Gli 8 migliori proiettori 4K del 2021

Ultimo aggiornamento: 03.08.21

 

Proiettori 4K – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto

 

TV o proiettore? Questa è la domanda che si pongono tutti gli amanti del cinema che vogliono avere le stesse sensazioni del grande schermo anche tra le mura casalinghe. Abbiamo quindi stilato una classifica dei migliori prodotti del 2021 per aiutarvi a selezionare un proiettore 4K. Tra questi spiccano BenQ W2700 proiettore UHD 4K DMD Chip, opzione efficiente grazie alla tecnologia all’avanguardia utilizzata dal produttore, e Epson EH-TW7000 proiettore PRO-UHD 4K 500”, un proiettore molto semplice da utilizzare, Plug and Play e con modulo bluetooth per collegare soundbar esterne.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori proiettori 4K – Classifica 2021

 

Nella seguente classifica troverete i migliori proiettori 4K del 2021, selezionati in base al grado di soddisfazione dei consumatori. Le recensioni vi aiuteranno a capire quale possa essere quello maggiormente adatto alle vostre esigenze al fine di aiutarvi a capire quale proiettore 4K comprare senza sperperare inutilmente il vostro denaro.

 

 

1. BenQ W2700 proiettore UHD 4K DMD Chip

 

La prima delle offerte che prendiamo in considerazione nella nostra lista è quella di BenQ, noto brand taiwanese attivo fin dalla metà degli anni ’80 e dedito alla ricerca e sviluppo di prodotti tecnologici. Il proiettore W2700 ha il vantaggio, rispetto ad altri dispositivi che abbiamo analizzato, di possedere un DMD chip, acronimo che sta per Digital Micromirror Device, per proiezioni con una vasta gamma di tonalità, superiore a 1.024. Conseguentemente i filmati riprodotti avranno colori brillanti e una risoluzione Ultra HD, ovvero 4K, per soddisfare tutti gli amanti dell’Home Cinema. Le tecnologie adoperate sono molteplici, e tra queste troviamo anche quelle relative al potenziamento audio, come il CinemaMaster Audio+ 2, con uno spettro di frequenza ampio, amplificando dunque sia i bassi sia gli alti.

Gli utenti consigliano di proiettare su un pannello apposito, poiché se si effettua la procedura su intonaco, con le naturali irregolarità di una parete di casa, si rischia di perdere tutti i benefici garantiti dal proiettore.

 

Pro

HDR: Con HDR-PRO di BenQ e la tecnologia Active Iris e Dynamic Black sarà possibile godere di una gamma di contrasto superiore alla media, per conservare tutti i dettagli di video in 4K.

Audio: Pur utilizzando degli altoparlanti stereo da 10 watt, l’esperienza audio restituita dal proiettore con CinemaMaster Audio+ 2 è di notevole impatto.

Regolazione: W2700 si adatta a qualsiasi stanza con Big Zoom da 1,3X, gestibile quindi a diverse distanze senza troppi problemi.

 

Contro

Rumore: Quando si attiva la modalità 4K è bene sapere che la ventola inizierà a produrre calore e soprattutto rumore. Impostare la modalità silenziosa scalerà la risoluzione in HD.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Epson EH-TW7000 proiettore PRO-UHD 4K 500”

 

Tra i più venduti, grazie a un buon rapporto qualità/prezzo, abbiamo EH-TW7000 di Epson. Il proiettore ha un contrasto di 40.000:1, garantendo una notevole qualità in materia di ombre, sempre ben definite, e neri profondi.

Come ci si aspetterebbe da una macchina in questa fascia di prezzo, abbiamo una proiezione fino alla qualità Ultra HD, adeguato anche ad ambienti molto grandi poiché può creare uno schermo fino a 500 pollici.

Molto comoda anche la connettività smart, può agganciarsi tramite bluetooth a una soundbar o speaker che presentano modulo wireless, mentre per quanto riguarda la riproduzione da telefono, computer o altri apparecchi simili non dovrete far altro che usufruire della comoda porta HDMI, con tecnologia Plug and Play per ridurre al minimo il tempo di setup e preparazione.

L’unico difetto è che manca un’uscita audio dedicata e bisogna quindi necessariamente adottare la soluzione bluetooth, non ideale per alcuni consumatori che preferiscono avere una scelta.

 

Pro

Plug and Play: Niente configurazioni complesse, tutto ciò che bisogna fare per iniziare a riprodurre i contenuti è collegare il dispositivo tramite cavo HDMI e sarete subito pronti alla visione.

Display: Il proiettore può creare uno schermo della grandezza massima di 500 pollici, adeguandosi perfettamente anche agli ambienti più spaziosi.

Lunga durata: La lampada è garantita per la visione di un film a cadenza quotidiana per un totale di sette anni. Non dovrete quindi preoccuparvi di sostituirla tanto in fretta.

 

Contro

Uscita audio: Manca poiché il produttore ha deciso di optare per la connettività wireless con soundbar o speaker. Un’occasione sprecata per offrire un’opzione in più.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Optoma UHD40 4K proiettore 2400 lumens

 

A seguire abbiamo un proiettore 4K proposto da Optoma Technology, soluzione leggermente più economica per gli acquirenti che hanno un budget contenuto. Va sottolineato che alcuni dettagli, come il supporto a 4K HLG di Sky Q, sono disponibili solo previo aggiornamento software da effettuare con una chiave USB da collegare al proiettore, richiede dunque una certa dimestichezza in ambito informatico.

La qualità delle immagini è soddisfacente, con 2.400 lumen però avrete bisogno di oscurare la stanza in cui vedete i contenuti multimediali per poter godere della migliore resa possibile.

Secondo i pareri espressi dagli utenti in merito alle porte HDMI, è necessario sottolineare che solo una di queste permette di avere 4K e 60 fps, inoltre non potrete correggere deformazioni prospettiche qualora l’ottica non sia in asse poiché la correzione trapezoidale è esclusivamente verticale. Una buona soluzione budget che necessita però di installazione certosina per dare i suoi frutti.

 

Pro

Prezzo: Pur non potendo essere definito economico, ha comunque un costo inferiore rispetto alla media degli altri proiettori 4K. Ideale per chi vuole spendere poco.

Eco: Presente la modalità per ridurre le prestazioni e anche la rumorosità. Un must per chi ha una stanza piccola e non vuole che diventi un forno o un solarium.

 

Contro

Aggiornamento: Necessario update software per la codifica HLG del 4K del box Sky Q. Nulla di troppo complesso ma avrete bisogno di una chiavetta USB e un po’ di conoscenza del settore.

Posizionamento: Risulta difficile poiché l’apparecchio non permette modifiche profonde. Per esempio, la correzione trapezoidale è unicamente verticale, poco utile in piccoli spazi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Acer V6810 proiettore 4K 2200 lumens ANSI

 

Parlare di prezzi bassi quando si scelgono proiettori in grado di visualizzare contenuti multimediali in 4K potrebbe essere fuori luogo dal momento che anche il dispositivo più economico può superare facilmente il migliaio d’euro. È questo il caso del prodotto Acer, V6810 che garantisce un’ottima luminosità pari a 2.200 ANSI lumens e compatibilità con tecnologia HDR per poter avere immagini realistiche grazie alla più ampia gamma di colori e un rapporto esteso di contrasto.

Per alcuni acquirenti è importante tanto la resa visiva quanto quella audio, scegliere quindi un proiettore che non sia troppo rumoroso, e consenta di vedere film senza il costante ronzio della ventola del dispositivo, è di vitale importanza. In seguito alle prove effettuate con il V6810, la silenziosità è annoverata tra i suoi pregi, soprattutto quando in funzione la modalità Acer EcoProjection che riduce i consumi energetici del 70% circa, altro punto a favore per chi vuole investire in un apparecchio efficiente.

 

Pro

HDR: Non si può ormai parlare di 4K senza accoppiare lo High Dynamic Range per avere una gamma di colori quanto più ampia possibile per restituire immagini realistiche.

ANSI: Il valore lumen certificato dall’istituto americano è pari a 2.200, più che adeguato per una corretta visione anche in stanze mediamente illuminate.

Risparmio energetico: Attivando la modalità EcoProjection di Acer potrete ridurre del 70% il consumo del proiettore, ideale per chi lo sfrutta per svariate ore al giorno.

 

Contro

Audio: Gli utenti consigliano di collegare, tramite cavo o anche wireless, un sistema che permetta di migliorare le prestazioni in questo frangente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. LG CineBeam HU70LSB 4K 1500 lumen

 

Un nuovo modello recentemente introdotto sul mercato è il proiettore CineBeam HU70LSB proposto dalla compagnia sudcoreana LG. Si tratta di un netto passo in avanti rispetto alla variante del 2017 soprattutto perché abbiamo il supporto alla risoluzione Ultra HD, 3.840 x 2.160 pixel e persino HDR10 per la resa cromatica di ultima generazione.

A fare la differenza, se effettuiamo una rapida comparazione con altri modelli, è la presenza di WebOS 4.5 integrato che consente di sfruttare l’apparecchio come se fosse uno Smart TV. Collegandolo alla rete internet casalinga avrete dunque accesso ad applicazioni in streaming come SkyTV, Prime Video o Netflix senza dover inviare il segnale da un secondo dispositivo come smartphone o PC.

Dove però lascia un po’ a desiderare è nella luminosità, il valore lumen si ferma a 1.500 pertanto avrete bisogno di un ambiente particolarmente buio per poter vedere chiaramente le immagini proiettate. Interessante il rapporto qualità/prezzo pur non essendo un proiettore economico.

 

Pro

Smart: Grazie al sistema operativo WebOS in versione 4.5 è possibile usufruire del proiettore come se fosse uno Smart TV, tutto ciò che dovrete fare è collegarlo alla rete internet.

HDR10: Non solo 4K, ma con il supporto allo High Dynamic Range 10 potrete godere della massima qualità possibile per quanto concerne colori e contrasto.

Connessioni: Sul retro trovate due porte HDMI 2.0b, svariate porte USB sia di tipo A sia di tipo C, optical audio, RJ-45 per il cavo LAN e naturalmente il supporto al bluetooth integrato.

 

Contro

Lumen: Il valore pari a 1.500 è un po’ troppo basso secondo gli utenti che hanno avuto modo di provarlo, costringendo quindi a creare un ambiente buio per avere una visione ottimale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. ViewSonic X10-4K UHD Short Throw dual Kardon

 

Effettuando una rapida comparazione con quanto visto finora, possiamo immediatamente notare che il prodotto ViewSonic è in realtà un mini video proiettore, che potrete portare sempre con voi mantenendo però la qualità di risoluzione. A tal proposito parliamo comunque di un apparecchio in grado di proiettare immagini a 3.840 x 2.160 pixel, ovvero in Ultra HD, per una visione eccellente di contenuti multimediali come film, sport e persino videogiochi. La gamma di colori è elevata grazie alla tecnologia HDR10 e può persino riprodurre filmati in Blu-ray 3D.

Una delle caratteristiche che ci hanno colpito di più è il design all’avanguardia che permette di distinguere il ViewSonic dagli altri proiettori, fattore che gli è valso anche l’iF Design Award: la superficie è in metallo lucido con una copertura in pelle e una maniglia per un trasporto agevole.

Non manca un impianto audio di tutto rispetto, ovvero doppi altoparlanti integrati Harman Kardon con funzione bluetooth, per riprodurre wireless da smartphone qualsiasi contenuto audio.

 

Pro

Qualità video: Nulla da eccepire in questo ambito grazie alle migliori tecnologie utilizzate da ViewSonic, ovvero 4K, HDR10 e persino il 3D, sebbene questo solo in Full HD.

Audio superiore: Gli altoparlanti Harman Kardon sono una garanzia di qualità e dispongono anche di modulo bluetooth per il collegamento senza fili.

Design: Parliamo di un proiettore top di gamma ma portatile, realizzato con estrema cura e attenzione ai dettagli per chi vuole soddisfare anche l’occhio.

 

Contro

Luminosità: Unica pecca dell’apparecchio, richiede infatti una stanza particolarmente buia per poter garantire una visione soddisfacente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Acer H7850 proiettore 4K Ultra HD 3000 lumen ANSI

 

Meglio chiarire immediatamente che il proiettore Acer H7850 non è il più economico della nostra lista, ma ci sono ottime ragioni per prenderlo in considerazione nonostante si tratti di un dispositivo particolarmente impegnativo.

Innanzitutto bisogna assolutamente citare il valore ANSI lumen, pari a 3.000 e tra i più elevati sul mercato. Cosa significa però di preciso? In sostanza potrete attivare il proiettore e godere di immagini chiare e nitide anche in stanze dove è presente la luce solare.

Uno degli svantaggi degli apparecchi così potenti è che producono un rumore insopportabile che rende la visione dei contenuti multimediali molto meno immersiva rispetto a un televisore, tuttavia non è questo il caso poiché la ventola di raffreddamento è studiata per raggiungere un massimo di 26 decibel in modalità normale mentre se impostato su Silent produrrà appena 19 dB.

Buona la modalità Eco per il risparmio energetico delle lampade, che durano fino a 5.000 ore, tuttavia l’impatto sulla qualità visiva è presente e non può essere ignorato.

 

Pro

Luminoso: Con 3.000 lumen ANSI non dovrete più sigillare casa come se fosse una cripta prima di vedere un film o un programma TV, basterà chiudere appena tapparelle o persiane.

Silenzioso: Con due diverse modalità di raffreddamento, la ventola necessaria a evitare il surriscaldamento non darà fastidio durante la visione.

Porte: Potrete collegare diversi dispositivi grazie a quelle presenti, ovvero HDMI, VGA, USB e persino una Ethernet per la connessione internet cablata.

 

Contro

Costo: Si rivela uno dei proiettori dal prezzo più elevato dell’intera lista. Non si tratta dunque di una spesa da fare a cuor leggero ma solo dopo aver attentamente valutato le proprie esigenze.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. BenQ W5700 proiettore 4K HDR 1800 lumens ANSI

 

Concludiamo la classifica con un altro dei prodotti venduti online di BenQ, ovvero il W5700. Il valore ANSI lumen di 1.800, relativo quindi alla luminosità, è soddisfacente sebbene esista ormai di meglio sul mercato, tuttavia dove il dispositivo riesce a convincere del tutto è nella resa in 4K delle immagini, che godono di miglioramento dei colori con la tecnologia BenQ CinematicColor, HDR-Pro, Active Iris e Dynamic Black.

Grazie al design elegante e compatto si è guadagnato l’iF Design Award del 2019, entrando di diritto tra i migliori dispositivi degli ultimi anni. Ciononostante, sottolineiamo che ha un costo elevato e potrebbe quindi non rivelarsi la scelta ideale per chi vuole un proiettore economico.

Per scoprire dove acquistare il W5700 vi basterà cliccare sul link che trovate direttamente in basso, verrete riportati alla pagina di vendita dove effettuare la transazione in completa sicurezza, attendendo che il prodotto venga consegnato direttamente a casa vostra.

 

Pro

Prestazioni: Spendere migliaia di euro per un proiettore potrebbe sembrare una follia ma chi vuole il meglio della tecnologia moderna, garantita da BenQ, resterà soddisfatto dell’investimento.

Design: Colore total black e compattezza, nonché la possibilità di installarlo ovunque desideriate, rendono il W5700 un’offerta intrigante

Porte: Sul retro avrete una vasta gamma di opzioni tra cui ben due porte HDMI 2.0, due USB e una D-Sub. Potrete quindi collegare simultaneamente diversi apparecchi come smartphone e tablet.

 

Contro

Costo: Una spesa importante da valutare con estrema attenzione in base alle proprie esigenze. Si tratta infatti di un proiettore di un certo livello con caratteristiche top di gamma.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori proiettori 4K

 

Uno dei vantaggi offerti dai proiettori è quello di poter godere di immagini di dimensioni notevoli che permettono di avere un’esperienza molto simile a quella provata in sala. I cinefili sono i più grandi sostenitori del mercato che si sta ampliando sempre più grazie alla riduzione di prezzo di tali apparecchi che iniziano dunque a fare competizione ai televisori moderni.

Se anche voi volete addentrarvi in questo mondo ma non sapete come scegliere un buon proiettore 4K, allora potete leggere la nostra guida che vi indicherà tutti i fattori importanti per evitare di sperperare denaro in dispositivi poco soddisfacenti.

Maggiore spesa, migliore resa

Il detto è sempre attuale quando si parla di tecnologia e, come è lecito aspettarsi, anche nel caso dei proiettori maggiore sarà il budget e più performante sarà l’apparecchio che acquisterete. Ciò non vuol dire però che non esistano delle offerte intermedie che possono ugualmente soddisfare, naturalmente a patto di sacrificare qualcosa.

Uno dei primi fattori da considerare è la destinazione di utilizzo: un proiettore che deve essere acceso solo una volta al giorno per la visione di un film, magari di sera, non necessiterà di un valore lumen elevato poiché non dovrà funzionare in ambienti luminosi. Viceversa, se dovete sfruttarlo tutti i giorni anche per videogiochi o vedere programmi TV, avrete bisogno di qualcosa di più performante, che vi restituisca immagini nitide anche in presenza di luce solare. Per decretare la luminosità, quindi si guarda il valore lumen o ANSI lumen, chiaramente indicato nella scheda tecnica di tutti i prodotti venduti online.

 

Risoluzione e colori

In questo articolo parliamo esclusivamente di proiettori che offrono una risoluzione 4K, ovvero il moderno Ultra HD, nuovo standard che sta soppiantando in toto il Full HD. Per essere sicuri però che il dispositivo scelto offra tale tecnologia è importante fare sempre riferimento alla risoluzione nativa. Talvolta infatti, i prodotti di fascia media o bassa nascondono in modo criptico la dicitura, promettendo prestazioni che il proiettore non è in grado di garantire, sta al consumatore quindi avere gli occhi aperti per non essere gabbato dai venditori astuti e talvolta sleali.

Dimenticate dunque la possibilità di procurarvi un proiettore 4K a prezzi bassi, magari al costo di poche centinaia di euro poiché ribadiamo che si tratta di tecnologia costosa che difficilmente riuscirete a trovare a buon mercato.

 

Rumorosità

Nel caso dei decibel emessi bisogna considerare diversi fattori come per esempio la distanza dal fruitore, la grandezza della stanza e il limite massimo tollerabile che può variare di soggetto in soggetto. Vien da sé che anche il proiettore più rumoroso se posizionato sul soffitto a notevole distanza potrà essere meno invadente e fastidioso. Al contrario se avete una stanza di dimensioni intermedie e posizionerete il proiettore direttamente alle vostre spalle, vien da sé che scegliere qualcosa che emetta una quantità di decibel inferiore sia la scelta giusta.

Perché non un proiettore laser?

Una nuova tecnologia ancora poco utilizzata vede la sostituzione della classica lampada con un vero e proprio laser semiconduttore. Il vantaggio è dato innanzitutto dal risparmio energetico dal momento che il fascio laser consuma molto meno della lampada, inoltre anche la qualità globale ne trae beneficio poiché si può regolare l’emissione sulle lunghezze d’onda specifiche. Se le migliori lampade hanno una durata di circa 4.000 o 5.000 ore, il laser dura quattro volte tanto, con una sostituzione prevista non prima di 20.000 ore di riproduzione.

I vantaggi però non si esauriscono qui e abbiamo anche tempi di risposta immediati, con un avvio istantaneo, e una qualità costante fino all’esaurimento, senza cali di luminosità verso la fine del ciclo vitale.

Ma per quale motivo il laser non ha ancora soppiantato la tecnologia più obsoleta delle lampade? Il motivo è da ricercarsi nella luminosità, che è molto ridotta e che arriva nei casi migliori ad appena 200 lumen.

 

 

 

Come usare un proiettore 4K

 

Il primo passo per sfruttare il miglior proiettore 4K appena acquistato è quello di valutare bene lo spazio a disposizione e organizzare la propria sala multimediale al meglio. Non tutti dispongono di una parete sufficientemente ampia e sgombra su cui proiettare le immagini per questo motivo potrete sfruttare un telo bianco a scomparsa, pratico ed elegante, da tirare giù solo nel momento in cui volete godervi un buon film insieme a parenti e amici.

La stanza deve poi essere facilmente oscurabile, per consentire anche ai proiettori con un valore lumen o ANSI lumen non propriamente eccelso di restituire immagini di qualità, assicuratevi dunque che il luogo in cui verrà posizionato presenti delle tapparelle, persiane o simili da chiudere all’occorrenza.

Distanza dallo schermo

In base alla grandezza della proiezione il divano deve essere posizionato a una distanza specifica, per ottenere il valore corretto vi basterà moltiplicare la larghezza dell’immagine in centimetri per il coefficiente della risoluzione, pari a 1,5 per le immagini in Full HD a 1.080p e 1 per quelle in 4K/Ultra HD. Per avere dei valori di riferimento, pensate che la visione di un 100 pollici è ottimale a 2,5 metri di distanza.

 

Impianto audio

Alcuni apparecchi offrono un sistema stereo con casse integrate, la loro potenza sarà però quasi sempre insufficiente a garantire un ascolto di tutto rispetto. Come fare dunque in questo caso? L’opzione migliore è collegare tramite cavi un impianto Hi-Fi, possibilmente 5.1 o 7.1 con supporto alle nuove tecnologie Dolby Digital, DTS e Atom. Qualora non abbiate spazio a sufficienza o la gestione cablata si riveli un problema, consigliamo di scegliere un proiettore che goda di modulo wireless bluetooth per collegare delle casse presenti in qualsiasi punto della casa.

Connessione con dispositivi

Dopo aver creato l’impianto, dovrete collegare il proiettore alla sorgente per avere video da riprodurre. Questa può essere un classico smartphone per contenuti multimediali in streaming o un laptop o un computer fisso, tutti con connessione HDMI. Per supporti di archiviazione esterni invece, come hard disk o SSD, potrete contare sulle porte USB. Effettuati i collegamenti vi basterà accendere il proiettore e iniziare a riprodurre i contenuti, tuttavia ricordate che sarà necessario effettuare delle configurazioni per la messa a fuoco e regolare lo shift dell’immagine. Dal momento che si tratta di operazioni diverse in base al tipo di proiettore vi rimandiamo al manuale incluso nella confezione del vostro apparecchio, da avere sempre a portata di mano anche per la manutenzione della lampada.

 

 

 

Domande frequenti

 

Meglio un TV o il proiettore?

Se lo scopo è lo stesso, ovvero vedere contenuti multimediali, le due tecnologie sono molto diverse. I televisori al giorno d’oggi hanno un costo molto inferiore, soprattutto se si desidera puntare sul 4K, ambito in cui i proiettori sono ancora elitari. Anche i costi di manutenzione sono superiori, pertanto dovreste puntare su questi ultimi solo se siete amanti del cinema e volete godere a casa vostra della stessa esperienza che si ha in sala.

Cosa sono i lumen?

Si tratta di un’unità di misura relativa al fascio di luce. Più è alto il valore lumen e migliore sarà la visibilità della proiezione anche in ambienti illuminati. Per i proiettori di qualità elevata è bene affidarsi alla dicitura ANSI lumen, acronimo che sta per American National Standard Institute. Si tratta di un metro di paragone più affidabile rispetto al classico lumen poiché questi vengono calcolati in base a uno standard ufficiale.

 

Si può proiettare direttamente sulla parete?

Se si possiede una parete sufficientemente grande in casa è naturalmente possibile proiettare le immagini direttamente lì, evitando di acquistare un telo apposito. Tuttavia, tale scelta comporta anche degli svantaggi. Il bianco del muro non è infatti tale da garantire una visione perfetta dei colori e, se consideriamo le naturali imperfezioni delle pareti casalinghe, vien da sé che non si tratta della soluzione migliore. Se avete speso migliaia di euro per un proiettore 4K, il nostro consiglio è quello di investire qualcosina in più per dotarvi anche di un telo.

 

Cosa posso collegare al proiettore?

I prodotti che abbiamo avuto modo di analizzare nella nostra classifica, che trovate in alto, sono tutti all’avanguardia pertanto dispongono di porte di ogni tipo, non solo quindi le obsolete VGA ma anche il nuovo standard HDMI. Grazie a questo potrete usufruire di smartphone, computer portatili o fissi, lettori DVD e Blu-Ray e qualsiasi altro apparecchio predisposto per la visione o riproduzione di contenuti multimediali.

Meno ampia è invece la scelta per gli impianti audio poiché non tutti i proiettori hanno un’uscita per l’audio, alcuni sfruttano un modulo wireless bluetooth mentre altri sfruttano gli altoparlanti interni.

 

Dopo quanto tempo va sostituita la lampada?

La durata è diversa in base al prodotto che deciderete di acquistare. Proiettori dal costo elevato garantiranno lampade performanti, con modalità Eco che ne aumentano considerevolmente l’autonomia, tuttavia arriverà comunque il momento in cui la luminosità inizierà a ridursi, offrendo quindi prestazioni sub-ottimali. Questo è un chiaro indicatore della necessità di cambiare la lampada, tuttavia non bisogna preoccuparsi eccessivamente poiché con utilizzi intermedi tale esigenza non si presenterà prima di qualche anno dalla data d’acquisto.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI