Come utilizzare i walkie talkie

Ultimo aggiornamento: 22.04.24

 

I walkie talkie sono strumenti utili a rendere la comunicazione a distanza molto più semplice, per gioco o per lavoro.

Se vi avvicinate a questo prodotto per la prima volta, potreste avere dei dubbi riguardanti funzionamento o impieghi possibili: qui abbiamo voluto analizzare alcune particolarità, che vi aiutino a capire il modello giusto per voi.

 

Prima di tutto: come funziona?

Potrà sembrare strano ad alcuni che, nell’era digitale, si parli ancora di dispositivi come i walkie talkie.

In realtà questi oggetti riescono a mettere in comunicazione due o più persone senza l’obbligo di fare una chiamata, come i cellulari, e quindi senza dover digitare un numero. Vogliamo capirci di più?

Chiediamoci allora: il walkie talkie, come funziona? Il meccanismo che ne regola l’uso è identico a quello delle radio: basta sintonizzarsi sullo stesso canale per mettersi in comunicazione.

Per questa ragione è importante che la frequenza scelta sia libera: se infatti è occupata da altri utenti, nessuno riuscirà a capire cosa dice l’altro.

Un altro aspetto da considerare è il fatto che non si possa parlare contemporaneamente: il microfono e l’altoparlante, infatti, si alternano.

Potrete premere un pulsante per inviare l’audio e, quando rilasciato, aspettare la risposta dall’altra parte.

Solitamente il gergo usato è “passo”, quando si termina il messaggio e “passo e chiudo”, quando si vuole terminare la conversazione.

 

Come usare un walkie talkie al meglio

Presupponiamo che vogliate usare i vostri walkie talkie per lungo tempo, magari più di una giornata, senza doverli ricaricare.

Scegliete allora un modello dotato di batteria al litio e assicuratevi che sia totalmente piena quando vi accingete a usarli.

Per essere certi che la ricezione sia valida, meglio sperimentarli in luoghi aperti e privi di ostacoli, visto che edifici e pareti costituiscono un bell’impedimento.

Molta accortezza deve essere usata quando li si impugna: è preferibile tenerli a circa 10 centimetri dalla bocca, in modo da essere in grado di far arrivare la propria voce ben chiara.

A questo scopo è utile anche scandire bene le parole, con pause e accertandosi che il messaggio arrivi privo di interferenze.

Un walkie talkie fai da te

Se non volete acquistare un modello bello e fatto, ecco qui qualche suggerimento su come costruire un walkie talkie.

La maniera più semplice è quella di prendere due lattine o due bicchieri di carta. Forate la base con un chiodo, prendete uno spago e inseritelo nel buco.

Fatelo poi passare di sotto per posizionarlo all’interno della lattina o del bicchiere e poi fate un nodo in modo che non possa sfilarsi.

Collegate il secondo elemento al primo tramite lo spago, ripetendo l’operazione del creare il buco e così via. Tendete lo spago: le onde sonore potranno così viaggiare e voi potrete usare il bicchiere come microfono e come ricevitore.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI