Domande frequenti sulle telecamere per auto

Ultimo aggiornamento: 13.04.24

 

Q1: Come funziona la telecamera per auto?

Una telecamera per auto è un dispositivo indispensabile oggigiorno poiché sempre più automobilisti incoscienti guidano senza assicurazione o anche in modo spericolato.

Per premunirsi in caso di incidenti o atti di vandalismo, registrare sempre ciò che avviene intorno al proprio veicolo potrebbe essere la soluzione migliore.

È qui che entrano in azione le cosiddette dash-cam e retrocamere.

Le prime sono dispositivi in grado di registrare ciò che avviene nella parte frontale dell’automobile e possono essere installate sia all’esterno, sia nell’abitacolo.

Le retrocamere, invece, come suggerisce il nome, vanno posizionate nella parte posteriore, di solito nella zona nei pressi della targa e sono molto utili non solo per aiutarvi nelle manovre in retromarcia ma anche per avere delle prove video di tamponamenti o atti di vandalismo.

Questi dispositivi hanno un funzionamento molto semplice, sono infatti collegati tramite cavi alla batteria dell’automobile o più semplicemente all’accendisigari.

Sono spesso dotate di funzionalità aggiuntive che fanno partire la registrazione automaticamente, non appena l’auto viene urtata o il guidatore freni bruscamente.

 

Q2: Telecamera per auto, a cosa serve?

Se non siete ancora pienamente convinti dell’utilità delle telecamere per auto e non riuscite a capire a cosa servano, facciamo degli esempi pratici in cui ci si potrebbe ritrovare.

Immaginate per esempio che voi siate in auto e un pedone vi sfrecci davanti, attraversando la strada in modo poco sicuro e distante dalle strisce pedonali.

Qualora doveste ferirlo accidentalmente, e la colpa non fosse vostra, sarebbe molto difficile provarlo in tribunale.

Tuttavia, avendo una dash-cam installata che riprende ciò che accade nella parte frontale del veicolo, avreste le prove visive dell’incoscienza del pedone. Un video in grado di scagionarvi ed evitare guai ben peggiori.

I possibili utilizzi non finiscono qui e lo stesso concetto si può applicare per incidenti frontali causati da altri automobilisti o atti vandalici effettuati da malintenzionati durante le ore notturne quando l’auto è parcheggiata e incustodita.

La retrocamera, invece, oltre a fornire evidenze visive in caso di tamponamenti, può anche essere molto utile nella vita di tutti i giorni, per eseguire manovre in retromarcia delicate ed evitare di urtare altri veicoli.

Si tratta quindi di gadget dal costo irrisorio che vale decisamente la pena installare sulla propria automobile.

Q3: Quanto costa una telecamera per auto?

Il prezzo può variare da poche decine di euro, per i prodotti basilari che non hanno molte funzioni a eccezione della possibilità di riprendere video, fino a svariate centinaia di euro, con tecnologie avanzate che garantiscono la visione al buio grazie a led infrarossi, altoparlanti, sistemi di registrazione automatici non appena l’auto viene scossa o effettua una frenata brusca e così via.

La spesa in questo caso deve essere rapportata al vostro desiderio di sicurezza, maggiore sarà il budget e migliore sarà la resa delle telecamere che acquisterete.

Ricordate infine che anche la risoluzione a cui vengono registrati i video è importante. Cercate di preferire sempre qualità HD, sia 1.280 x 720 sia 1.920 x 1.080 pixel.

Qualsiasi risoluzione inferiore potrebbe essere eccessivamente sgranata per permettervi il riconoscimento di volti e targhe.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI