I 12 Migliori Visori VR del 2022

Ultimo aggiornamento: 21.05.22

 

Visore VR – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

La realtà virtuale è un concetto molto affascinante che recentemente è stato ripreso per essere portato nel mondo del gaming e del cinema. Se possedete un buon PC, una console PS4 o uno smartphone moderno e volete provare questa singolare esperienza, allora non dovete fare altro che acquistare un buon visore VR. Sul mercato ci sono diversi prodotti dai prezzi più disparati, compatibili inoltre solo con determinati dispositivi, per questo abbiamo creato una guida che vi aiuterà a scegliere il prodotto giusto. Se non avete tempo per leggerla tutta, possiamo subito indicarvi i due prodotti più venduti: il Playstation VR, compatibile con la console Sony PS4, e l’Oculus Rift, un visore di alto livello (e piuttosto costoso) ideato per il PC gaming.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 12 Migliori Visori VR – Classifica 2022

 

 

Visore VR per PS4

 

1. Sony Playstation 4 VR

 

Se possedete una PS4 e volete provare l’esperienza della Realtà Virtuale, eccovi il visore originale prodotto da Sony con il quale potrete giocare ai vari titoli VR disponibili sullo store, oppure attivare il VR in alcuni giochi come Resident Evil 7.

Il visore VR per PS4 dispone di schermo OLED da 5,7 pollici che arriva a una risoluzione di 1080p e a ben 120 fps, indispensabili per poter apprezzare la fluidità delle immagini e per ridurre il ‘motion sickness’. Il design di alta qualità consente di indossare il visore comodamente, grazie alla singola fascia e al pulsante di sgancio rapido.

Il dispositivo risulta anche molto leggero, quindi potrete usarlo per sessioni prolungate di gioco senza affaticarvi troppo. Se non sapete dove acquistare il prodotto nuovo cliccate sul link per il negozio online qui di seguito.

 

Pro

Originale Sony: Questo è il miglior visore VR per PS4 in circolazione. Potrete sfruttarlo per giocare ai titoli esclusivi e attivare la realtà virtuale in quelli che la supportano.

Qualità: Lo schermo arriva a ben 1080p di risoluzione a 120 fps, raggiungendo una fluidità davvero impressionante che vi permette di giocare in VR al massimo livello.

Design: Il dispositivo risulta ergonomico e comodo da indossare, oltre che estremamente leggero. Grazie al peso ridotto potrete giocare comodamente per ore senza affaticarvi.

 

Contro

Webcam: Per far funzionare il casco è necessaria una Webcam da acquistare separatamente, cosa che fa aumentare il prezzo dell’acquisto complessivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR per PC

 

2. Oculus Rift + Touch Controllers

 

Non è proprio il visore più economico sulla piazza, ma se possedete un computer potente con scheda grafica di ultima generazione e vi interessa sperimentare la realtà virtuale, allora questo è il non plus ultra dei visori VR per PC.

A differenza di altri modelli, l’Oculus Rift permette di giocare a 360 gradi, muovendosi per l’ambiente e usando i due controller per muovere le braccia. Questo consente di afferrare oggetti nei videogiochi, simulando il movimento reale di armi, utensili e altro, rendendo l’esperienza ancora più emozionante.

Il parco giochi per Oculus Rift è davvero impressionante, con una varietà di titoli esclusivi spettacolari e giochi che supportano la funzione VR. L’unico difetto del prodotto sta nella risoluzione non proprio esaltante, ma questo è un problema molto comune per una tecnologia che solo recentemente è tornata in voga.

 

Pro

Tecnologia: L’Oculus Rift permette di giocare in VR sfruttando il movimento del corpo e delle braccia, rendendo l’esperienza ancora più coinvolgente.

Controller: I due joypad simulano il movimento delle mani e permettono di colpire, afferrare ed esprimersi con i gesti nei vari titoli VR.

Giochi: Su PC esiste una vasta gamma di giochi VR, alcuni dei quali sono considerati dei veri e propri capolavori come Arizona Sunshine e Gorn.

 

Contro

Prezzo: Si tratta del visore VR per PC più costoso in circolazione, non proprio adatto se volete risparmiare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR Samsung

 

3. Samsung Gear VR Dispositivo di Realtà Virtuale

 

I Samsung Galaxy di ultima generazione si avvalgono di funzione VR attivabile tramite questo pratico visore che vi permette di giocare, utilizzare app e vedere filmati con il supporto della realtà virtuale.

Il design ergonomico è uno dei punti di forza del visore VR Samsung, in quanto vi permette di collegarvi lo smartphone e di indossarlo senza alcun fastidio. Il peso di soli 310 grammi evita affaticamenti al collo e alla testa, così potrete usarlo per lunghe sessioni senza interruzioni.

L’angolo di visuale molto ampio e l’head tracking preciso sono adatti sia per godersi i filmati in VR sia per i videogiochi, mentre la risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel vi consente di vedere contenuti in HD. Per una comparazione dei pro e dei contro del prodotto, vi rimandiamo alla tabella qui di seguito.

 

Pro

Qualità visiva: Con una risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel potrete godere di contenuti in VR ad alto livello, che si tratti di filmati o videogiochi.

Design: Il dispositivo si presenta con un design ergonomico che mira a garantire il massimo comfort all’utente durante l’utilizzo.

Angolo visivo: Molto ampio, permette di immergersi ancora di più in film e videogiochi, osservando con cura il mondo virtuale in tutti i suoi dettagli.

 

Contro

Limitato: Le applicazioni del visore VR per smartphone non sono poi tantissime, quindi consideratene l’acquisto solo se avete un buon budget e volete soddisfare la vostra curiosità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR per smartphone

 

4. VR Shinecon Occhiali VR Compatibile Smartphone da 4,7 a 6,0 Pollici

 

Se non sapete quale visore VR comprare e non volete spendere troppo, potete puntare su questo economico modello. Uno dei vantaggi principali di questo visore VR per smartphone sta nella sua compatibilità elevata, infatti potrete usarlo con dispositivi Samsung, Apple e Huawei.

Sebbene non sia all’altezza di visori più costosi, il dispositivo dispone di un angolo di visuale di 120 gradi che consente di vedere video e giocare con una buona dose di coinvolgimento. Il design ergonomico con copertura a forma di T permette di regolare la cinghia e rimuovere il visore senza perdere troppo tempo.

Il problema del prodotto sta nella sua messa a fuoco che vi costringerà a regolare continuamente le lenti, affaticando gli occhi più del dovuto. Ciononostante, rimane uno dei migliori visori VR del 2022 per rapporto qualità-prezzo e che potrete acquistare cliccando sul link qui sotto.

 

Pro

Economico: Viene venduto a un prezzo molto conveniente rispetto a quello di altri visori VR per smartphone.

Compatibilità: Si può usare con dispositivi Android e iOS come Samsung, Apple e Huawei.

Angolo di visuale: Con ben 120 gradi di campo visivo, potrete immergervi completamente in film e videogiochi.

Design: Il visore dispone di una copertura a forma T che consente di rimuoverlo e di indossarlo velocemente, inoltre la pelle leggera lo rende traspirante.

 

Contro

Messa a fuoco: Non proprio precisa, costringe a regolare le lenti per poter ottenere il risultato migliore e non risultare fastidiosa per gli occhi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR di cartone

 

5. I Am Cardboard V2-CCB-Kraft VR Cardboard

 

Incuriositi dal VR, ma spaventati dai prezzi eccessivi dei visori? Niente paura, eccovi qui un dispositivo creato da Google che costa davvero poco. Il simpatico design in cartone lo rende molto bello da vedere, oltre che estremamente leggero.

Il prodotto è tanto geniale quanto semplice, al punto che se avete un po’ di pazienza potete addirittura scaricare le istruzioni dal web e crearlo voi stessi. Fondamentalmente il suo funzionamento si basa sul sistema di eye tracking delle app VR del vostro smartphone, quindi basterà applicare il cellulare alla scatola di cartone e tenerla vicino agli occhi per poter sfruttare la realtà virtuale.

La risoluzione del visore VR di cartone non è altissima e non dispone di alcuno ‘strap’ per poterlo applicare alla testa, ma funziona proprio come gli altri modelli più costosi.

 

Pro

Prezzo: Si tratta del visore VR meno costoso in circolazione, ideale per chi vuole provare la realtà virtuale con il proprio smartphone, ma non vuole spendere troppo.

Design: Semplice e geniale allo stesso tempo, questo visore sfrutta dei principi basilari per garantire un’esperienza VR autentica.

Pratico: Si tratta di una scatola di cartone, quindi leggera e poco pesante da utilizzare.

 

Contro

Componenti: Non aspettatevi lenti di alta qualità, inoltre il cartone può rovinarsi molto facilmente e in poco tempo.

Limitato: I giochi e i video VR per smartphone sono pochi, quindi dopo un po’ di utilizzi potreste stancarvi del visore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR Trust

 

6. Trust GXT 720 Vetri Realtà Virtuale 3D per Smartphone

 

Trust è una buona marca produttrice di periferiche PC, capace di creare dispositivi di buona qualità vendendoli ad un prezzo molto conveniente. È il caso di questo visore VR Trust per smartphone progettato per il gaming, grazie al quale potrete giocare ai diversi titoli disponibili per Android e iOS.

È compatibile con dispositivi di dimensioni fino a 80 x 150 mm e viene venduto con un pratico pad grazie al quale potrete controllare giochi e app di realtà aumentata. Il design ergonomico e compatto consente di usarlo per lunghe sessioni senza stancarsi troppo, sebbene secondo i pareri degli utenti il visore tende a surriscaldare il telefono dopo mezz’ora di utilizzo prolungato. I materiali non sono proprio il massimo, ma a questo prezzo non si può chiedere troppo.

 

Pro

Qualità-prezzo: Come molti prodotti Trust, anche questo visore VR si presenta con un prezzo abbordabile senza lasciare a desiderare per quanto riguarda la qualità. Le immagini si potranno vedere chiaramente e inoltre risulta molto comodo da indossare.

Compatibilità: Funziona con tutti i telefoni di dimensioni fino a 80 x 150 mm sia con sistema operativo Android sia iOS.

Confortevole: Il design studiato con attenzione e i materiali di buona qualità lo rendono comodo e pratico da indossare.

 

Contro

Materiali: I componenti lasciano un po’ a desiderare e non danno l’idea di poter durare molto nel tempo.

Surriscaldamento: Dopo una mezz’ora di utilizzo il visore potrebbe scaldare lo smartphone.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR Google

 

7. Google Daydream VIEW VR

 

Prodotto da Google, questo visore è il fratello più bello del Cardboard, ma allo stesso tempo anche più costoso. Il design elegante e compatto consente di usarlo senza stancarsi troppo e allo stesso tempo di riporlo senza occupare spazio una volta che si finisce di utilizzare.

È compatibile solo con smartphone Android e si potrà utilizzare con diversi contenuti come film e videogiochi. In comparazione con altri visori VR, questo prodotto risulta molto soddisfacente a livello di campo visivo e qualità d’immagine specialmente per quanto riguarda i film o la realtà aumentata.

D’altronde la ditta californiana ha prodotto questo visore proprio per questo tipo di applicazioni. Se siete interessati al visore VR Google, cliccate sul link del negozio qui di seguito oppure continuate a guardare le altre offerte di quest’anno.

 

Pro

Design: Ergonomico e compatto, si può usare per lunghe sessioni senza alcuno sforzo per poi riporlo comodamente ovunque si voglia con il minimo ingombro.

Qualità: Studiato appositamente per la visione di video e per le app VR di realtà aumentata, questo visore vi farà vivere esperienze davvero mozzafiato.

Prezzo: Nonostante l’alta qualità, il prezzo di questo visore è abbastanza abbordabile.

 

Contro

Telecomando: Alcuni utenti non hanno gradito il telecomando incluso nella confezione, ritenendolo poco funzionale.

Giochi: Non si può dire che dia il meglio di sé con i videogame…

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Visore VR HTC

 

8. HTC Vive Tracker 2.0 Sistema di Tracciamento della Realtà Virtuale

 

Quello proposto dalla casa di Taiwan è un avanzato sistema di tracciamento per la realtà virtuale da usare con un visore della stessa marca. Con questo dispositivo sarà possibile migliorare la propria esperienza VR per poter creare video e per programmare esperienze in realtà virtuale, aggiungendo oggetti o contesti vari per stupire gli utenti.

La maggior parte degli utenti lo ha acquistato per partecipare a chat virtuali, dato che il prodotto riesce a tracciare il movimento dei piedi e del bacino per un’immersione del corpo completa. Non sono molti però i giochi che supportano questo tipo di tecnologia, quindi al momento si adatta più alla programmazione che al divertimento vero e proprio.

Il prezzo molto alto inoltre può scoraggiare, ma se avete la disponibilità per acquistarlo e avete un visore VR HTC potete portarvi avanti, in attesa di interessanti applicazioni future del dispositivo.

 

Pro

Innovativo: Il dispositivo amplia le possibilità di utilizzo della realtà virtuale, con un tracciamento completo del corpo che permette l’immersione totale in alcune applicazioni come la VR Chat.

Professionale: I programmatori di VR potranno usarlo per creare video, videogame e contenuti in realtà aumentata.

 

Contro

Limitato: Al momento ci sono pochissimi giochi in grado di sfruttare l’avanzata tecnologia proposta dal dispositivo.

Compatibilità: Si può usare solo con i costosi visori HTC Vive.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

9. Samsung SM-R323NBKAXEF New Gear VR

 

Il principale vantaggio del visore Samsung SM-R323NBKAXEF sta tutto nelle sue dimensioni. Non rientra sicuramente tra i modelli più economici in circolazione ma è sicuramente uno dei più compatti e leggeri della gamma, una caratteristica non di poco conto visto che si tratta di un oggetto che andrà tenuto sulla testa per diverso tempo.

Pesa appena 300 grammi ed è dotato di un cinturino elastico regolabile per mantenerlo ben fermo attorno alla nuca; in linea di massima, quindi, possiamo affermare che si tratta di un modello piuttosto confortevole da indossare, anche qualora lo si voglia utilizzare per parecchie ore consecutive. Il dispositivo è anche molto semplice da utilizzare, merito soprattutto del sensore touch, montato sulla parte destra dello schermo, che non fa assolutamente rimpiangere l’assenza di un telecomando.

Sicuramente uno dei migliori modelli, per struttura e prestazioni, presenti nella nostra guida; peccato, però, che sia compatibile solo con alcuni modelli a marchio Samsung.

Il nuovo visore Samsung della serie Gear, stando ai pareri degli acquirenti, è addirittura migliorato rispetto alla versione precedente, purtroppo però ha anche un prezzo decisamente più alto.

 

Pro 

Nuova versione: Campo visivo e schermo LED sono superiori alla versione esaminata in precedenza, del resto questa è la nuova versione migliorata.

Compatibilità: Può essere tranquillamente utilizzato con tutti gli smartphone Samsung Galaxy della serie 6, 7 e 8, incluse le versioni Edge.

Touchpad: Oltre alle migliorie nel campo visivo e nella qualità dello schermo, anche il pad sensibile al tocco è molto più reattivo.

 

Contro

Prezzo: Purtroppo il costo è abbastanza consistente e da un lato è anche comprensibile visto che si tratta della nuova versione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

10. iHarbort Cuffia di 3D VR

 

Il visore VR-G, prodotto dalla ditta iHarbort, è un modello dal design molto simile al VOX, ma dal peso decisamente maggiore purtroppo; in comune con il visore VOX ha anche la compatibilità con gli iPhone e gli smartphone Android i cui display misurano da 4.0 a 6.0 pollici, e il sistema di cinghie a T per indossarlo più comodamente.

Supporta gli effetti 3D IMAX e le app VR Giochi e Video Split Screen 3D, da scaricare sul vostro smartphone, ma non è compatibile con l’app Google Cardboard, cosa che alcuni acquirenti ritengono una grossa limitazione; la maggior parte degli acquirenti, però, tende a precisare che il VR-G è un semplice visore VR a basso costo, e quindi non bisogna aspettarsi un livello di prestazioni che vada oltre quello basilare.

È adatto per i neofiti curiosi, perché economico, molto comodo da utilizzare e utile per familiarizzare con questo tipo di tecnologia.

l’iHarbort è un visore appartenente alla fascia dei modelli a prezzi bassi, la sua risoluzione non è proprio a livelli di eccellenza ma offre comunque immagini in alta definizione. È adatto soprattutto ai neofiti.

 

Pro 

Ottica: Le lenti in resina offrono un’elevata risoluzione, con immagini in alta definizione e anche in modalità 3D. La distanza dalle pupille, inoltre, può essere regolata e adattarsi alle esigenze dei miopi.

Comodo: Il sistema di cinghie di supporto e lo strato in gomma morbida lo rendono comodo da indossare e decisamente stabile durante i movimenti della testa.

Economico: Il fatto di essere un modello di fascia economica lo rende apprezzabile non solo per il basso costo, ma anche per la compatibilità con diversi tipi di smartphone, inclusi gli iPhone.

 

Contro

Prestazioni nella media: Il fatto di essere economico, purtroppo, significa anche che le sue performance non hanno nulla di particolarmente eccezionale. È adatto soprattutto ai neofiti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

11. Destek V4 Occhiali VR,103° FOV, HD

 

Di tutti i visori VR messi a confronto nella nostra guida all’acquisto, il DESTEK V4 è tra i più economici ma, purtroppo, anche il più pesante e ingombrante.

Senza lo smartphone collegato, infatti, pesa più di mezzo chilo, anche se bisogna ammettere che la dotazione di un doppio cinturino con chiusura regolabile e inserti in tessuto traspirante hanno risolto in parte l’inconveniente.

Il modello dispone di obiettivi protettivi con schermatura anti-riflesso per far sì che la vista non risenta troppo della vicinanza con lo schermo, mentre la buona nitidezza delle immagini viene garantita dalle lenti ottiche HD in resina.

Il prodotto vanta anche un telecomando Bluetooth molto comodo per impostare e regolare i vari parametri senza ricorrere ai tasti posti sul visore, anche se sembra non funzionare come dovrebbe quando associato ad alcuni iPhone.

Buona, invece, la compatibilità del dispositivo, che riesce a supportare tutti gli smartphone con schermo da 4,5 a 6 pollici, a prescindere dal sistema operativo e dalla marca.

Se invece vi state chiedendo dove acquistare un visore completo di telecomando, allora è proprio il caso di dare un’occhiata al V4 Combo, prodotto dalla ditta DESTEK. È un visore ben fatto e anche comodo da indossare.

 

Pro 

Lenti protette: Sono ricoperte da uno strato di protezione contro la luce azzurra, del resto questo visore è progettato soprattutto per la visione di film VR con un’esperienza visiva analoga al sistema IMAX.

Ampia compatibilità: La compatibilità è praticamente universale con tutti gli smartphone dotati di schermo da 4,5 a 6 pollici, a prescindere dalla marca, sia iOS sia Android.

Telecomando: La comodità ultima è data dal telecomando Bluetooth in dotazione, che permette di gestirlo senza dover toccare il visore.

 

Contro

Peso: Si tratta di un visore ad ampia compatibilità dalle ottime prestazioni, ma dal peso notevole: poco meno di 460 grammi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

12. XinYiGou KeJi Sincek all in one 3D VR Box WiFi Motion

 

L’ultimo visore VR esaminato nella nostra guida, prodotto dalla ditta cinese XinYiGou KeJi, è un modello per PC dotato di interfacce Wi-Fi, Bluetooth, HDMI, USB compatibile con i drive U-Disk e lettore per schede di memoria di tipo SD fino a 32 gigabyte di capacità.

La sua ampia compatibilità di sistema gli permette di offrire un’esperienza immersiva di livello decisamente più elevato; può essere usato per la semplice visualizzazione di foto, film e concerti in 3D, per esperienze virtuali di tipo didattico e, ovviamente, per giocare.

È dotato di processore autonomo Quad-Core a 1,5 GHz, con 2 gigabyte di memoria RAM DDR3 e 16 gigabyte di spazio di archiviazione Built-in, e supporta la risoluzione video fino al formato Full HD; dei modelli esaminati nella guida è di sicuro uno dei migliori, per prestazioni offerte, purtroppo, però, è fortemente penalizzato dal costo, che alcuni ritengono troppo alto.

La caratteristica più interessante del visore Sincek, invece, è quella di essere destinato all’uso con i computer e i laptop, quindi offre un’esperienza del tutto diversa dai modelli progettati per gli smartphone.

 

Pro 

PC: A differenza degli altri modelli esaminati nella guida, il visore Sincek è progettato per funzionare con i computer, quindi offre un’esperienza immersiva di un livello decisamente superiore.

Elevata compatibilità: Trattandosi di un modello per il computer, è dotato di interfacce USB, HDMI, Wi-Fi e Bluetooth, inoltre è compatibile i drive U-Disk e integra un lettore di schede SD fino a 32 gigabyte.

Processore autonomo: Integra un processore Quad-Core a 1,5 GHz con 2 gigabyte di memoria e 16 gigabyte di spazio di archiviazione, supporta inoltre il formato video Full HD.

 

Contro

Prezzo: Anche nel caso del visore VR Sincek ci troviamo davanti a un dispositivo dal costo abbastanza elevato, destinato quindi solo a chi ha esigenze specifiche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori visori VR

 

Se avete letto le nostre opinioni, ma non sapete ancora come scegliere un buon visore VR tra quelli venduti online, allora potrete trovare molto utile questa sezione dove vi aiuteremo a capire quali sono le caratteristiche principali da cercare in un prodotto. In generale i visori VR più venduti si dividono in due categorie: quelli per il gaming su PC o console e quelli per Smartphone. Questi ultimi sono più diffusi, in quanto più facili da produrre e più semplici da utilizzare. Se siete interessati al gaming, vi suggeriamo di vedere qualche video gameplay su youtube dei titoli VR per console e PC, in modo da poter capire il vostro reale interesse per la realtà virtuale.

Visori per smartphone

I recenti progressi nel mondo della tecnologia hanno permesso ai grandi produttori di dispositivi portatili come Samsung, Apple e Huawei di creare visori per la realtà virtuale compatibili con gli smartphone. Se siete incuriositi dalla realtà virtuale e volete provarla, allora comprare un visore VR del genere è il modo più economico e rapido per farlo.

Dovete solo assicurarvi che il vostro smartphone sia compatibile con il prodotto da voi desiderato e capire quali sono le app o i giochi che supportano la realtà virtuale. Al momento la realtà è strettamente collegata al mondo del gaming, con qualche applicazione nella realtà aumentata e nella visione di filmati, quindi aspettatevi di ‘consumare’ tutto il repertorio in poco tempo.

Per questo motivo non vi consigliamo di spendere troppo per un visore VR per smartphone, anche perché potete trovare modelli poco costosi che si comportano comunque molto bene a livello di dettaglio visivo.

 

Visori per console e PC

Qui entriamo nel campo dei visori VR più costosi sul mercato che vi consigliamo solo ed esclusivamente se avete un buon budget a disposizione e un PC molto potente con una scheda grafica in grado di gestire grafica Full HD con una buona fluidità a livello di frame per secondo.

I visori PC come l’HTC Vive e l’Oculus Rift hanno dei prezzi davvero esorbitanti, segno che il VR ancora non ha preso del tutto i giocatori. L’HTC Vive è il più innovativo, in quanto dispone del Vive Tracker (acquistabile separatamente) in grado di aumentare l’esperienza virtuale, sebbene le applicazioni che riescono a sfruttare a pieno questa tecnologia siano abbastanza ridotte.

L’Oculus Rift invece è un visore più ‘classico’ che dispone di due controller in grado di emulare il movimento delle braccia e delle mani del giocatore. Su PC Windows potrete trovare una vasta libreria di giochi VR acquistabili sui vari store online come Steam o Epic Games, con alcuni titoli molto divertenti.

Per quanto riguarda le console, attualmente l’unica a supportare il VR è la Playstation 4, sebbene i giochi con i quali è possibile sfruttare il visore Sony sono pochi. A differenza di HTC Vive e Oculus Rift, il visore Sony non dispone di controller particolari, quindi nei giochi sarà necessario usare il joypad per muoversi o eseguire le diverse azioni. Sia per PC sia per PS4 vi consigliamo di acquistare un visore solo se avete un buon budget a disposizione, perché per il gaming la realtà virtuale si trova in una situazione di stasi e non è detto che si sblocchi.

Ergonomia

Per quanto riguarda i visori per smartphone, vi suggeriamo di puntare su modelli ergonomici, leggeri e facili da indossare. Questo perché si tratta comunque di dispositivi abbastanza ingombranti, quindi meglio puntare sulla praticità. Tenete conto che i modelli meno costosi potrebbero avere qualche problema con la messa a fuoco delle lenti e di conseguenza dare più fastidio agli occhi, giramenti di testa e vertigini. In generale è sempre bene usare il VR con criterio, senza esagerare e limitando le sessioni a delle pause lunghe ogni mezz’ora.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quanti pollici ha il visore VR?

Dipende dal visore, quelli per smartphone solitamente arrivano a 6 pollici, mentre quelli per console o PC possono arrivare fino a 7 pollici. In generale le ditte produttrici si mantengono su queste misure in modo da non far risultare il dispositivo troppo largo e pesante per la testa, garantendo comunque un buon angolo di visuale all’utente che potrà vedere con chiarezza tutti i dettagli grafici del gioco o del filmato in VR.

 

A cosa serve il visore VR?

Il visore VR serve a utilizzare giochi, applicazioni e filmati creati appositamente per la realtà virtuale. Senza un visore non è possibile avviarli, quindi se siete incuriositi da questa tecnologia, tale dispositivo al momento è l’unico modo per poterla sperimentare. Ci sono alcuni giochi per i quali la realtà virtuale VR è solo un’opzione, quindi si potranno giocare sia sul televisore sia sul visore.

 

Ci sono molti giochi per realtà virtuale?

Al momento il parco dei titoli è abbastanza limitato, in quanto non ci sono molti sviluppatori che si cimentano con questa tecnologia a causa del costo elevato dei visori VR e alla difficoltà oggettiva di creare titoli divertenti in grado di intrattenere l’utente senza farlo stancare. La visuale in prima persona della realtà virtuale limita il campo ai soli giochi del genere sparatutto, combattimento e ai simulatori di guida o volo.

 

L’uso del visore VR può dare problemi?

Sebbene ci siano stati notevoli progressi nei recenti visori per ridurre la sensazione di nausea e le vertigini provocate dalla realtà virtuale, questa tecnologia non è ancora arrivata al punto da poter essere usata per ore senza alterare lo stato di salute dell’utente. Ovviamente non parliamo di problemi gravi, quanto più di fastidi passeggeri. È sempre consigliabile usare i visori VR con un certo criterio, facendo una pausa ogni mezz’ora. Alla fine si tratta comunque di uno schermo che trasmette immagini da tenere a pochi centimetri dagli occhi, cosa che bene non fa.

 

Quanto costa un visore VR?

I visori per smartphone hanno dei prezzi abbastanza convenienti, con quelli di qualità più alta che arrivano ai 60 €. I prodotti più economici possono costare dai 14 ai 40 €, quindi non si tratta di una spesa inaffrontabile. La musica cambia quando si parla di visori VR per PC o per PS4 che vengono venduti a prezzi davvero esorbitanti. L’HTC Vive e l’Oculus Rift costano sui 600 €, mentre il visore per PS4 originale di Sony arriva a quasi 300€.

 

 

 

Come utilizzare un visore VR

 

Parliamo dell’unico modo (al momento) per poter entrare nei mondi virtuali di applicazioni, giochi e filmati interattivi. Vediamo come funziona e quali sono i visori attualmente disponibili sul mercato.

 

Chi è nato negli anni ‘80 probabilmente si ricorderà del film tratto da un racconto di Stephen King ‘Il tagliaerbe’ (The Lawnmower Man) con un giovanissimo Pierce Brosnan nei panni di un programmatore di simulazioni in realtà virtuale. Gli sviluppi della trama non sono affatto allegri, ma la pellicola ha in qualche modo reso popolare la realtà virtuale, già ipotizzata nei racconti dello scrittore cyberpunk William Gibson, e il suo visore.

Il visore VR d’altronde ha un aspetto futuristico ancora legato a una certa estetica degli anni ’80. Questi occhiali giganti che coprono parte del volto, con un design alquanto ingombrante simile a quello di uno schermo. Ed in effetti si tratta proprio di uno schermo, protetto da un paio di lenti che in teoria dovrebbero proteggere gli occhi da fastidi o danni alla vista. Dopo un piccolo boom negli anni 80-90 la realtà virtuale è lentamente scomparsa, per poi riapparire solo recentemente.

Il visore però non è molto cambiato e mantiene quasi le stesse caratteristiche dei suoi ‘antenati’, con un paio di moderne aggiunte come la risoluzione in HD e sensori avanzati per un tracciamento più preciso dei movimenti della testa. Il peso di soli 300 grammi lo rende abbastanza leggero e confortevole, in modo da limitare l’affaticamento durante le sessioni di gioco o le ‘visite’ virtuali a musei e città.

Non è consigliato usare il visore VR per più di mezz’ora senza fare pause, dato che la realtà virtuale può causare capogiri, nausea e fastidi alla vista se utilizzata senza criterio. In futuro probabilmente verranno adottate nuove soluzioni per permettere agli utenti di usare il visore per sessioni più lunghe.

 

Come funziona?

Principalmente il funzionamento di un visore VR si basa sul movimento della testa dell’utente. Per fare un esempio molto semplice, basta pensare ai controlli del mouse in un gioco in prima persona. Tramite il mouse muoviamo la visuale del personaggio, per essere più precisi controlliamo i movimenti della sua testa più che degli occhi.

Questo tipo di controllo viene trasposto al visore VR, quindi la visuale del personaggio (in questo caso la nostra) viene gestita dai movimenti della nostra testa e non più dal mouse. Difatti alcuni giochi moderni come Resident Evil 7 si possono giocare con mouse e tastiera, joypad o con visore VR per la visuale e il joypad per l’interazione. Ovviamente il vantaggio di usare il visore VR sta nel coinvolgimento sensoriale del giocatore che si sentirà parte del mondo di gioco.

 

 

Visori VR per tutti i gusti

In generale i visori VR funzionano tutti allo stesso modo, con qualche differenza sostanziale in base al tipo e alla piattaforma con la quale si interfacciano. Tra i visori VR venduti online troviamo gli economici modelli per smartphone che utilizzano lo schermo del dispositivo, coprendolo con lenti protettive per gli occhi.

Grazie ai sensori di movimento sarà possibile usare le particolari app per la realtà virtuale come filmati interattivi, visite guidate nei musei e qualche semplice gioco composto da un solo schema. Questi visori vengono venduti a dei prezzi molto allettanti e sono ideali per i curiosi che vogliono provare la realtà virtuale senza spendere troppo, inoltre sono molto semplici da usare.

Per provare la vera esperienza VR però occorre procurarsi un buon PC, in quanto attualmente i migliori visori sono disponibili solo su questa piattaforma. Parliamo di Oculus Rift e HTC Vive, dispositivi all’avanguardia che permettono di portare nel mondo virtuale anche altre parti del proprio corpo come le braccia e le gambe.

Per poterli usare occorre una scheda grafica in grado di supportare la realtà virtuale e che possa far girare giochi in Full HD con almeno 60 fotogrammi al secondo. Come potete immaginare, si tratta di una spesa non da poco, considerando che i visori di Oculus e HTC si aggirano intorno ai 500 euro di prezzo, contro i 30-50 euro dei visori per smartphone.

Una buona via di mezzo tra comodità e spesa è acquistare una Playstation 4 con visore VR Sony. La Playstation 4 è al momento l’unica console con supporto per la realtà virtuale e a differenza di un PC potente costa molto di meno e occupa molto meno spazio. Il visore VR di Sony è di ottima qualità, sebbene non dispone di comandi avanzati come l’HTC Vive e l’Oculus. La ditta giapponese ha investito su questa nuova tecnologia producendo diversi giochi divertenti esclusivamente per VR.

 

 

Lo stato attuale della realtà virtuale

In generale la realtà virtuale non è ancora del tutto decollata, ma ci sono progetti futuri per la creazione di visori VR senza fili in grado di tracciare i movimenti del corpo senza l’utilizzo di particolari sensori o telecamere. Il visore inoltre probabilmente cambierà look, passando dalla sua iconica forma a casco ad un dispositivo di misure molto più compatte tramite il quale si potrà accedere anche alla realtà aumentata.

Lo scopo degli sviluppatori di VR è quello di renderla accessibile a tutti, riducendo i costi di produzione e di conseguenza quelli di vendita. Per farlo, la realtà virtuale dovrà subire un processo di ‘ottimizzazione’ anche a livello di programmazione delle applicazioni e dei giochi, in modo da potervi accedere anche con PC non necessariamente potenti.

 

Come si usa il visore VR

Per usare un visore VR dovrete semplicemente collegarlo al PC o alla console tramite l’apposito cavo. Una volta collegato dovrete avviare un gioco o un’applicazione (un filmato o altro) che supporti la realtà virtuale. In seguito dovete indossare il visore, cercando di regolarlo in modo da stare il più comodi possibile.

 

 

Se possedete un visore con controller per il movimento delle mani, allora assicurate di avere una buona presa in modo che non vi sfuggano nei momenti di gioco più concitati. Per giocare avrete bisogno di un po’ di spazio, quindi non state troppo vicino a mobili o mensole. I visori per smartphone sono ancora più semplici da usare, in quanto vi basterà scaricare le app VR e collegare il cellulare nell’apposito spazio sul visore per poter subito iniziare a vedere filmati o giocare in VR.

Vi ricordiamo che è bene non esagerare con le ore di gioco, facendo una pausa di media lunghezza ogni mezz’ora in modo da evitare giramenti di testa, nausea e problemi alla vista.

 

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI