Gli 8 migliori filtri polarizzatori del 2021

Ultimo aggiornamento: 21.09.21

Filtri polarizzatori – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

I filtri polarizzatori sono ottimi per incrementare la saturazione dei colori e ottenere foto migliori senza ricorrere alla post-produzione, ma le loro prestazioni sono diverse a seconda della fascia di prezzo. Abbiamo dato un’occhiata ravvicinata ai prodotti più richiesti in commercio attualmente, appartenenti sia alla fascia alta sia a quelle media e bassa di mercato, e abbiamo scoperto che, a dispetto del prezzo elevato, ai primi posti si collocano due filtri professionali: il Nikon C-PL II FTA11501, nella versione da 62 millimetri di diametro, e il Canon PL-C B da 58 millimetri di diametro, molto usato anche dai fotoamatori esperti ed esigenti.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori filtri polarizzatori – Classifica 2021

 

I filtri esaminati di seguito sono quelli attualmente più richiesti, ma sono estrapolati da diverse fasce di mercato, ai primi posti si trovano i filtri professionali, costosi ma al top delle prestazioni.

 

 

Filtro polarizzatore Nikon

 

1. Nikon C-PL II FTA11501 filtro polarizzatore circolare standard

 

Il filtro polarizzatore Nikon C-PL II è un accessorio originale, quindi consigliato ai possessori di reflex Nikon i quali, tra l’altro, lo ritengono uno dei migliori filtri polarizzatori del 2021. Risulta più caro rispetto ai filtri prodotti dalle ditte specializzate in accessori fotografici ma, a parte l’alta qualità, il C-PL II ha dalla sua il fatto di essere ottimizzato per garantire il massimo della resa alle ottiche Nikkor.

La variante da 62mm di diametro è richiesta dai fotoamatori esperti, in quanto è compatibile in prevalenza con gli obiettivi a focale fissa AF Nikkor 20mm, 60mm, 85mm, 105mm e 200mm, e con lo zoom AF Nikkor 70-300mm; ma è disponibile in altri cinque diametri a seconda delle esigenze dell’utente.

Il C-PL II è uno dei filtri polarizzatori più venduti ai possessori di reflex Nikon, a dispetto del prezzo e a prescindere dal tipo di obiettivo e classe di appartenenza della reflex.

 

Pro

Alta qualità: La resa con gli obiettivi Nikkor è eccellente, d’altronde è un filtro originale prodotto in Giappone dallo stesso comparto che produce gli obiettivi, infatti è dotato anche degli speciali rivestimenti multistrato.

Compatibilità: Essendo disponibile in sei diversi diametri ha una compatibilità pressoché completa con tutte le ottiche Nikkor, sia quelle generiche sia le professionali, e di qualsiasi tipo: zoom e focale fissa.

Elevata risoluzione: In comparazione ai filtri compatibili, che di solito sono venduti a prezzi bassi, il filtro polarizzatore Nikon assicura una resa elevata anche per quanto riguarda la nitidezza.

 

Contro

Prezzo: Il costo di un singolo filtro è molto alto, soprattutto rispetto a quelli compatibili, quindi è destinato esclusivamente agli utenti Nikon più esigenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore Canon

 

2. Canon PL-C B filtro polarizzatore circolare standard

 

Lo stesso discorso fatto il Nikon C-PL II, in linea di massima, vale per il filtro polarizzatore Canon PL-C B che, secondo il parere dei numerosi acquirenti soddisfatti, è il miglior filtro polarizzatore per coloro che possiedono una reflex e relativi obiettivi prodotti dall’azienda nipponica.

Si tratta infatti di un accessorio originale di qualità superiore ma, a differenza del filtro Nikon, il Canon PL-C B è disponibile soltanto in due misure, 58 o 72 millimetri di diametro. È compatibile con gli obiettivi EF 24mm, 28mm, 50mm, 85mm, 100mm, 70-300mm, 75-300mm, con gli EF-S 18-55mm e 55-250mm, con lo EF-M 28mm, con lo MP-E 65mm, con il TS-E 90mm, con diverse videocamere e fotocamere, anche speciali.

Le prestazioni offerte da questo filtro polarizzatore sono ottimizzate per le ottiche Canon ovviamente, ma sono compatibili anche con gli obiettivi Tamron, Sigma, Samyang e tutti gli altri che montano lenti dello stesso diametro.

 

Pro

Ampia compatibilità: Il formato delle lenti è più standardizzato rispetto a quello degli obiettivi prodotti da altre ditte, quindi offrono il vantaggio di essere compatibili con un elevato numero di obiettivi, non soltanto Canon.

Basso profilo: Il telaio del filtro polarizzatore Canon presenta un bordo a basso profilo che gli permette di attenuare notevolmente la vignettatura, che in genere viene accentuata con il montaggio dei filtri.

Ottime prestazioni: Il filtro aiuta a ridurre i riflessi sui materiali non metallici e aumenta la saturazione dei colori, inoltre ha un effetto omogeneo su tutta l’immagine e non solo al centro.

 

Contro

Prezzo: Anche in questo caso si tratta di un filtro originale Canon e quindi dal costo molto elevato. È un prodotto di nicchia per professionisti e fotoamatori molto esigenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore Hoya

 

3. Hoya Pro1 Digital MC PL-C filtro polarizzatore circolare

 

Tra i diversi filtri compatibili venduti online, il Pro1 Digital è considerato uno dei più affidabili e prestanti; non a caso, infatti, è prodotto dalla nota azienda giapponese Hoya, famosa per produrre lenti di alta qualità.

Il filtro polarizzatore Hoya MC PL-C è stato progettato apposta per le fotocamere e le videocamere digitali; è dotato di rivestimento multistrato per ridurre i riflessi e ha il bordo ultra-sottile, in modo da evitare la vignettatura su determinati tipi di obiettivi. È disponibile in ben tredici diversi diametri, a partire da 37 fino a 82 millimetri, ma tra le versioni più richieste spicca soprattutto quella da 67 millimetri di diametro. 

Questa è apprezzata soprattutto dai fotoamatori, grazie al prezzo decisamente più accessibile rispetto ai filtri originali, ma questi ultimi hanno una resa maggiore. Le sue ottime caratteristiche, in ogni caso, rendono il filtro Hoya adatto a soddisfare le esigenze dei fotoamatori più esigenti.

 

Pro

Ottima qualità: Il filtro è prodotto dalla ditta giapponese Hoya, specializzata nel settore di produzione delle lenti, quindi è un prodotto di ottima qualità anche per quanto riguarda la meccanica.

Ampia compatibilità: Il filtro è disponibile in tredici misure diverse, quindi offre una compatibilità quasi universale. Il 67mm può essere montato su tutti gli obiettivi con attacco dello stesso diametro, a prescindere dalla ditta produttrice.

Prezzo accessibile: Costa molto meno rispetto ai filtri originali e quindi è adatto anche per coloro che hanno un budget di spesa limitato.

 

Contro

Sottile: Il bordo sottile lo rende facile da avvitare e riduce la vignettatura, ma ha il difetto di rendere estremamente difficile lo smontaggio proprio a causa della sua sottigliezza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore 77mm

 

4. Gobe G77CPL1P filtro polarizzatore rivestito a 12 strati

 

Gobe è un brand relativamente nuovo nel settore degli accessori fotografici, ma è detenuto da un’azienda che possiede una forte coscienza ambientalista e che destina parte dei profitti alla riforestazione di aree fortemente colpite da desertificazione e siccità. Con l’acquisto di questo filtro polarizzatore 77mm, quindi, aiuterete la ditta a piantare altri cinque alberi in una zona afflitta da deforestazione.

Per quanto riguarda le sue caratteristiche tecniche, invece, si tratta di un filtro polarizzatore compatibile realizzato da Japan Optics per conto di Gobe, quindi è un prodotto di qualità quasi analoga al filtro Hoya esaminato in precedenza.

Oltre alla versione da 77 millimetri di diametro, ampiamente compatibile con tutti gli obiettivi dall’innesto analogo, è disponibile anche in altre quattordici misure a partire dai 37 fino ai 95 millimetri di diametro. L’unica pecca di questo obiettivo consiste nella filettatura, che ha una frizione al giro non fluida.

 

Pro

Japan Optics: Si tratta di un filtro prodotto dalla nota ditta Japan Optics per conto di Gobe, quindi è un polarizzatore dotato di vetro con rivestimento multistrato a dodici livelli, di ottima qualità.

Ottimo prezzo: Il filtro da 77 millimetri di diametro è disponibile a un costo decisamente accessibile, più vantaggioso perfino rispetto al filtro Hoya che abbiamo esaminato in precedenza.

Brand ambientalista: La ditta Gobe è molto attiva nella lotta alla deforestazione, e parte del ricavato delle vendite è destinato al ripopolamento delle foreste in diverse aree sparse nei cinque continenti del mondo.

 

Contro

Filtro economico: Nonostante il vetro sia di buona qualità, il Gobe rimane pur sempre un filtro economico e lo si nota dalla scarsa fluidità della filettatura.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore 67mm

 

5. AmazonBasics MC CPL filtro polarizzatore circolare da 67mm

 

Il filtro polarizzatore 67mm prodotto per AmazonBasics è apprezzato innanzitutto per il prezzo molto accessibile, che lo rende adatto soprattutto per i fotoamatori alle prime armi e per i meno esigenti, che hanno ancora scarsa esperienza nella fotografia e preferiscono farsi le ossa sfruttando inizialmente degli accessori poco costosi.

A parte l’esemplare da 67mm, lo stesso filtro è disponibile anche in altre sette misure diverse, a partire dai 52 fino agli 82 millimetri, inoltre è progettato per poter essere usato sugli obiettivi di tutte le marche, inclusi i compatibili come Tamron e Sigma.

Il vetro possiede anche il rivestimento multistrato, che aiuta a ridurre i riflessi in condizioni di scarsa luce, e nel complesso le sue prestazioni sono ottime se montato sugli obiettivi entry level, dove acquistare filtri di qualità superiore potrebbe risultare inadeguato e molto meno vantaggioso in termini di prezzo.

 

Pro

Compatibilità: I filtri fotografici AmazonBasics hanno il pregio di poter essere usati con gli obiettivi di tutte le marche, a differenza dei filtri originali che sono ottimizzati soltanto per gli obiettivi della stessa marca.

8 diametri diversi: Il filtro polarizzatore da 67 millimetri è soltanto uno degli otto esemplari disponibili; se possedete obiettivi con diversi diametri, quindi, potete dotarli tutti di filtro senza alcun problema.

Prezzo: Uno dei vantaggi del filtro AmazonBasics è dato dal costo economico, soprattutto in relazione al fatto che è completo della custodia protettiva rigida che permette di trasportarlo nella borsa insieme al resto dell’attrezzatura.

 

Contro

Performance: Il prezzo è basso ma anche le prestazioni lo sono, è il classico filtro polarizzatore economico adatto ai fotoamatori principianti e ai meno esigenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore 18-55

 

6. Neewer 10094060 Kit di filtri e accessori per obiettivi

 

Il kit con filtro polarizzatore 18-55, prodotto dalla ditta Neewer, ha attirato molti acquirenti soprattutto grazie all’eccellente rapporto qualità-prezzo. Il kit, infatti, oltre al filtro polarizzatore include anche il filtro UV e quello per scattare foto in presenza di luci a fluorescenza, quattro filtri Close-Up con ingrandimento +1, +2, +4 e +10, una lente grandangolare macro con fattore di ingrandimento 0,43x, una lente tele con fattore di ingrandimento 2,2x, un parasole, un cordino, un tappo copriobiettivo, un piccolo panno di pulizia in microfibra e due custodie dove mettere i sette filtri e trasportarli in modo pratico e sicuro.

Anche in questo caso, però, la qualità dei filtri è proporzionata al prezzo esiguo, e sono quindi destinati ai fotoamatori che usano attrezzature fotografiche entry level; anche la compatibilità è limitata ai soli obiettivi con innesto da 55 millimetri di diametro.

 

Pro

Kit: La confezione include sette filtri, tra cui il polarizzatore, due comode custodie, una lente grandangolare, una lente zoom, il paraluce, il copriobiettivo, un cordino e un panno di pulizia in microfibra.

Economico: Oltre a essere ben accessoriato, il kit Neewer è anche disponibile a un prezzo a dir poco irrisorio, visto il numero dei componenti, quindi è ideale per chi punta al risparmio.

Versatile: La presenza delle due lenti speciali, grandangolo e zoom, permette di sperimentare le caratteristiche peculiari delle distanze focali lunghe e del fisheye su un normale obiettivo 18-55 standard.

 

Contro

Qualità bassa: Non aspettatevi grandi prestazioni, la qualità del kit è medio-bassa e la compatibilità esclusiva con l’innesto da 55mm lo rende vantaggioso solo per i principianti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore 58mm

 

7. Ottica Polaroid PLFILCPL58 filtro polarizzatore circolare CPL 58mm

 

Anche questo filtro polarizzatore 58mm rientra nel segmento più economico di mercato ma ha il pregio di essere prodotto da una ditta, la Polaroid, che ha costruito la sua fama proprio sull’invenzione e messa a punto delle lenti polarizzanti.

Il CPL 58mm, infatti, è prodotto direttamente dal comparto Ottica Polaroid, per cui offre prestazioni garantite per quanto riguarda le proprietà antiriflesso, la riduzione della vignettatura e della perdita di colore. È un filtro compatibile per fotocamere SLR, quindi a parte la versione da 58 millimetri di diametro, è disponibile anche in altre dodici misure a partire da 37 fino a 82 millimetri.

Nonostante le sue prestazioni siano migliori rispetto ai filtri compatibili economici appartenenti alla stessa fascia di mercato, il Polaroid CPL 58mm rimane comunque un filtro economico, quindi è consigliato soltanto ai fotoamatori principianti in possesso di attrezzatura entry level o amatoriale.

 

Pro

Polaroid: L’azienda è stata fondata proprio dall’inventore dei filtri polarizzatori, Edwin Herbert Land; tra i filtri compatibili di fascia economica, quindi, questi sono tra i migliori.

Compatibile: Il CPL 58mm è progettato per adattarsi a tutti gli obiettivi con analogo diametro della lente, e quindi della filettatura, inoltre sono disponibili dodici ulteriori diametri diversi, a seconda delle esigenze dell’acquirente.

Economico: Il costo contenuto e la qualità superiore alla media della relativa fascia di appartenenza, lo hanno reso uno dei filtri polarizzatori economici più richiesti.

 

Contro

Distorsioni e aberrazioni: Come per tutti i filtri economici, anche il Polaroid non è esente da difetti, in questo caso la generazione di aberrazioni e distorsioni su determinate ottiche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Filtro polarizzatore 52mm

 

8. AmazonBasics CF26-52 set filtri MC CPL + UV 52mm

 

Il marchio AmazonBasics copre una vasta serie di accessori per elettronica di buona qualità, tra questi quelli specifici per le fotocamere digitali.

Anche se limitata dalla fascia economica di appartenenza, la qualità dei prodotti realizzati per Amazon è decisamente alta rispetto ad altri brand del settore. La confezione CF26-52 è composta da una coppia di filtri fotografici con relative custodie protettive: un filtro di protezione UV 52mm e un filtro polarizzatore 52mm.

La qualità dei filtri è buona ma la resa del filtro polarizzatore è limitata, essendo comunque un prodotto economico, e quindi in condizioni di scarsa luce tende a creare distorsioni e aberrazioni cromatiche. È adatto ai principianti, quindi, e ai risparmiatori, i primi per fare pratica nell’uso dei filtri e i secondi perché possono usufruire in ogni caso del filtro UV, che oltre a schermare il sensore dai raggi ultravioletti è necessario per proteggere adeguatamente la lente dell’obiettivo.

 

Pro

Marchio affidabile: Nel panorama dei prodotti a basso costo, quelli prodotti per il marchio AmazonBasics hanno dimostrato di possedere un livello di qualità e delle prestazioni superiori alla media.

Economico: Un altro fattore che gioca a favore dei filtri fotografici AmazonBasics è dato dal loro eccellente rapporto qualità-prezzo.

Due filtri: La confezione, oltre al filtro polarizzatore, include anche il filtro trasparente di protezione UV, da tenere sempre montato sull’obiettivo quando non si usa il polarizzatore, a protezione della lente.

 

Contro

Prestazioni polarizzatore: Anche in questo caso il filtro polarizzatore ha delle prestazioni limitate rispetto ai modelli di fascia medio-alta, quindi è consigliato soltanto ai principianti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon filtro polarizzatore

 

Quando il prezzo fa la differenza

Per capire come scegliere un buon filtro polarizzatore bisogna partire dall’idea che non tutti i modelli disponibili in commercio offrono lo stesso livello di efficacia, e che sotto questo aspetto la ditta produttrice e la fascia di prezzo di appartenenza sono determinanti nel fare la differenza.

Quello che vale per il filtro polarizzatore vale anche per i filtri UV, ovviamente, per quelli a densità neutra e via dicendo. Su un’attrezzatura fotografica professionale da svariate migliaia di euro, infatti, non avrebbe alcun senso montare un filtro economico che non è in grado di offrire prestazioni all’altezza degli obiettivi e della fotocamera.

I filtri economici, dal canto loro, non sono assolutamente da ritenersi imperfetti in quanto tali; sono soltanto dimensionati per una fascia di utenza che ha esigenze prettamente amatoriali.

Tenendo conto di questo fattore non sarà difficile individuare quale filtro polarizzatore comprare in base alle proprie esigenze, senza correre il rischio di vedere tradite le proprie aspettative.

I filtri polarizzatori economici

I filtri polarizzatori di fascia economica sono disponibili a un costo che varia dai 10 ai 30 euro circa; non è possibile standardizzare oltre i prezzi dei modelli economici in quanto questi, a seconda della ditta produttrice, possono essere commercializzati singolarmente o come costituenti di un kit che comprende da due a otto o più filtri.

È ovvio che se vi imbattete in un filtro polarizzatore singolo che costa 15 euro, per esempio, e un kit di due o tre filtri completo di polarizzatore che costa la stessa cifra, è superfluo dire che nella maggior parte dei casi il filtro singolo è quello che offre la resa migliore.

La lente del filtro, infatti, come quella degli obiettivi, è sottoposta a un trattamento speciale per l’applicazione di un rivestimento multistrato atto a permettergli di svolgere la sua funzione. La differenza tra i modelli economici e quelli di fascia medio-alta, quindi, sta soprattutto nella qualità di questo rivestimento, che è dettata dal costo di produzione, e poi sulle caratteristiche strutturali del telaio; il movimento di rotazione per regolare la polarizzazione della luce, per esempio, sui filtri economici è meno fluido che sui filtri di fascia medio-alta.

Per un fotoamatore principiante, però, queste sono caratteristiche che passano in secondo piano, ed è proprio per questa ragione che i filtri polarizzatori economici godono di un’ampia fetta di mercato.

 

I filtri “di marca” e quelli originali

Nella fascia di prezzo che va dai 35 ai 95 euro circa si possono trovare filtri di buona qualità, non al top delle prestazioni ma comunque nettamente superiori rispetto ai filtri economici e quindi adatti per i fotoamatori più esigenti.

I filtri polarizzatori appartenenti alla fascia media di mercato sono riconoscibili soprattutto grazie al fatto di essere “di marca”, ovvero prodotti da ditte notoriamente esperte nel settore dell’ottica e il cui brand è facilmente riconoscibile, come Japan Optics, Hoya e NiSi, tanto per citare alcune delle più note ed apprezzate.

Nella fascia di eccellenza invece, troviamo sia i filtri prodotti dalle ditte citate sopra, sia i filtri originali prodotti direttamente dalle grandi case fotografiche: Canon, Nikon e altre ancora. In termini di resa specifica con determinate ottiche e fotocamere, quindi, i filtri migliori sono sempre quelli originali, ma anche quelli prodotti dalle ditte di ottica sono di qualità eccellente. 

Lo stesso discorso vale per i prezzi ovviamente, e il solo filtro polarizzatore, se acquistato originale o comunque di fascia alta, può avere un costo che oscilla dai 100 ai 200 euro e oltre, a seconda del diametro e della ditta produttrice.

Va da sé, quindi, che i filtri originali sono consigliati esclusivamente a chi ha esigenze di tipo professionale dal momento che, per dotare le diverse ottiche in dotazione dei rispettivi filtri, la spesa potrebbe diventare molto consistente.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il filtro polarizzatore?

Il filtro polarizzatore serve a bloccare la radiazione elettromagnetica della luce a seconda della sua polarizzazione, i suoi impieghi sono svariati ma comunque ristretti all’ambito dell’ottica, a partire dagli occhiali fino agli strumenti di analisi e impianti di stereoscopia.

In ambito fotografico il polarizzatore è uno dei filtri più usati, in quanto non solo permette di ottenere una maggiore saturazione dei colori senza alterare la loro tonalità, ma è anche l’unico strumento in grado rimuovere i riflessi che la luce crea su superfici come l’acqua e il vetro; cosa che è praticamente impossibile da realizzare in post-produzione, a prescindere dal tipo di software utilizzato.

Grazie al filtro polarizzatore, quindi, è possibile ottenere foto in cui il cielo mostra distintamente tutte le sue sfumature di colore, dal blu chiaro degli strati inferiori fino a quello più scuro dei superiori, senza bisogno di applicare filtri colorati che andrebbero ad alterare la tonalità degli altri colori presenti nella scena. Questo filtro permette di eliminare il fastidioso effetto foschia che spesso è presente anche con il bel tempo, e che è dovuto principalmente alla presenza di piccole particelle in sospensione nello strato più basso dell’atmosfera.

Questo effetto è maggiormente presente nelle aree densamente popolate per esempio, ed è percepibile sia di giorno sia di notte. Durante il giorno è la luce dei raggi solari a riflettersi su queste particelle, che sono composte per lo più dalle polveri sottili dei fumi di combustione di veicoli e impianti di riscaldamento; durante la notte, invece, è l’illuminazione artificiale dei lampioni, dei fari e degli edifici a riflettersi sul particolato.

 

Come smontare il filtro polarizzatore?

Il filtro polarizzatore è montato in un telaio circolare composto da due sezioni distinte, una delle quali porta la filettatura che serve a fissare il filtro sull’obiettivo. Il secondo anello, dove è fissato il filtro è innestata nel telaio principale dello stesso in modo da poter essere ruotata con una certa fluidità, in modo da regolare la polarizzazione della luce.

Avvitare il filtro polarizzatore è molto facile quindi, ma quando si desidera svitarlo bisogna stare attenti e afferrarlo in modo tale da fare pressione sulla parte di telaio più vicina all’obiettivo, altrimenti stringendo soltanto la parte mobile questa girerebbe a vuoto.

A seconda della ditta produttrice, infatti, questo movimento può essere continuo a 360 gradi in senso orario e antiorario, oppure interrotto a 270 gradi, al fine di facilitare le operazioni di smontaggio. Anche il costo del filtro potrebbe incidere, visto che i modelli più economici non sono precisi nella filettatura e quindi non fluidi nel movimento di innesto.

 

 

 

Come usare un filtro polarizzatore

 

Quando usare il filtro polarizzatore

Dato lo scopo primario di questo filtro, il suo utilizzo andrebbe fatto sempre e comunque. Le circostanze dove il suo impiego viene maggiormente apprezzato, però, sono i servizi fotografici nei pressi di corpi d’acqua, soprattutto laghi, e in riva al mare.

La possibilità di eliminare il riflesso della luce dalla superficie dell’acqua, infatti, permette di fare foto dove è possibile osservare il letto del fondale senza essere costretti a immergere la fotocamera o parte di essa. Lo stesso effetto si ha sulle superfici vetrose, quindi se si fotografa in interni oppure in un contesto dove sono presenti specchi o vetri posizionati in modo da riflettere la luce, con l’uso del filtro polarizzatore si può restituire la trasparenza a questi oggetti.

A parte la proprietà di eliminazione della luce riflessa, che come abbiamo visto ha delle applicazioni di tipo più specifico, l’effetto di saturazione dei colori è applicabile in qualsiasi circostanza. Il filtro polarizzatore aiuta a rendere più vivida e intensa la fotografia senza alterare i colori originali, e contribuisce anche a migliorare il contrasto e la nitidezza dell’immagine.

 

Come regolare il filtro polarizzatore

La regolazione del filtro è estremamente semplice, e avviene ruotando quest’ultimo in un senso o in un altro mentre si inquadra il soggetto attraverso il mirino. A seconda dell’inclinazione delle microscopiche lamelle che compongono il filtro, determinate radiazioni elettromagnetiche della luce in entrata nell’obiettivo, vengono schermate.

L’effetto di questa schermatura è immediatamente percepibile dalla vista, quindi per eseguire la regolazione basta inquadrare il soggetto da fotografare e poi ruotare la ghiera del filtro fino a quando non si ottiene l’effetto desiderato.

In questo modo è possibile eseguire diverse versioni dello stesso scatto, per esempio quello di uno specchio d’acqua, e regolare il filtro polarizzatore in modo da lasciare il riflesso sulla superficie e poi per rimuoverlo. È bene specificare, inoltre, che l’intervallo di regolazione per il cambiamento della polarità non è molto ampio; la rotazione del filtro può avvenire liberamente a 360 gradi soltanto per una questione di comodità e immediatezza d’uso, ma in realtà bastano soltanto delle frazioni di giro per regolare la schermatura del filtro.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI