Le 8 migliori videocamere Sony del 2021

Ultimo aggiornamento: 01.12.21

 

Videocamere Sony – Guida agli acquisti, Opinioni e Comparazioni

 

La celebre ditta giapponese vanta l’indiscusso primato di essere una delle migliori produttrici al mondo per quanto concerne le apparecchiature di ripresa video. Il mercato offre numerosi modelli di videocamere Sony disponibili in ogni fascia di prezzo, e tutti di ottima qualità, di conseguenza la nostra guida all’acquisto vi aiuterà a scegliere quella più adatta alle vostre esigenze. Abbiamo anche inserito la recensione degli otto modelli che hanno riscosso il maggior successo di mercato, sia presso la fascia di utenza amatoriale sia tra i professionisti; i modelli più apprezzati dagli acquirenti amatoriali, però, sono la FDR-AX53, una videocamera camcorder compatta con risoluzione 4K Ultra HD e ottica Zeiss, e la HDR-CX625, limitata al formato Full HD ma caratterizzata da un prezzo più accessibile.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori videocamere Sony – Classifica 2021

 

A dispetto del prezzo abbastanza consistente, al primo posto si colloca una videocamera amatoriale ad alte prestazioni; come avrete modo di vedere, però, nella classifica sono presenti sia modelli più economici sia videocamere professionali dal costo molto elevato.

 

 

1. Sony FDR-AX53 videocamera 4K Ultra HD con obiettivo Zeiss

 

Nonostante il prezzo consistente, la FDR-AX53 è considerata a buon titolo una delle migliori videocamere Sony del 2021 tra tutte quelle di categoria amatoriale; infatti è uno dei modelli più richiesti tra quelli venduti online e per numero di esemplari venduti supera perfino la FDR-AX700, che è al top della sua categoria.

Il pregio principale di questa Handycam consiste innanzitutto nell’ottica Zeiss Vario-Sonnar, che oltre alle eccellenti caratteristiche di qualità e nitidezza possiede anche uno zoom ottico 20x, un fattore che supera ampiamente il 12x posseduto dal modello top di gamma. 

Gli ulteriori pregi sono la presenza del mirino oculare in posizione posteriore, di un sistema di stabilizzazione ottico e non digitale dotato di modalità attiva intelligente per il bilanciamento, e la possibilità di eseguire riprese video con una risoluzione 4K Ultra HD. L’unica limitazione è quella comune a tutte le camcorder digitali: la sofferenza in condizioni di scarsa illuminazione.

 

Pro

Ottica Zeiss: L’obiettivo Vario Sonnar con zoom ottico 20x offre una eccellente resa qualitativa, sia in termini di nitidezza sia per quanto riguarda la gamma cromatica e gli ingrandimenti.

Qualità 4K: Il sensore Exmor R da 16,6 megapixel effettivi accoppiato al processore Bionz X è in grado di registrare video con una risoluzione Ultra HD di alta qualità con un rateo di 25 fotogrammi al secondo.

BOSS: L’autofocus ibrido veloce, capace di inseguire il soggetto, e il sistema di stabilizzazione a 5 assi BOSS, permettono di ottenere immagini estremamente nitide e senza vibrazioni.

 

Contro

Illuminatore: In condizioni di scarsa luce la resa qualitativa delle immagini tende a calare, come succede a tutte le videocamere; quindi meglio acquistare un illuminatore video LED.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Sony HDR-CX625 videocamera HD con obiettivo Sony G

 

In comparazione alla AX53 esaminata in precedenza, la Sony CX625 è caratterizzata da un prezzo più accessibile; ma il livello di alta definizione è inferiore visto che questo modello offre una risoluzione massima che limitata al formato Full HD.

Nonostante sia una videocamera “modesta”, però, la CX625 è equipaggiata con un obiettivo grandangolare Sony della serie Gold, che copre una gamma di lunghezze focali equivalenti ai 26,8-804mm del formato 35mm; lo zoom ottico raggiunge il ragguardevole fattore di ingrandimento di 30x, e può arrivare fino a 350x in digitale, inoltre dispone anche di uno stabilizzatore ottico delle immagini analogo a quello della AX-53.

Le ottime caratteristiche l’hanno resa uno dei modelli più venduti nella categoria delle videocamere amatoriali Sony con definizione HD; nella quale, del resto, è il modello top di gamma. L’unica pecca, peraltro standard, è il calo di resa quando si effettuano riprese in condizioni di scarsa luce.

 

Pro

Prezzo: La CX625 si distingue soprattutto per l’eccellente rapporto qualità-prezzo; infatti offre molte delle caratteristiche tipiche delle videocamere di fascia superiore, ma a un costo più vantaggioso.

Obiettivo G: L’ottica grandangolare montata su questa videocamera appartiene alla serie Sony G, quindi possiede caratteristiche e resa ad alte prestazioni. Lo zoom ottico 30x, inoltre, permette di eseguire riprese su lunghe distanze.

BOSS: Lo stabilizzatore bilanciato a cinque assi garantisce riprese video fluide e scorrevoli anche in movimento, e l’autofocus veloce contribuisce a mantenere una elevata nitidezza.

 

Contro

Alta definizione: La risoluzione è limitata al formato Full HD, inoltre la qualità delle immagini tende a calare in condizioni di scarsa illuminazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Sony FDR-X3000 Action Camera 4K con obiettivo Zeiss

 

Se invece vi state chiedendo dove acquistare una action camera di qualità superiore, allora dovete assolutamente dare un’occhiata alla X3000; secondo i pareri degli acquirenti, infatti, si tratta della migliore videocamera Sony per quanto riguarda la categoria specifica delle action camera a ultra definizione.

La X3000, infatti, è in grado di registrare video in formato 4K Ultra HD e come se non bastasse è l’unica action cam al mondo ad essere equipaggiata con un obiettivo ultragrandangolare Zeiss Tessar ad alte prestazioni, famoso soprattutto per la sua proverbiale nitidezza. Anche il sensore CMOS Exmor R ha caratteristiche che rivaleggiano con quelle delle videocamere Handycam di fascia intermedia, a cominciare dalla risoluzione di 8,2 megapixel.

Nella confezione sono inclusi: il telecomando, che svolge anche le funzioni di mirino Live View, la batteria ricaricabile con relativo cavo USB, la custodia subacquea, una fibbia, una fascia da polso e altri adattatori di montaggio.

 

Pro

Obiettivo: La FX3000 è l’unica action cam in commercio a disporre di un obiettivo Zeiss ad alte prestazioni; e nella fattispecie la lente grandangolare Tessar, apprezzata per l’estrema nitidezza e la resa cromatica.

Telecomando: A differenza delle action cam prodotte dalle altre ditte, è priva di display ma è dotata di un telecomando che svolge anche la funzione di mirino Live View, il che permette di orientarla liberamente mantenendo la visuale sull’inquadratura.

Audio: Una delle caratteristiche più apprezzate delle videocamere Sony in generale, e che possiede anche la FX3000, è la resa audio di alta qualità.

 

Contro

Display: Gli acquirenti abituati alle action cam classiche, sono rimasti disorientati dal mirino Live View; quindi bisogna fare l’abitudine a questa metodologia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Sony HDR-CX240E videocamera HD con obiettivo Zeiss

 

La CX240E appartiene alla fascia delle videocamere Sony HD disponibili a prezzi bassi; non a caso, infatti, si tratta del modello più economico esaminato nella nostra classifica. Questo apparecchio è consigliato soprattutto a coloro che hanno un budget di spesa limitato ma ci tengono comunque ad acquistare una videocamera che si distingua dalle altre per quanto riguarda la qualità delle immagini. 

Nonostante sia un modello entry level, infatti, la CX240E è equipaggiata con un eccellente obiettivo Zeiss Vario Tessar con zoom ottico 27x e un sensore CMOS Exmor R da 9,2 megapixel; possiede anche il sistema di stabilizzazione ottico SteadyShot e offre una resa audio eccellente.

L’unica limitazione è rappresentata dall’impossibilità di usarla in ambienti chiusi oppure in condizioni di scarsa luce; questa pecca, però, è comune a tutte le videocamere di fascia amatoriale, indipendentemente dal prezzo e dalle caratteristiche, e può essere risolta usando gli illuminatori LED per riprese video.

 

Pro

Prezzo: La CX240 ha il pregio di essere una delle videocamere Sony più economiche sul mercato, quindi è consigliata soprattutto a chi deve fare i conti con un budget di spesa limitato.

Obiettivo: Nonostante si tratti di una videocamera di fascia economica, è dotata di un eccellente obiettivo Zeiss Vario Tessar con zoom ottico 27x, quindi offre una qualità video di alto livello.

Dimensioni: Si tratta di una mini videocamera, quindi è estremamente compatta, leggera e facile da trasportare anche in una borsetta; ideale quindi per portarla in viaggio, che sia per vacanza o lavoro.

 

Contro

Sensibilità: Purtroppo non è adatta per fare riprese in interni o in condizioni di scarsa illuminazione, a meno che non venga adoperato un illuminatore LED per videocamere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Sony HDR-PJ410 videocamera HD con proiettore integrato

 

La HDR-PJ410 è un nuovo modello di videocamera HD messo a punto dalla ditta giapponese Sony; la sua caratteristica principale, infatti, è quella di integrare anche un proiettore con una lampada da 13 lumen.

Oltre a eseguire le riprese, quindi, la PJ410 permette di proiettarle subito contro una parete o uno schermo, in modo da poter mostrare subito i risultati ad amici e familiari, senza essere costretti a scaricarli prima sul computer. La videocamera rientra nella categoria dei modelli HD economici, ma è comunque dotata di un ottimo obiettivo Zeiss Vario Tessar con zoom ottico 30x, SteadyShot ottico con modalità attiva intelligente e sensore CMOS Exmor R da 9,2 megapixel.

L’unica pecca, a parte la non impeccabile resa in condizioni di scarsa luce, consiste nel livello generale delle prestazioni e della qualità delle immagini, che sono comunque limitate visto che si tratta pur sempre di una videocamera amatoriale di fascia economica.

 

Pro

Proiettore: La caratteristica peculiare della PJ410 è quella di possedere un proiettore integrato con lampada da 13 lumen, grazie al quale è possibile riprodurre i video su uno schermo o su una parete bianca subito dopo averli registrati.

Obiettivo: Le videocamere Sony sono famose per i loro obiettivi ad alte prestazioni, e questo modello non fa eccezione: infatti è dotato di una lente grandangolare Zeiss Vario Tessar con zoom ottico 30x.

Controllo multicamera: La PJ410 è una delle poche videocamere Sony di fascia economica a possedere la funzionalità di controllo multiplo, che permette di gestire più videocamere in contemporanea in modalità wireless.

 

Contro

Sensibilità: Purtroppo si tratta di una limitazione standard comune a tutte le videocamere palmari, non solo Sony, e cioè il calo di qualità delle immagini in condizioni di scarsa luce.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Sony FDR-AX700 videocamera 4K con obiettivo Zeiss

 

In precedenza avevamo già citato la AX700, la videocamera Sony top di gamma nella categoria delle amatoriali Ultra HD; si tratta di un modello dalle caratteristiche a dir poco eccezionali infatti, ma si colloca soltanto al sesto posto nella nostra classifica perché il prezzo la rende accessibile solo ai professionisti e agli appassionati più esigenti che non si pongono limiti di spesa.

La AX700, infatti, offre una qualità di ripresa video di livello professionale grazie alle linee di gamma S-log2 e S-log3, che oltre a garantire una resa cromatica e luminosa maggiore permettono anche di incrementare la flessibilità dei parametri di post-produzione. 

È dotata di un obiettivo grandangolare Zeiss Vario Sonnar, con una lunghezza focale minima equivalente a un 29mm nel formato Full Frame, stabilizzazione ottica a 5 assi con modalità attiva intelligente, del premiato sistema di messa a fuoco Fast Hybrid e di un sensore da 14,2 megapixel effettivi.

 

Pro

Professionale: Pur essendo una Handycam, la AX700 offre prestazioni professionali a tutti gli effetti, a cominciare dalla risoluzione video fino alle funzionalità possedute, che includono persino la messa a fuoco manuale.

Autofocus: La messa a fuoco automatica, invece, ha una copertura di quasi l’84% dell’inquadratura, inoltre permette di regolare la sensibilità di reazione sul soggetto in base alla sua velocità di movimento.

Ultra HD: Grazie al processore Bionz X migliorato, all’obiettivo Zeiss Vario-Sonnar e alla tecnologia HDR, è in grado di eseguire riprese video di altissima qualità in formato 4K; con una resa professionale grazie alla gamma cromatica S-Log2 e S-Log3.

 

Contro

Prezzo: Il costo elevato la rende accessibile soltanto ai professionisti e agli appassionati videoamatori più esigenti che sono pronti a spendere pur di avere il massimo della resa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Sony HXR-NX80 videocamera professionale 4K con obiettivo Zeiss

 

La videocamera Sony NX80 è una camcorder compatta professionale Ultra HD, si tratta quindi di un modello di nicchia destinato prevalentemente a operatori video professionisti, ma siccome è un modello base è consigliato anche ai principianti grazie alla sua estrema facilità d’uso.

È equipaggiata con un obiettivo Zeiss Vario Sonnar con un range di lunghezze focali da 9,3 a 111,6 millimetri, equivalenti a 32,8-393,6 millimetri nel formato 35mm; la distanza minima di messa a fuoco è di appena 10 centimetri e il sensore CMOS Exmor R da 14,2 megapixel effettivi è ottimizzato per le riprese in interni. 

Le sue caratteristiche, quindi, la rendono adatta soprattutto per i video cerimoniali, nei matrimoni e altri eventi, e per i servizi video giornalistici, visto che supporta il broadcasting a 100Mbps su linea 3G. L’autofocus veloce unito alle dimensioni compatte, inoltre, assicura immagini stabili e nitide anche in corsa, qualità fondamentale per le riprese sportive.

 

Pro

Compatta: Le dimensioni compatte e il peso contenuto la rendono ideale per i servizi di ripresa dinamica, come gli eventi sportivi, e quelli in interni, come i servizi cerimoniali e gli eventi.

Professionale: Ovviamente è una videocamera di categoria professionale, adatta soprattutto per gli operatori video specializzati nei servizi cerimoniali: matrimoni, battesimi e altri eventi.

Versatile: A parte la sua vocazione primaria, la NX80 possiede una discreta versatilità d’uso ed è adatta anche per gli eventi sportivi e per il videogiornalismo, grazie alla funzione di broadcasting a 100Mbps.

 

Contro

Prezzo: Si tratta di una videocamera Sony professionale, quindi caratterizzata da un costo decisamente elevato e poco accessibile per un semplice videoamatore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Sony PXW-FS7 camcorder professionale da spalla 4K

 

All’ultimo posto in classifica, ma soltanto per una questione di prezzo, troviamo uno dei modelli di categoria ammiraglia delle videocamere professionali Sony: la PXW-FS7 per cineasti e documentaristi.

Si tratta di una camcorder da spalla con innesto per obiettivi intercambiabili, completa già di obiettivo SELP 28-135mm della serie professionale Gold; inoltre è dotata di un sensore Exmor Super 35 4K da 8,8 megapixel effettivi, in grado di eseguire riprese video nella risoluzione 4K cinematografica nativa con un rateo elevatissimo, fino a 600 fotogrammi per secondo alla massima risoluzione.

Le prestazioni della FS7 sono di altissimo livello anche per gli standard della categoria professionale, e infatti questa videocamera è stata certificata con il logo Post Technology Alliance di Netflix, un programma volto a stabilire gli standard per i produttori di videocamere in grado di gestire elevati flussi di dati e metadati delle immagini, a partire dalla fase realizzativa fino alla post-produzione.

 

Pro

4K nativo: La FS7 è dotata di un sensore Super 35 che permette di eseguire riprese video nel formato 4K cinematografico nativo, quindi è una videocamera ideale per i cineasti e i documentaristi.

Obiettivi intercambiabili: Possiede un innesto compatibile sia con gli obiettivi Sony A sia con i Sony E, ma di base è già dotata dell’obiettivo professionale SELP 28-135mm, appartenente alla serie G.

Certificata Netflix: Questa videocamera è stata inserita anche nel programma Post Technology Alliance di Netflix, e quindi riporta il relativo logo che ne certifica le altissime prestazioni professionali.

 

Contro

Prezzo: Anche in questo caso ci troviamo davanti a un prodotto di nicchia, destinato a una ristretta fascia di utenza composta da professionisti che lavorano ad altissimi livelli.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una buona videocamera Sony

 

Se volete sapere quale videocamera Sony comprare dovete innanzitutto essere consapevoli del tipo di prestazioni che volete ottenere; la risoluzione 4K e la resa cromatica di alta qualità, infatti, incidono notevolmente sul prezzo.

Qualità delle immagini “vintage”

Per capire come scegliere una buona videocamera Sony, soprattutto in ambito amatoriale, è importante innanzitutto conoscere le esigenze d’uso personali. La spesa d’acquisto per un modello di fascia amatoriale, infatti, può variare dai 190 ai 900 euro circa o anche di più, a seconda del caso. Gli esemplari più costosi sono quelli che offrono le prestazioni migliori, ovviamente, per questo bisogna chiedersi se vale davvero la pena spendere 900 euro per una videocamera Sony 4K salvo poi usarla soltanto una o due volte all’anno, in occasione delle vacanze.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è la limitazione standard che affligge le videocamere in generale, indipendentemente dal modello e dalla ditta produttrice, e cioè la scarsa resa qualitativa delle immagini registrate in condizioni di scarsa luce.

Le videocamere amatoriali entry level prodotte da Sony sono decisamente più accessibili dal punto di vista economico, visto che il loro costo non supera i 450 euro circa, e sono ideali per chi esigenze d’uso di tipo familiare, quindi limitate alle vacanze e alle ricorrenze speciali.

 

Le videocamere Sony 4K

Per i videoamatori mediamente esigenti invece, che adoperano la videocamera di frequente e non soltanto in occasione di viaggi e compleanni, è consigliabile orientarsi verso i modelli HD top di gamma, il cui costo oscilla dai 400 ai 500 euro circa, oppure verso le videocamere 4K, dove i possono oscillare dai 700-1.000 euro circa, per i modelli più economici, fino a un tetto massimo 2.000 euro.

Le videocamere palmari Sony, infatti, non sono suddivise in base al prezzo ma secondo i formati, di conseguenza le categorie sono soltanto due: le videocamere HD e quelle Ultra HD. Alla prima categoria appartengono tutti quei modelli che non oltrepassano il formato video Full HD, mentre nella seconda appartengono le videocamere capaci di eseguire riprese video nel formato 4K televisivo. A questa regola fanno eccezione soltanto la FX-3000 e la AS50, gli unici due modelli di action camera 4K prodotti da Sony, e destinati agli appassionati che praticano sport estremi.

Se le caratteristiche tipiche delle videocamere Sony 4K consistono innanzitutto negli obiettivi ad alte prestazioni Zeiss Vario Sonnar e nell’uso di sensori e processori migliorati, i modelli appartenenti alla categoria delle videocamere HD possono vantare comunque obiettivi della serie G, oppure gli Zeiss Vario Tessar, che offrono una resa qualitativa superiore alla media standard.

Le camcorder professionali Sony

Le videocamere professionali Sony, invece, rappresentano una realtà del tutto diversa e caratterizzata da costi di gran lunga più elevati. In questo caso, però, parliamo di una delle eccellenze mondiali, perché Sony è l’azienda leader nel settore di produzione delle videocamere per uso cinematografico, e infatti le sue attrezzature di ripresa video sono adoperate nelle grandi produzioni hollywoodiane.

Le camcorder professionali Sony hanno un costo che può variare dai 2.500 fino ai 20.000 euro a seconda del modello e delle caratteristiche, ma sono in grado di soddisfare tutte le categorie professionali: l’operatore video specializzato in matrimoni ed eventi, i videoreporter specializzati in servizi giornalistici o sportivi, i cineasti e i documentaristi.

 

 

 

Come risolvere il problema delle riprese in interni e in condizioni di scarsa luce

 

Una limitazione standard per tutte le videocamere

Prima di passare ai consigli sulle soluzioni possibili, è bene fare una premessa per spiegare nel dettaglio quella che è una problematica tipica di tutte le videocamere, incluse quelle di categoria professionale.

Ci riferiamo ovviamente al calo di qualità nelle immagini quando si cerca di effettuare riprese in interni, oppure in condizioni di scarsa illuminazione; questo limite, come accennato anche prima, è tipico delle videocamere ed è dovuto in larga parte alle dimensioni ridotte del sensore di acquisizione delle immagini. Le uniche videocamere che non soffrono di questa limitazione, infatti, sono le camcorder professionali dotate di sensori Super 35 o Full Frame, il cui costo minimo parte dai 10.000 euro in su.

In cosa consiste il problema

Le dimensioni del sensore, che in alcuni casi supera di poco i 3 millimetri, lo penalizzano notevolmente quando l’intensità della luce ambiente cala; anche i modelli retroilluminati, purtroppo, soffrono di questa limitazione, ragion per cui le riprese effettuate in interni, oppure durante l’alba e il tramonto, mostrano una perdita di nitidezza e una generazione diffusa di rumore digitale che è proporzionale alla scarsità di luce.

Chi si appresta a comprare una videocamera, quindi, deve essere consapevole di questo aspetto e non deve sentirsi frustrato se il video girato in casa durante il compleanno del bambino non mostra una qualità all’altezza delle aspettative; soprattutto perché esiste la possibilità di risolvere il problema con una spesa tutto sommato minima.

 

Gli illuminatori video LED

A quasi tutti sarà capitato almeno una volta di presenziare a un matrimonio, e quindi di aver visto l’operatore video con la telecamera e il faretto; ecco, la soluzione più semplice ed efficace per risolvere il problema della qualità delle riprese in condizioni scarsa luce è proprio quella di adoperare il classico “faretto”.

Si tratta di un accessorio che svolge lo stesso ruolo del flash elettronico per le fotocamere, con la differenza che invece di un singolo lampo proietta un fascio di luce costante dall’intensità variabile.

Al giorno d’oggi, grazie alla tecnologia LED, è stato possibile ridurre ulteriormente i costi, le dimensioni e il peso di questo accessorio; i moderni illuminatori video LED sono compatti e leggeri, inoltre permettono di regolare non solo l’intensità della luce ma anche la sua temperatura in gradi Kelvin, rendendo il fascio freddo o caldo a seconda delle esigenze. Il loro costo può variare dai 30 ai 150 euro circa a seconda del modello; alcuni inoltre, a parte fornire luce bianca, possono emettere anche luce colorata.

L’utilizzo di uno o due illuminatori video, anche in esterni e in pieno giorno se le circostanze lo richiedono, aiuta a migliorare notevolmente la qualità delle immagini, inoltre è indispensabile per eseguire riprese video in interni.

 

 

 

Domande frequenti

 

Che differenza c’è tra una videocamera e una camcorder?

La distinzione reale tra videocamera e camcorder al giorno d’oggi non esiste più ormai; i due termini, infatti, erano adoperati per indicare due diversi tipi di attrezzature video analogiche: la videocamera per uso amatoriale, che riuniva in un solo corpo la parte ottica e quella con i componenti elettronici di registrazione, e la variante per uso professionale che invece era costruita in dock, la componente ottica cioè, era separata dal registratore e entrambe potevano essere rimosse in modo da essere sostituite o migliorate ulteriormente.

Questa differenziazione era dovuta soprattutto all’ingombro dei supporti analogici, e cioè le videocassette; di conseguenza se le videocamere erano più compatte e relativamente leggere, i camcorder erano ingombranti e pesanti, in quanto dovevano garantire un’elevata autonomia di ripresa.

Con l’introduzione del digitale le cose sono notevolmente cambiate e le videocamere sono diventate molto più piccole e prestanti, inclusi i modelli destinati a uso professionale, e tutto grazie alle schede di memoria. Di conseguenza la nomenclatura videocamera/camcorder ha perso la sua originale funzione e continua a essere soltanto per abitudine, per distinguere le videocamere amatoriali, che vengono chiamate anche handycam, da quelle professionali.

Com’è fatta una videocamera digitale?

Le moderne videocamere digitali sono costituite da tre elementi: l’ottica, il sensore di acquisizione delle immagini e il motore di elaborazione delle immagini. L’ottica è costituita dall’obiettivo, che è costruito in modo da far fronte alle condizioni più disparate; in genere si tratta di un lente grandangolare con uno zoom che permette di coprire una discreta gamma di lunghezze focali.

Il sensore è la parte critica dell’intera costruzione; date le dimensioni compatte delle moderne videocamere digitali, infatti, i sensori utilizzati non sono in grado di fornire la risoluzione in alta definizione nativa, ma devono servirsi di algoritmi di interpolazione.

Questo ci porta al motore di elaborazione delle immagini, quindi, che adopera questi algoritmi per riportare le immagini captate dal sensore al rispettivo formato video di alta definizione posseduto dalla videocamera. Ecco perché la qualità delle immagini tende a variare a seconda del modello e della fascia di prezzo.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI