Gli 8 migliori impianti stereo per casa del 2022

Ultimo aggiornamento: 01.10.22

 

Impianti stereo per casa – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto

 

Volete ascoltare i vostri artisti preferiti con un audio di buona qualità, senza però spendere troppo? La soluzione migliore è puntare su un buon impianto stereo per casa. Questi prodotti sono dei mini hi-fi caratterizzati da un amplificatore compatto e da due speaker che potrete sistemare comodamente su un mobile o su dei pensili, in modo da ottenere una diffusione audio omogenea nell’ambiente. Sul mercato ci sono numerosi modelli prodotti dalle marche leader nel settore, per questo abbiamo pensato di creare una guida all’acquisto. Se non avete tempo di leggerla tutta, possiamo subito consigliarvi il Sony MHC-V02, un sistema audio all-in-one con diffusori integrati, ideale per chi dispone di poco spazio in casa ma non vuole rinunciare a una resa sonora di elevata qualità. In alternativa, se volete rispolverare la vostra collezione di CD, potete puntare sul micro Hi-Fi LG CM 2460.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori impianti stereo per casa – Classifica 2022

 

Qui di seguito troverete i nostri pareri su ben otto modelli diversi che vi potranno essere d’aiuto nella scelta di quello adatto alle vostre esigenze. Buona lettura! 

 

Impianto stereo per casa Sony

 

1. Sony MHC-V02 Sistema Audio All in One con Jet Bass Booster

 

Ben progettato e caratterizzato da un design estremamente compatto e lineare che permette di posizionarlo ovunque in casa, anche su uno scaffale o una scrivania, l’impianto stereo per casa Sony MHC-V02 si contraddistingue per l’elevata qualità costruttiva e l’eccellente resa audio che lo rende adatto all’ascolto di qualsiasi genere musicale.

Si tratta di un dispositivo “all-in-one” con diffusori integrati e tweeter angolati da 40 mm che diffondono il suono uniformemente in tutte le direzioni, senza frequenze predominanti o distorsioni neanche a volumi elevati.

Rientra tra i migliori impianti stereo per casa del 2022 anche per l’ottima riproduzione dei bassi dovuta alla struttura affusolata del canale Bass Reflex che convoglia il suono generato dalla sorgente audio verso la parte anteriore dell’altoparlante per sentire e percepire chiaramente ogni beat anche da lunghe distanze o in mezzo alla folla.

Ideale anche per suonare dal vivo e dilettarsi nel karaoke grazie all’ingresso VHF per chitarre e microfoni, offre grande flessibilità nelle connessioni in quanto provvisto di porta USB e modulo Bluetooth 4.2 che permette di ascoltare la musica dallo smartphone o dal PC, assicurando un pairing semplice e istantaneo.

 

Pro

All-in-one: Il Sony MHC-V02 è un impianto audio “tutto in uno” che integra diffusori, tweeter e woofer in un unico dispositivo per offrire maggiore libertà di scelta in merito al suo posizionamento.

Qualità del suono: Il sistema Bass Reflex e i driver da 40 mm restituiscono bassi potenti e ben distribuiti nello spettro sonoro, con una risposta in frequenza perfettamente bilanciata tra la gamma alta e quella medio-bassa.

Connettività: Grazie alla connessione Bluetooth 4.2 è possibile riprodurre la musica direttamente dal tv, dal computer o da qualsiasi dispositivo mobile, senza dover trafficare con fastidiosi cavi.

 

Contro

Posizionamento: La maggior parte degli acquirenti ha avuto l’impressione che questo impianto hi-fi dia il meglio di sé quando posizionato leggermente più in alto rispetto alle orecchie dell’ascoltatore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa LG

 

2. LG Impianto Stereo Casa Micro HiFi 2.0

 

Più economico rispetto al Sony MHC-V02 esaminato in precedenza, ma con un livello di soddisfazione che rimane invariato, l’impianto stereo per casa LG CM 2460 si compone di due altoparlanti con potenza nominale di 50 watt ciascuno e un amplificatore che riceve il segnale dalle fonti audio esterne e lo trasmette ai diffusori in un range di frequenza da 87.5 a 108.0 Mhz per restituire un sound ampio ed equilibrato sia sulla gamma medio/alta sia su quella medio/bassa.

Rispetto ad altri dispositivi simili venduti online offre numerose possibilità di connessione, sia cablata mediante il cavo RCA sia in modalità wireless, mettendo a disposizione una porta USB 2.0 per l’ascolto diretto da chiavetta o periferica di archiviazione esterna, e la connettività Bluetooth che permette di utilizzare come sorgente uno smartphone, un tablet o qualsiasi altro dispositivo mobile compatibile.

Per la regolazione dei vari parametri possiamo utilizzare sia il pannello di controllo posto sulla parte superiore dell’amplificatore sia il pratico telecomando per il controllo remoto, grazie al quale sarà possibile anche intervenire sull’equalizzatore per modificare la distribuzione spettrale del segnale audio in uscita e ottenere così una diffusione ottimale del suono in tutto l’ambiente.

 

Pro

Potente: Nonostante le dimensioni contenute, il sistema home audio LG CM 2460 offre un’esperienza d’ascolto chiara e immersiva grazie alle casse dal wattaggio complessivo di 100W.

Praticità: Il telecomando incluso nella dotazione e il display a led integrato al pannello di controllo rendono la gestione dell’impianto più pratica e intuitiva.

Rapporto qualità/prezzo: Considerata la buona resa audio e costruttiva, appare evidente come la regola secondo cui qualità e prezzi bassi non vanno sempre di pari passo in questo caso trovi la sua eccezione.

 

Contro

Cuffie: Non potrete collegarle in modalità cablata all’amplificatore a causa dell’assenza di ingresso jack da 3,5 mm.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa economico

 

3. Pioneer X-EM 16-B Ricevitore CD 10 W 

 

Se siete alla ricerca del miglior impianto stereo per casa economico vi consigliamo di dare un’occhiata al Panasonic SC-PM250, caratterizzato da un design compatto e ben curato sotto il profilo estetico per inserirsi con discrezione in ogni contesto abitativo o lavorativo, senza occupare troppo spazio.

Nonostante le dimensioni contenute, la qualità sonora è più che soddisfacente grazie ai driver da 32 mm che, in associazione alla potenza in uscita di 20 watt, restituiscono un suono ben bilanciato e preciso sia nei toni alti sia in quelli bassi.

A bordo troviamo anche l’immancabile connettività Bluetooth che ci permette di ascoltare la musica in modalità wireless attraverso i dispositivi mobili, e una porta USB per riprodurre brani e tracce da pen-drive e periferiche esterne.

Tra le altre funzionalità offerte dal dispositivo, abbiamo anche la possibilità di sintonizzarci sulla radio digitale DAB+ e ascoltare la musica in streaming tramite l’app Panasonic Smart Networking.

 

Pro

Conveniente: Il Panasonic SC-PM250 rientra tra i migliori impianti hi-fi economici del mercato, ma senza fare sconti sulla qualità audio e costruttiva.

Compatto: Le dimensioni contenute e il design classico lo rendono facilmente adattabile e posizionabile in qualsiasi contesto abitativo, occupando pochissimo spazio.

Modalità di ascolto: Grazie alla connettività Bluetooth si potrà sfruttare l’impianto stereo per ascoltare la musica salvata sullo smartphone o sul computer, mentre la porta USB permette la connessione di periferiche di archiviazione esterne.

Radio: Il modello supporta anche il nuovo standard DAB+ per ascoltare le proprie stazioni radiofoniche preferite in qualità digitale.

 

Contro

Per piccoli ambienti: A causa della potenza complessiva di soli 20 watt non è adatto ad ambienti di grandi dimensioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa Bluetooth

 

4. Majestic AH 2350 BT MP3 USB DAB 

 

Majestic propone un impianto stereo per casa wireless multifunzione, venduto ad un prezzo interessante. Si presenta con amplificatore compatto dotato di lettore CD con cassetto ad apertura, grazie al quale potrete leggere i vostri dischi preferiti. I due diffusori di dimensioni ridotte si possono sistemare comodamente vicino all’amplificatore senza occupare troppo spazio sul mobile. 

Tra le funzioni più utili troviamo la presenza del Bluetooth che vi consente di collegare dispositivi portatili per ascoltare musica liquida via wireless. Non manca la presenza dell’ingresso USB per pen-drive e dell’AUX per dispositivi di vecchia data che non dispongono di Bluetooth. 

Altra caratteristica apprezzata è la possibilità di sintonizzarsi su radio DAB\DAB + e FM per avere sempre nuova musica e programmi a disposizione. Il telecomando in dotazione non è molto pratico, con tasti difficilmente leggibili e poco responsivi, oltre che realizzato con materiali non molto resistenti. 

 

Pro

Conveniente: Il Majestic si propone sul mercato con un prezzo molto basso, nonostante abbia molte funzioni presenti sui modelli più costosi. 

Compact Disc: Il lettore CD vi permette di leggere i vostri dischi preferiti per ascoltare musica con una qualità audio superiore rispetto agli MP3. 

Bluetooth: Potrete collegare all’impianto i vostri dispositivi portatili per riprodurre musica liquida dalle vostre playlist in streaming o quella dei video. 

Funzioni: Dispone di ingresso USB e di sintonizzatore radio DAB\DAB + e FM. 

 

Contro

Telecomando: Quello in dotazione lascia abbastanza a desiderare in quanto si presenta con materiali di bassa qualità e tasti difficilmente leggibili, nonché poco responsivi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa design

 

5. OneConcept V-12-BT – Impianto Stereo HiFi Compatto

 

Il OneConcept V-12-BT è un impianto stereo per casa dal design moderno ed elegante che si propone di soddisfare le esigenze tecnologiche contemporanee sia in termini di resa sonora sia sul fronte della connettività grazie alle tre possibilità di collegamento ad apparecchiature audio esterne.

Oltre a un’interfaccia Bluetooth per il pairing con smartphone, computer portatili e altri dispositivi mobili compatibili, di serie troviamo anche un ingresso USB per il collegamento delle periferiche di archiviazione esterne, uno slot per le schede di memoria SD e una porta AUX-IN da 3,5 mm per cuffie e auricolari.

A completare la già ricca offerta di intrattenimento musicale del dispositivo ci pensano il ricevitore radio FM/AM con più di venti stazioni radiofoniche memorizzabili e il lettore CD-MP3 che lo rende ideale per chi ha una vecchia collezione di dischi da rispolverare.

Per quanto riguarda la qualità audio, la potenza complessiva di 80 watt permette di ascoltare la musica con una discreta resa sonora, offrendo l’ulteriore vantaggio di poter staccare le casse dalla consolle per posizionarle in modo da ottenere il miglior effetto surround possibile.

 

Pro

Versatile: Il OneConcept V-12-BT è un impianto stereo multifunzione che racchiude in un unico dispositivo Bluetooth, radio AM/FM, lettore CD, porta USB, ingresso aux e slot SD per garantire maggiore flessibilità nelle connessioni.

Estetica: Oltre a presentare dimensioni estremamente compatte che ne facilitano il posizionamento anche quando non si dispone di molto spazio, vanta un design moderno e all’avanguardia che lo rende un accattivante complemento d’arredo con cui arredare gli ambienti domestici.

Praticità: La gestione delle varie funzioni disponibili può avvenire sia tramite il pannello di controllo frontale con display integrato sia comodamente da remoto grazie al telecomando dal raggio d’azione di 5 metri.

Effetto surround: È inoltre possibile staccare gli altoparlanti dalla consolle per posizionarli in modo da migliorare la resa sonora dell’impianto.

 

Contro

Bassi: A causa della potenza massima in uscita di 20 watt si perde qualcosa nella riproduzione dei bassi, che risultano meno bilanciati e potenti rispetto ad altri sistemi home audio più avanzati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa potente

 

6. Panasonic SC-AKX320 Impianto Audio ad Alta Potenza

 

Su una fascia di prezzo decisamente più alta rispetto agli altri modelli, troviamo l’impianto Panasonic, caratterizzato da un design accattivante e da due speaker di elevata potenza. La resa sonora è di buon livello, con frequenze abbastanza bilanciate grazie ai due woofer che valorizzano gli alti-medi senza però coprire troppo i bassi anche ad un volume sostenuto. 

Le caratteristiche positive del prodotto non finiscono qui, infatti troviamo una buona gamma di funzioni che vi permetteranno di ascoltare musica in formato fisico e liquido. Il lettore CD è un’aggiunta gradita per poter ascoltare i vostri dischi preferiti, mentre la connessione Bluetooth, seppur limitata ad una distanza ravvicinata dei dispositivi, permette di effettuare lo streaming delle playlist avvalendovi della potenza dell’impianto. 

Non mancano due entrate USB alle quali collegare pen-drive per l’ascolto di MP3. Se non sapete quale impianto stereo per casa scegliere e avete un buon budget, allora questa è la giusta soluzione per voi. 

 

Pro

Potente: Tra i vari impianti stereo per casa, il Panasonic è uno dei più potenti in circolazione, con ben 450 watt totali che vi permetteranno di ascoltare la vostra musica preferita con una buona resa sonora. 

Design: Accattivante e bello da vedere, l’amplificatore e le casse dell’impianto si adattano a un ambiente moderno.

Funzioni: Troviamo il lettore CD per l’ascolto di musica su supporto fisico, come anche due porte USB per la musica liquida su MP3.

Bluetooth: Non manca la possibilità di collegare dispositivi Bluetooth all’impianto per lo streaming della musica wireless.

 

Contro

Prezzo: Piuttosto costoso, l’impianto non è proprio la prima scelta se volete risparmiare. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa con giradischi

 

7. Trevi TT 1070 E Sistema Giradischi Stereo

 

Se non sapete quale impianto stereo per casa comprare e cercate un modello con giradischi, allora il Trevi potrà fare al caso vostro. Nonostante non sia il più compatto ed economico sulla piazza, questo modello si rivela una soluzione pratica se amate ascoltare musica su supporto fisico. 

Il giradischi a tre velocità può riprodurre dischi da 33, 45 e 78 giri, così potrete ascoltare tutta la vostra collezione, avvalendovi della buona qualità audio delle casse dell’impianto. Il lettore CD legge sia tracce musicali, sia dischi con file MP3, mentre la porta USB vi permette di inserire pen-drive. 

Come tutti gli impianti moderni, anche il Trevi dispone di Bluetooth grazie al quale sarà possibile collegare i dispositivi portatili per la riproduzione delle playlist in streaming e tanto altro. Il fiore all’occhiello del prodotto è il mangiacassette che, se siete appassionati del vintage, potrete davvero apprezzare. Segnaliamo anche la funzione di full encoding tra i vari formati. 

 

Pro

Formato fisico: Il supporto di CD, vinili e cassette resta il modo più bello e autentico per ascoltare musica. Se anche voi la pensate così, allora probabilmente questo impianto di Trevi è la soluzione giusta per le vostre esigenze, in quanto dispone di tutto il necessario.

Formato liquido: Non manca la possibilità di ascoltare musica su MP3 da pen-drive grazie alla porta USB, oppure direttamente dai vostri dispositivi utilizzando la connessione Bluetooth. 

 

Contro

Dimensioni: Non è proprio l’impianto più compatto sulla piazza, infatti necessita un po’ di spazio per poter essere sistemato adeguatamente.

Prezzo: Un prodotto abbastanza costoso che vale la pena comprare solo se avete un buon budget e preferite ascoltare musica su vari supporti fisici.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Impianto stereo per casa Philips

 

8. PHILIPS AUDIO M6805/10 Mini Impianto Stereo Hi-Fi Compatto

 

L’ultimo modello che vi proponiamo è l’impianto stereo per casa Philips M6805/10, un sistema micro all-in-one in grado di riprodurre qualsiasi contenuto musicale sia via USB sia tramite Bluetooth 4.2.

Inoltre, grazie all’innovativa funzione “Spotify Connect” si potrà ascoltare la musica in streaming selezionando podcast e playlist direttamente dal display a colori posizionato al centro del dispositivo, che mostra in tempo reale la sorgente o la stazione radio scelta, nonché la copertina dell’album e le informazioni sui brani selezionati.

Il cabinet in legno, oltre a rievocare il tipico design degli impianti Hi-Fi di un tempo, è stato progettato per assorbire le vibrazioni e gli effetti sonori indesiderati, in modo da mantenere un’acustica a bassa risonanza e garantire una diffusione uniforme del suono in tutto l’ambiente.

Ogni cassa è inoltre dotata di un driver full-range e porta Bass Reflex per restituire bassi potenti e corposi che fanno risaltare anche i generi musicali timbricamente più complessi.

 

Pro

Materiali: La struttura in legno di questo impianto stereo riduce al minimo le vibrazioni e i rumori indesiderati per rendere il suono più nitido e lineare.

Bassi: I driver full-range e le porte Bass Reflex integrate in ciascun altoparlante offrono una risposta in frequenza molto ampia, con bassi avvolgenti e ben bilanciati che, però, non prendono mai il sopravvento rispetto ai toni alti.

Controllo a distanza: Oltre a un pratico display touchscreen a colori, dispone anche di un telecomando che permette di gestire e regolare i vari parametri comodamente a distanza.

 

Contro

Antenna FM/Dab: In molti consigliano di sostituire l’antenna radio a corredo con una in metallo di qualità superiore per migliorare la ricezione delle stazioni radiofoniche con tecnologia digitale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori impianti stereo per casa 

 

Dopo aver effettuato una comparazione delle offerte, potreste avere ancora qualche dubbio su come scegliere un buon impianto stereo per casa. I modelli più venduti effettivamente differiscono in base a diverse caratteristiche di cui bisogna tenere conto in modo da poter fare l’acquisto giusto. Prima di tutto vi consigliamo di valutare quali sono le vostre effettive esigenze, senza necessariamente puntare sul prodotto più costoso. Attenzione infatti, perché con questa tipologia di articolo non sempre il costo alto equivale ad un modello migliore.

In linea di massima, se volete risparmiare, vi consigliamo di puntare su un impianto con un buon rapporto qualità-prezzo, in modo da rimanere comunque soddisfatti. Ormai anche le marche più famose vendono impianti Hi-Fi domestici a un prezzo abbordabile, quindi 

potrete puntare su prodotti di buon livello senza spendere troppo. Le caratteristiche principali da analizzare nella scelta di un impianto stereo per casa sono la qualità audio, le funzioni e le dimensioni. 

Qualità audio

Cominciamo subito togliendo ogni dubbio: gli impianti stereo per casa hanno una buona qualità sonora, ma niente che faccia gridare al miracolo. Non aspettatevi quindi un sound con tutte le frequenze perfettamente bilanciate, in quanto solitamente questi articoli sono dotati di due speaker che valorizzano principalmente le frequenze medio-alte. Per i bassi è necessario collegare all’impianto un buon subwoofer, ovviamente però dovrete trovarne uno compatibile e acquistarlo separatamente.

Chiaramente ci sono impianti domestici con una qualità audio superiore e un wattaggio maggiore, ma in linea di massima questi prodotti sono stati pensati per una diffusione audio a volumi contenuti in ambienti di piccole dimensioni. Potrete comunque trovare dei modelli più costosi venduti con casse molto potenti, in grado di arrivare a 450 watt di potenza complessiva e dotati di woofer di qualità. In qualunque caso il sound espresso sarà comunque migliore di quello degli speaker integrati del laptop e dei vostri dispositivi. 

 

Funzioni 

Una caratteristica da valutare attentamente, in quanto può cambiare da modello in modello. Gli impianti stereo per casa sono solitamente prodotti multifunzione in grado di riprodurre musica usando vari supporti fisici o liquidi. Attenzione però, perché non tutti gli articoli di questa tipologia dispongono di un lettore CD o di un giradischi, quindi se amate ascoltare musica su supporti fisici dovrete cercare il modello giusto. I prodotti con lettore CD si trovano più facilmente, mentre sono più rari (e più costosi) quelli con il giradischi e il mangiacassette. 

Per quanto riguarda le funzioni ‘moderne’ come il Bluetooth, questo si trova nella maggior parte dei modelli e vi permette di collegare via wireless i vostri dispositivi, in modo da riprodurre musica avvalendovi della potenza dell’impianto. Non tutti i modelli dispongono di Bluetooth, solitamente quelli molto economici ne sono sprovvisti, quindi se ritenete sia una funzione superflua potete anche considerare di risparmiare. Uno o più ingressi USB sono una caratteristica presente in tutti gli impianti moderni, molto utile per riprodurre musica in MP3 (o altri formati) tramite pen-drive. 

Per quanto riguarda la radio, oltre ai canali FM gli impianti più costosi presentano la possibilità di sintonizzarsi su canali digitali DAB e DAB +. La ricezione però può variare in base alla qualità dei componenti del modello, quindi anche se viene indicata nelle specifiche non è detto che funzioni correttamente. Tra le funzioni avanzate disponibili solo nei modelli che dispongono di lettore CD e giradischi, potrete trovare quella per l’encoding, molto utile se volete passare della musica da vinile o CD su formato digitale in modo da salvaguardare il supporto fisico per la vostra collezione. 

Dimensioni

Gli impianti stereo per casa sono solitamente prodotti molto pratici e compatti, realizzati proprio per chi non vuole occupare spazio in casa con un Hi-Fi composto da vari elementi. Questi mini impianti si presentano con un sintoamplificatore dal quale è possibile gestire tutte le funzioni, l’equalizzazione e il volume, unito a due speaker di dimensioni ridotte. I modelli con giradischi sono più ingombranti, come anche quelli dotati di casse più potenti e per forza di cose più grandi. 

In linea di massima un normale impianto per casa si potrà sistemare comodamente su un mobile o su un pensile, senza occupare troppo spazio. Sul mercato si possono trovare anche impianti All in One, dei particolari modelli con amplificatore e casse incorporati in un singolo pezzo, estremamente compatti e comodi, ma allo stesso tempo decisamente costosi. 

 

 

 

Come fare un impianto stereo in casa

 

Se non siete troppo convinti dagli impianti ‘preconfezionati’, potete sempre pensare di allestire il vostro personale Hi-Fi usando diversi componenti. Questa è la soluzione preferita dagli audiofili, ma allo stesso tempo si rivela ovviamente meno pratica del comprare un prodotto già dotato di sintoamplificatore e casse.  

Cos’è un sintoamplificatore? Molto semplice, si tratta di un amplificatore con sintonizzatore radio che manderà il segnale audio alle casse ad esso collegate. Se non avete necessità di ascoltare la radio, potete acquistare un semplice amplificatore. Entrambe le tipologie di prodotti dispongono di tutti i controlli necessari per il volume, le frequenze e la selezione delle fonti audio da riprodurre. Al sintoamplificatore\amplificatore andranno collegate le casse passive. 

L’importanza delle casse

Le casse passive sono fondamentalmente degli speaker non amplificati, ci penserà infatti l’amplificatore a mandare il segnale audio della fonte di riproduzione. Le casse si limiteranno a diffondere il suono che però dovrete regolare nel volume e nelle frequenze utilizzando l’amplificatore. Quelle attive, invece, sono quelle con un amplificatore integrato, ma solitamente non sono molto adatte ad un impianto Hi-Fi. 

In generale è consigliabile acquistare un amplificatore da almeno due canali stereo, al quale collegare due casse da 30 watt, per un totale di 60 watt di potenza. Questa configurazione è perfetta per un ambiente di pochi metri quadri e si rivela poco ingombrante. Nel caso invece volete allestire un impianto in un salotto ampio, allora vi conviene puntare su una coppia di speaker con un wattaggio più alto. Ricordate però che la potenza e la qualità del suono dipendono anche dalla qualità del sintoamplificatore. 

Se volete ottenere dei bassi di buona qualità, potete considerare l’acquisto di un subwoofer da abbinare al sintoamplificatore. Questo particolare speaker si occuperà di gestire le frequenze basse, rendendole più rotonde e convincenti, regolandole in modo da non finire sovrastate dagli alti e di non causare distorsioni ad alti volumi. 

All’amplificatore andranno collegati anche il lettore CD e il giradischi tramite gli appositi cavi, mentre le funzioni come Bluetooth e USB sono solitamente integrate nello stesso 

dispositivo, a meno che non si tratti di un amplificatore piuttosto datato. 

 

 

 

Domande frequenti 

 

Quanto occupa un impianto stereo per casa?

Solitamente questi modelli consistono in un amplificatore e una coppia di speaker di dimensioni molto compatte, progettati proprio per chi cerca una soluzione comoda e salvaspazio per poter ascoltare musica. In generale, i modelli più comuni si possono sistemare comodamente su un mobile o su un pensile senza occupare troppo spazio, sebbene ci possono essere delle eccezioni come gli impianti con giradischi integrato, molto più ingombranti. 

La qualità audio degli impianti stereo per casa è buona?

Se comparata a quella delle casse interne di un laptop, tablet o televisore assolutamente si. Con due casse di wattaggio complessivo di 60 watt potrete ottenere degli ottimi risultati in un ambiente di piccole dimensioni. Chiaramente però questi mini impianti non possono reggere il confronto con un Hi-Fi di qualità più alta che dispone anche di un subwoofer per la gestione dei bassi. Diciamo che si tratta di prodotti molto pratici con un suono di buon livello, ma consigliati solo se non avete particolari esigenze. 

 

Il lettore CD integrato è solitamente durevole? 

Dipende molto dal tipo di prodotto. Tenete conto che più l’impianto sarà compatto e più c’è il rischio che il lettore CD sia accessibile da una fessura aperta e quindi esposto alla polvere e altri agenti dannosi per i componenti. In linea di massima i lettori con sportello sono abbastanza resistenti, sebbene dovrete comunque avere qualche accortezza, ad esempio dovrete evitare di lasciare i dischi all’interno e magari cercare di pulire la polvere di tanto in tanto. 

 

Il Bluetooth e la radio DAB sono presenti in tutti i modelli?

Non sempre, potreste trovare degli impianti molto economici che non dispongono di determinate funzioni. Alcuni prediligono la modernità, puntando sulla riproduzione della musica liquida tramite connessione Bluetooth e porte USB, altri invece dispongono di lettore CD e USB, ma non di Bluetooth. Allo stesso modo la radio DAB\DAB + è presente solo nei prodotti più costosi. 

 

Dove acquistare e quanto costa un impianto stereo per casa?

Potrete acquistare un impianto stereo per casa in qualsiasi negozio di elettronica, recandovi nella sezione dedicata agli impianti Hi-Fi, casse e sintoamplificatori. Alcuni negozi di musica specializzati potrebbero avere dei modelli a disposizione. Per una gamma più ampia potete puntare sul negozio online. Il prezzo di questi prodotti oscilla solitamente tra i 90 e i 150 € a seconda della qualità dei componenti dell’amplificatore e delle casse, così come delle funzioni a disposizione. 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI