Nikon D3200 – Recensione

Ultimo aggiornamento: 18.06.21

 

Principale vantaggio

La Nikon D3200 è meno prestante rispetto alle versioni successive, ma ha il pregio di costare poco, quindi è consigliata soprattutto ai risparmiatori. Un ulteriore vantaggio, inoltre, è dato dall’obiettivo in dotazione che offre una gamma di lunghezze focali maggiore, da 18 a 105 millimetri.

 

Principale svantaggio

Rispetto ai modelli più recenti la D3200 è meno prestante, infatti manca la funzione HDR e monta il processore Expeed 3 invece del 4, quindi è consigliata solo a chi non ha particolari esigenze.

 

Verdetto: 9.6/10

La Nikon D3200 è pensata per i fotoamatori principianti privi di esperienze e conoscenze tecniche, soprattutto grazie al suo prezzo contenuto e facilmente accessibile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI  

 

Fotocamera entry level low budget

La Nikon D3200 si potrebbe considerare a tutti gli effetti una fotocamera dal valore “storico”, non tanto perché la sua apparizione risale agli inizi del 2012, quanto per il fatto che è stata la prima reflex digitale della fascia entry level a utilizzare un sensore da 24,2 megapixel e anche la prima a essere predisposta alla connessione wireless tramite l’adattatore WU-1a, creato appositamente da Nikon per questo modello di fotocamera.

A conti fatti la D3200 non è una reflex molto appetibile, specialmente per quanto riguarda i fotoamatori più esigenti; rispetto ai modelli più recenti, infatti, la differenza di prestazioni si fa decisamente sentire. Eppure per una buona fascia di utenza rappresenta ancora un’alternativa molto valida, e soprattutto economica; e questo proprio grazie al suo sensore CMOS DX da 24,2 megapixel, in tutto e per tutto analogo a quello montato sulle Nikon D3300 e D5300.

Di conseguenza questa reflex entry level gode ancora di un certo successo, soprattutto presso i principianti assoluti, inoltre è ideale come idea regalo per i ragazzi e le ragazze in età scolare che sono appassionati di fotografia, per dare loro l’opportunità di fare le prime esperienze con una macchina fotografica “importante” senza essere condizionati dal costo eccessivo dell’attrezzatura.

I pregi e i difetti del processore Expeed 3

Il limite di età della D3200, tutto considerato, si fa sentire esclusivamente per quanto il processore d’immagine, che è un Expeed 3. I modelli successivi di fascia entry level infatti, ovviamente parlando di fotocamere Nikon, montano ormai quasi tutti la versione successiva Expeed 4, che offre una maggiore potenza di elaborazione nell’acquisizione e nella messa a fuoco dei video Full HD a 50 e 60 fotogrammi per secondo. 

L’Expeed 3, invece, è caratterizzato soprattutto dalla potenza di calcolo incrementata grazie alla memoria di tipo DDR3, che ha una resa migliore sull’elaborazione delle foto, e infatti questo processore è montato anche sulla entry level avanzata D5200, e sulla D600 che invece è una fotocamera appartenente alla fascia semiprofessionale.

In ogni caso le sue funzionalità includono sia l’elaborazione delle foto sia dei video in formato Full HD, seppure quest’ultimi non risultino qualitativamente alla pari con quelli ottenuti dalle fotocamere Nikon equipaggiate con il processore Expeed 4.

 

Predisposta per la connessione wireless

Il sensore di acquisizione immagini invece, come abbiamo accennato in precedenza, è lo stesso CMOS DX da 24,2 megapixel equipaggiato dalle versioni più recenti, e quindi sotto questo aspetto è ancora molto competitiva dal punto di vista tecnologico.

Sia la D3200 sia il modello precedente D3100, hanno rappresentato per la Nikon il banco di prova di molte delle tecnologie e delle funzionalità integrate nelle fotocamere entry level più recenti, sia nei modelli base sia in quelli avanzati, e quindi alla D3200 non manca assolutamente nulla per quanto riguarda le diverse modalità e la gamma di parametri di scatto, il sistema di messa a fuoco, che è quello AF a 11 punti a croce, il flash integrato e relative funzionalità, inclusa la sincronia fino a 1/200 di secondo e la possibilità di lavorare in manuale o in automatico a seconda delle esigenze.

Perfino per quanto riguarda la connettività wireless la D3200 è stata pioniera, infatti è stato proprio su questo modello di fotocamera che la Nikon ha introdotto per la prima volta l’adattatore WU-1a, che permette il trasferimento di foto e video dalla scheda di memoria della reflex al computer senza bisogno di collegarla fisicamente tramite il cavo USB.

 

Kit completo di corpo macchina e obiettivo 18-105mm

Un ulteriore elemento che depone a favore della D3200, inoltre, è rappresentato dalla dotazione di accessori del suo kit. Le reflex entry level prodotte da Nikon sono accompagnate da una dotazione standard che include il corpo macchina e il tappo di protezione per l’attacco dell’obiettivo, quando questo è smontato, l’oculare di gomma del mirino, la cinghia a tracolla, la batteria, il caricabatteria e i cavi di connessione e alimentazione, insomma il corredo standard necessario al funzionamento della fotocamera. 

I diversi kit disponibili, poi, possono variare a seconda di alcuni accessori specifici e soprattutto per il tipo di obiettivo associato al corpo macchina, che nella maggior parte dei casi è l’ottica standard da 18-55mm.

Nonostante la D3200 sia un modello datato però, o forse proprio per questo motivo, la Nikon ha pensato bene di includere un’ottica più potente, con una gamma di lunghezze focali quasi doppia rispetto al 18-55mm, e cioè l’obiettivo Nikkor AF-S DX 18-105mm VR, che di solito è offerto come alternativa nei kit delle fotocamere entry level avanzate e delle reflex appartenenti alla fascia semiprofessionale.

L’obiettivo, per giunta, è la versione recente e quindi dotata di sistema di riduzione delle vibrazioni VR, che svolge un compito analogo ai sistemi di stabilizzazione d’immagine standard utilizzati dalle altre ditte produttrici del settore.

Quello che pesa in modo sfavorevole sulla Nikon D3200 purtroppo, soprattutto considerando il processore Expeed 3 e le sue limitazioni rispetto al 4, rimane il limite standard delle fotocamere entry level, è cioè l’effetto micromosso, che risulta troppo accentuato per i fotoamatori più esigenti e penalizza in particolar modo la registrazione video. 

Considerato il prezzo altamente competitivo del kit però, come accennato anche nel primo paragrafo, la Nikon D3200 rappresenta in ogni caso un’ottima alternativa per coloro che non hanno particolari esigenze, tranne l’imperativo di sperimentare per la prima volta una reflex e fare pratica prima di affrontare una spesa di gran lunga più impegnativa.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI