprio dispositivo mobile e non avere la possibilità di poterlo fare potrebbe farti pentire di non aver fatto l’acquisto giusto. Eccoti allora i pro e i contro di questo caricabatterie.

 

Pro

Multipresa: Caratteristica che ha reso molto appetibile questo prodotto tra gli utenti di qualsiasi età è la possibilità di potergli collegare, simultaneamente, fino a tre differenti dispositivi attraverso le tre opportune porte dedicate.

Design: Il caricabatterie è stato disegnato secondo uno stile elegante ma al tempo stesso sobrio, in modo da renderlo appetibile a entrambi i sessi oltre che a qualsiasi contesto.

Cavetti inclusi: Nel pacco che riceverai a casa troverai anche due cavetti, di diversa lunghezza, che ti faranno risparmiare tempo e soldini.

 

Contro

Peso: Alcuni utenti, nei loro pareri, hanno evidenziato come tale prodotto abbia un peso forse al di sopra di altri prodotti e marchi della stessa categoria. Probabilmente tale svantaggio è legato alle dimensioni delle batterie ricaricabili.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Samsung ETA0U10EBE

 

Diamo un ultimo consiglio che, speriamo, possa rivelarsi utile a chi sta navigando nel mare delle infinite offerte di caricabatterie USB e MicroUSB.

Questa volta vogliamo parlare del modello da parete Samsung: si tratta di un prodotto molto semplice ed economico ma valido. Il tempo di ricarica non è paragonabile ad altri prodotti di qualità superiore ma è, comunque, accettabile. È un dispositivo che fa quello che deve fare senza sfoggio di enorme tecnologia ma anche senza problemi. Da viaggio, leggero, adatto a chi non bada tanto ai fronzoli ma, principalmente, alla sostanza e al prezzo. Tra i caricabatterie Samsung venduti in Italia, resta uno dei più diffusi.

L’involucro esterno si presenta di buona fattura, il connettore si inserisce con facilità. In generale stiamo parlando di un prodotto che può vantare un buon rapporto qualità/prezzo. Non possiamo dire che sia il miglior caricabatterie portatile esistente in circolazione ma entra di diritto nella nostra top 5 del 2019.

La guida per la scelta del caricabatterie più economico presente sul mercato si conclude con l’elenco dei pro e dei contro del prodotto offerto da Samsung e con il link da dove poterlo acquistare.

 

Pro

Prezzo: Il maggior aspetto positivo che sembra emergere dalle recensioni che gli utenti hanno fornito circa questo prodotto, è il suo prezzo decisamente tra i più economici dei prodotti della stessa categoria.

Design e materiali: Altro aspetto positivo che è possibile estrapolare dal giudizio degli utenti è la buona fattura dei materiali impiegati e il discreto design con cui il fabbricante ha realizzato il prodotto.

 

Contro

No USB: Il fatto di non possedere la porta USB significa che puoi ricaricare soltanto dalla presa di corrente. Si tratta di una limitazione che probabilmente, oggi, non puoi più accettare.

Tempo di ricarica: Gli utenti che hanno acquistato il caricabatterie hanno lamentato tempi di ricarica davvero lunghi e per nulla preventivati dalla lettura delle specifiche tecniche.

Acquista su Amazon.it (€2,69)

 

 

 

Come utilizzare un caricabatterie

 

La batteria degli smartphone e dei dispositivi odierni, di cui non possiamo fare a meno, ha una durata estremamente limitata, a volte incapace di raggiungere persino le 24 ore. Un tempo, con i vecchi telefoni cellulari, non si avevano di questi problemi dal momento che le funzioni erano limitate e non avevano un impatto esoso sulla batteria.

Il problema della batteria

Oggigiorno con applicazioni, giochi, musica e perfino film a portata di smartphone, è fin troppo difficile arrivare a fine giornata con un dispositivo ancora carico.

Per ovviare a questo problema, il mercato ha messo a disposizione i caricabatterie, chiamati anche powerbank o batterie esterne.

Si tratta di batterie compatte, con diversa capacità, da collegare ai propri dispositivi tramite cavo USB per ricaricarli all’occorrenza.

In vendita già da diversi anni, hanno visto un’evoluzione nel tempo. I primi caricabatterie erano infatti molto limitati e ingombranti, con capacità di poco più di 2.000 mAh. Man man però sono stati adattati alle esigenze degli utenti e oggi è possibile trovare caricabatterie compatti da oltre 10.000 mAh, in grado di ricaricare completamente anche otto volte uno smartphone.

 

Quale scegliere?

Per scegliere quello adatto a voi dovete innanzitutto valutare che tipo di smartphone avete. Alcuni caricabatterie si differenziano per funzioni a seconda abbiate un prodotto con sistema operativo iOS oppure Android.

Altro fattore da considerare è come avviene il collegamento del caricabatterie. Sul mercato esistono smartphone con collegamenti mini USB, micro USB, USB tipo C e Lightning. Munirsi di un caricabatterie con pochi slot non rappresenta un acquisto sbagliato, tuttavia, in caso cambiate smartphone potreste andare incontro a incompatibilità per il collegamento. Consigliamo quindi di optare per un prodotto che offra diverse possibilità di collegamento.

 

Due o più slot USB

Se avete più di un dispositivo con voi, oppure condividete il prodotto con amici e parenti potreste preferirne uno che abbia almeno due slot USB in grado di funzionare simultaneamente e caricare due o più dispositivi alla volta. Il prezzo sarà sicuramente più alto ma garantirà una versatilità maggiore.

Per utilizzare al meglio il caricabatterie, vi consigliamo, dopo averlo acquistato, di collegarlo a un computer o una presa di corrente elettrica per caricarlo al massimo. A seconda dei milliampere potrebbe richiedere svariate ore per raggiungere la carica massima.

Stato del caricamento

Solitamente è possibile visualizzare lo stato tramite LED o display con la percentuale di carica. Una volta raggiunto il 100% potrete scollegarlo e portarlo con voi avendo premura di non dimenticare i cavi necessari al collegamento con smartphone, i quali potrebbero differire da quelli necessari per il caricamento.

Quando il vostro telefono comincia a dare segni di cedimento, arriva il momento di far entrare in azione il caricabatterie. Il funzionamento è estremamente semplice, inserite il cavo con l’uscita USB all’interno dell’apposito slot del caricabatterie, l’altro capo del cavo invece va inserito nello smartphone.

A seconda del prodotto potrebbe essere necessario premere un pulsante di avviamento per accendere il dispositivo e permettergli di erogare energia elettrica.

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Coolreall 20000mAh

 

Se siete costantemente assetati di energia per i vostri dispositivi elettronici e trascorrete buona parte della vostra giornata lontani da una presa di corrente, la soluzione powerbank è praticamente obbligata. Se le vostre esigenze di ricarica non riguardano solo un cellulare, questo prodotto di Coolreall fa al caso vostro.

Ha una potenza di ben 20.000 mAh il che si traduce nella capacità di ricaricare fino a tre dispositivi contemporaneamente, collegandoli ad altrettante porte Usb del caricabatterie. Con un pieno, tanto per fare un esempio, è in grado di ricaricare un iPhone 7 per circa otto volte o un tablet iPad Mini per tre volte. Oltre che con i dispositivi Apple è compatibile anche con quelli Android.

La sicurezza degli smartphone o dei tablet collegati è assicurata dallo spegnimento automatico nel caso il powerbank rilevi un sovraccarico o un cortocircuito. Le dimensioni sono significative e dunque tenetene conto se pensate di averlo spesso in tasca o in borsa. La ricarica completa del caricabatterie impiega quasi 15 ore, altro elemento da valutare per averlo sempre pronto all’uso.

Spazio ora all’elenco di pro e contro che vi saranno utili per decidere se acquistare o meno questo powerbank.

 

Pro

Tanta potenza: Un caricabatterie da 20.000 mAh e dunque in grado di restituire energia a uno smartphone per circa otto volte o di ricaricare tre dispositivi mobili in contemporanea.

Sicurezza: Grazie alla funzione di spegnimento automatico in caso di sovraccarico o di corto circuito, i dispositivi collegati non correranno mai alcun rischio.

Economico: Con questo powerbank vi porterete a casa un bel carico di energia d’emergenza per lo smartphone a un prezzo molto competitivo.

 

Contro

Pesante: Tanta potenza si paga, non in termini economici ma per il peso, visto che si tratta di un caricabatterie che difficilmente riuscirete a tenere in tasca. Meglio prevedere di metterlo nello zaino o in borsa.

 

 

RAVPower RP-SC01

 

Nel caso in cui desideriate un consiglio su quale caricabatterie solare comprare, la nostra scelta cade sul modello della RAVPower. I motivi sono presto detti: si tratta, infatti, di un caricabatterie molto particolare per via della sua forma ad astuccio (o libretto) pieghevole. Ha un rivestimento robusto in nylon che ne consente l’utilizzo in qualsiasi condizione atmosferica.

Dispone di due porte USB con tecnologia iSmart che garantisce 100% di compatibilità e velocità nella ricarica.

Caricabatterie da 9 W, con ingresso da 5 W, sfrutta benissimo l’energia solare e funziona anche col cielo velato; con i quattro ganci a moschettone forniti può essere fissato agevolmente ai supporti più diversi quando si è all’aperto, oppure semplicemente steso sulla propria auto.
Si tratta di un prodotto pratico, compatto, resistente. È ideale per chi va in campeggio ed è apprezzato da tutti coloro che hanno a cuore la ricerca di dispositivi il più possibile eco-compatibili.

Spesso ci sono delle soluzioni progettuali talmente semplici che quando vengono applicate quasi ti stupisci che nessuno ci abbia pensato prima. Ѐ questo il caso del caricabatterie a energia solare, di cui discutiamo adesso pro e contro.

 

Pro

Energia solare: Il punto di forza di questo nuovo caricabatterie è il suo principio di funzionamento, basato sull\\\’apporto energetico della luce del Sole. Un sistema di piccoli pannelli fotovoltaici crea le correnti e le tensioni opportune a permetterti di ricaricare i tuoi dispositivi.

Design: Leggero e molto semplice da utilizzare, il prodotto si presenta con un design nella classica forma dell\’astuccio. In tal modo potrai portarlo sempre con te, in mare, in montagna, in campeggio.

Compatibilità: Il caricabatterie ha un’elevata compatibilità con quasi tutti gli standard più diffusi sul mercato. Pertanto potrai utilizzarlo per moltissimi device.

 

Contro

No batterie: Il caricatore è utilizzabile soltanto quando l\\\’energia luminosa consente al sistema fotovoltaico di poter funzionare. L\\\’assenza di una batteria non ti permette di poter immagazzinare questa energia per riusarla, magari, la sera.

 

 

RAVPower RP-WCN7

 

Proseguendo in questa nostra classifica, rispondiamo qui a chi cerca un consiglio su come scegliere un buon caricabatterie wireless. La nostra scelta ricade su un altro modello della RAVPower.

In generale va detto che quando si usano dispositivi senza fili, bisogna controllare che il proprio smartphone sia compatibile con lo standard Qi e bisogna ricordare che potrebbe essere necessario rimuovere la custodia durante la ricarica.

Detto questo, il modello che qui collochiamo al terzo posto ha un design moderno, elegante e si trasporta facilmente. È plug & play, quindi non occorre alcun driver per l’installazione. Inoltre una spia a led indica lo stato della ricarica e, quando questa è completa, il dispositivo si spegne automaticamente.
Si tratta di un caricabatterie comodo e sottile; ricarica con una velocità leggermente inferiore ai modelli dotati di cavo e consuma pochissimo quando è in stand by; considerate le prestazioni, è un prodotto che mantiene un buonissimo rapporto qualità/prezzo.

La nota casa costruttrice offre sempre spunti progettuali molto interessanti. In questo modello, per esempio, si propone la filosofia del wireless, considerata dagli utenti un punto di grande forza per il prodotto in recensione. Eccoti allora pro e contro del caricabatterie e il link da dove acquistarlo.

 

Pro

Wireless: Questo caricabatterie presenta l’interessante caratteristica di essere wireless, ovvero di non necessitare di alcun contatto fisico tra l’elemento sorgente e il tuo dispositivo da ricaricare.

Plug&Play: Inoltre, con questo caricabatterie non devi nemmeno preoccuparti di eventuali installazioni e configurazioni di qualsiasi tipo. Il produttore, infatti, ha fatto la sua scelta progettuale: tutto è plug&play.

 

Contro

Accessori: Alcuni utenti, nei loro pareri, hanno segnalato come la qualità degli accessori (specialmente del cavetto microUSB), spesso abbia lasciato a desiderare già solo dopo pochissimi giorni dall\’acquisto.

 

 

AmazonBasics RFQ234-EU

 

Tra i nostri consigli d’acquisto non può mancare il modello da parete di AmazonBasics. Ci sono diversi vantaggi che l’acquirente troverà in questo caricabatterie: si tratta, infatti, di un dispositivo comodo, piccolo al punto da entrare in una tasca e, inserito in una presa multipla, non dà fastidio alle altre; in più è anche economico.

Ha un’uscita USB fino a 2,1 A nel senso che eroga meno ampere se il dispositivo da caricare ne richiede una quantità inferiore; non rovina la batteria del telefono o del tablet e non si surriscalda. È silenzioso e sufficientemente veloce; possiamo dire che, in generale, si tratta di un dispositivo semplice e funzionale; non ha la classica spia a led che indica lo stato della ricarica mentre l’involucro esterno di plastica è buono e ben rifinito.

È un prodotto solido, che non ha eccessive pretese ma che fa bene il suo lavoro: uno tra i migliori caricabatterie universali venduti online.

La recensione di un qualsiasi prodotto, specialmente se tra i più economici tra quelli presenti sul mercato, non può mancare dell’importante momento finale della sintesi e della comparazione tra aspetti positivi e aspetti negativi segnalati dalle recensioni degli utenti.

 

Pro

Funzionalità: Il caricabatterie AmazonBasics ti permette di poter ricaricare il tuo dispositivo in maniera veloce e senza alcuna dissipazione inutile di energia (gli utenti non segnalano infatti effetti indesiderati di surriscaldamento del caricabatterie).

Materiali: I materiali impiegati sono scelti dal fabbricante con cura e attenzione: tutte le componenti in plastica sono realizzate con sostanze che ne garantiscono solidità e resistenza nel tempo.

 

Contro

Design: Alcuni utenti, nei loro pareri, segnalano come, in fondo, sarebbe bastato poco a rendere decisamente più gradevole alla vista l\’intero prodotto.

Accessori: Il caricabatterie non è corredato da accessori. Ciò significa che devi provvedere in maniera autonoma ad acquistare eventuali cavetti supplementari.

 

 

Nuobk NBK-CDBao-002

Principale vantaggio:

Grazie alla capacità di 20.000 mAh, il caricabatterie Nuobk può effettuare numerose ricariche dei propri dispositivi prima di scaricarsi a sua volta. Grazie alle due porte USB, se ne possono caricare due contemporaneamente.

 

Principale svantaggio:

Avendo una capacità di 20.000 mAh è normale che sia più ingombrante e pesante dei caricabatterie meno potenti. Questo modello, inoltre, non supporta la ricarica rapida Quick Charge 3.0.

 

Verdetto 9.8/10

È una powerbank con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Gradevole esteticamente, ha una superficie gommata piacevole al tatto. Chi ha un dispositivo Apple può usare lo stesso cavo Lightning per caricare la powerbank. Ottima la presenza del display, e non dei Led, che indica chiaramente lo stato della batteria.

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Praticità

La powerbank Nuobk, rispetto alle altre, presenta alcune caratteristiche che la rendono più pratica, due in particolare. In primo luogo, colpisce la presenza del display che indica in qualsiasi momento lo stato di carica della batteria.

Il vantaggio è che è possibile conoscerlo con precisione perché viene segnalato chiaramente in percentuale, per esempio 10%, 50%, 100%: in questo modo l’utilizzatore sa sempre esattamente quanta carica rimane e non rischia brutte sorprese. Tutta un’altra storia rispetto agli indicatori Led.

In secondo luogo, va evidenziata la presenza dell’ingresso Lightning: in questo caso il vantaggio è che chi possiede un iPhone o un dispositivo mobile Apple non deve portare un altro cavetto per ricaricare la powerbank perché basta quello in dotazione con lo smartphone. Chi ha uno smartphone non Apple può usare l’ingresso micro USB e il relativo cavetto in dotazione.

Due porte USB e sicurezza

Un altro vantaggio del caricabatterie Nuobk che lo rende versatile e completo è la presenza di due porte USB che consentono di caricare due dispositivi contemporaneamente. In particolare, gli ingressi sono da 5V / 1A e da 5V / 2,1A.

Una powerbank moderna come questa dispone naturalmente di tutti gli accorgimenti tecnici che assicurano la massima protezione da surriscaldamento, sovracorrente, bassa tensione, cortocircuito e proteggono lo smartphone e il caricatore stesso.

Per caricarlo ci si impiegano parecchie ore e su questa variabile influisce il cavetto di ricarica utilizzato e la fonte: collegandolo alla presa di corrente si ricarica prima che collegandolo a un computer. Mentre è in carica permette di caricare un altro dispositivo ma in questo caso occorrerà più tempo.

Non supporta la ricarica rapida Quick Charge 3.0 ma rimane comunque un ottimo modello acquistabile a un prezzo allettante.

 

Capacità

Il caricatore Nuobk spicca per la presenza della potente batteria al litio che garantisce un’elevata capacità di ben 20.000 mAh. In questo modo sarà possibile ricaricare, per esempio, un iPhone X sei volte, un iPhone 7 otto volte, un Galaxy S6 sei volte, un iPad mini4 quasi due volte prima di dover caricare di nuovo la powerbank.

Lo svantaggio è che il dispositivo pesa un po’ più degli altri (330 grammi) ed è un po’ più ingombrante: è alto 16 cm, circa 2 cm in più di un iPhone 7, per esempio. Ma questo è inevitabile, chi cerca la massima comodità di trasporto e una powerbank di piccole dimensioni deve orientarsi su modelli necessariamente meno capaci, come quelli presenti in basso nella classifica.

Niente di ingestibile, comunque: il caricabatterie sta tranquillamente in una mano, in tasca, ha anche un design molto gradevole con la superficie gommata morbida al tatto e sicura nella presa.

 

 

Puridea S5 Ultra Compact

 

Se avete esclusivamente la necessità di ricaricare il vostro smartphone quando siete in giro ma non esigenze particolari né di rapidità né di dover collegare più dispositivi in contemporanea, allora questo prodotto di Puridea può fare al caso vostro. Si caratterizza innanzitutto per un prezzo davvero economico che abbina a dimensioni estremamente compatte.

Il peso leggero e lo spessore di soli 17 millimetri rendono il trasporto del caricabatteria per nulla gravoso, trasformando il dispositivo in un fedele compagno di viaggio. La sua potenza di 7.000 mAh è più che adeguata per ripristinare l’energia di uno smartphone per 2 o 3 volte e non manca la capacità di bloccarsi per evitare sovraccarichi o di smettere di ricaricare una volta completato il processo. La velocità con cui ricarica completamente uno smartphone non è elevata e questo aspetto ha lasciato un po’ di amaro in bocca ad alcuni utenti.

Numerosi i colori disponibili tra i quali scegliere il vostro powerbank, sempre che vi abbiano convinto le sue caratteristiche e abbiate soppesato adeguatamente i pro e i contro, che per comodità ricapitoliamo di seguito.

 

Pro

Accessori: Il caricabatterie non è corredato da accesLeggero:Un modello pensato per viaggiare in coppia con il vostro smartphone, per nulla pesante e con uno spessore ridotto che lo rende comodo da infilare anche nella tasca della giacca.ori. Ciò significa che devi provvedere in maniera autonoma ad acquistare eventuali cavetti supplementari.

7.000 mAh: La potenza che sprigiona è adeguata per ricaricare un cellulare o un tablet anche due o tre volte prima di aver bisogno di essere messo a sua volta in carica.

Un tocco di colore: Numerose le colorazioni a disposizione, così da meglio intonarlo alla scocca del cellulare o semplicemente per soddisfare il vostro gusto estetico. Prezzo molto vantaggioso.

 

Contro

Lento: Per completare la ricarica completa di uno smartphone di mette diverse ore, un elemento di cui tenere conto nel momento dell’acquisto.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...