Domande frequenti sugli smartwatch

Ultimo aggiornamento: 27.02.24

 

Q1: Come si ricarica lo smartwatch?

La durata della batteria è uno dei problemi che affligge molti smartwatch.

Più il prodotto è compatto e semplice da portare con sé e più soffrirà dal punto di vista dell’autonomia poiché si rivela molto difficile implementarne di adeguate in dispositivi così piccoli.

Se a ciò aggiungiamo anche la gran quantità di applicazioni che gli orologi intelligenti sono in grado di eseguire, fattore che li accomuna a smartphone e tablet, allora il gioco è fatto.

Sarà difficile persino arrivare a fine giornata se lo si utilizza in modo intensivo, magari facendo sport e utilizzando al contempo applicazioni per ascoltare musica, GPS e così via. 

È dunque molto importante valutare sempre lo stato di carica dello smartwatch e ricaricarlo ogni qual volta si presenta l’opportunità.

Potrete fare ciò in diversi modi, a seconda del modello di orologio che avete acquistato.

Il più semplice è naturalmente il collegamento tramite cavo USB, che può essere collegato sia al computer desktop, notebook o anche un caricabatterie apposito, proprio come quello degli smartphone. 

In alternativa, alcuni modelli più nuovi dispongono di modulo per ricarica wireless. In tal caso non dovrete far altro che appoggiare l’orologio sulla stazione di ricarica e attendere che la batteria raggiunga il livello massimo.

 

Q2: Quanto costano gli smartwatch?

Il costo degli smartwatch è molto variabile e tutto dipende non solo dal brand, fattore in grado di aumentare sensibilmente il prezzo, ma anche dai materiali utilizzati per la costruzione del dispositivo e dalle funzioni che questo è in grado di eseguire. 

Se prendiamo per esempio un classico smartwatch per sportivi, dal design standard e poco attento alla qualità costruttiva, allora il costo non supererà le poche decine di euro.

Mentre se si opta per dispositivi dal design ricercato, magari con un display in vetro always on e cinturini dai materiali anallergici, allora il prezzo può salire facilmente a svariate centinaia di euro.

La scelta, in questo caso, deve essere presa in base alle vostre esigenze, tenendo conto soprattutto della destinazione d’uso.

 

Q3: Come si usano applicazioni di messaggistica?

Ebbene sì, per chi se lo stesse chiedendo è possibile sfruttare applicazioni tipicamente utilizzate su smartphone, come Whatsapp, Messenger e Instagram anche su uno smartwatch.

Il procedimento, però, è leggermente differente in base al modello di cui disponete. 

Generalmente tali dispositivi avvisano dell’arrivo di una notifica proveniente da un social network, successivamente dovrete dunque prendere il vostro smartphone e visualizzare il messaggio.

In alcuni casi, invece, potrete avere un’anteprima del messaggio, per decretarne così l’importanza e valutare la possibilità di rispondere in un secondo momento, utile se state facendo una corsetta o praticando qualche altro sport.

Infine, esistono anche smartwatch che consentono di rispondere dall’orologio stesso senza dover utilizzare lo smartphone.

Ciò può avvenire in due modi, usando una mini-tastiera virtuale che appare sul display oppure registrando un messaggio vocale se lo smartwatch è dotato di microfono.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI