I 10 Migliori Auricolari Bluetooth del 2022

Ultimo aggiornamento: 27.11.22

 

Auricolari Bluetooth – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto 

 

Un paio di auricolari Bluetooth vi aiuteranno a gestire meglio ogni chiamata e ad ascoltare musica in totale libertà. Nella scelta considerate la forma, l’impermeabilità e la resa sonora. In basso troverete le analisi dei prodotti che abbiamo preferito tra quelli del web.

Ci hanno convinto i Samsung Galaxy Buds Pro, leggeri ed ergonomici, sfruttano l’innovativa tecnologia di cancellazione attiva del rumore (ANC) per garantire un’esperienza di ascolto più naturale e realistica. Se, invece, preferite puntare su qualcosa di più economico, ma comunque di buona qualità, date un’occhiata ai JBL Tune 225TWS, in grado di offrire un’eccellente qualità audio grazie ai driver da 12 mm e all’innovativo sistema Pure Bass.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 10 Migliori Auricolari Bluetooth – Classifica 2022

 

Vogliamo aiutarvi a individuare il miglior auricolare Bluetooth tra quelli presenti sul web. Date uno sguardo ai nostri suggerimenti per capire come investire bene il vostro denaro.

 

Auricolare Bluetooth Samsung

 

1. Samsung Auricolari Wireless Galaxy Buds Pro

 

I Samsung Galaxy Buds Pro rientrano tra i migliori auricolari Bluetooth del 2022 per il design ergonomico e compatto che aderisce perfettamente alle orecchie, permettendo di ascoltare la musica ed effettuare chiamate anche per diverse ore consecutive senza avvertire fastidi.

Grazie al grado di protezione IPX7 si rivelano particolarmente resistenti al sudore e all’acqua per garantire un eccezionale comfort in-ear anche quando piove o si pratica sport, mentre l’innovativa tecnologia active noise control elimina i rumori provenienti dall’esterno per restituire un’esperienza di ascolto fedele e coinvolgente in qualsiasi ambiente.

Molto apprezzata anche la funzione Voice Detect che attiva automaticamente l’ambient sound e abbassa il volume della musica quando si parla al telefono, per poi ritornare alle impostazioni precedenti al termine della chiamata.

Inoltre, tramite l’app Galaxy Wearable è possibile personalizzare i parametri dell’equalizzatore in base al tipo di musica che si sta ascoltando e decidere cosa controllare tramite la pressione prolungata del controllo touch.

Per quanto riguarda l’autonomia, quella dichiarata per l’auricolare Bluetooth Samsung Galaxy Buds è di 18 ore con la cancellazione attiva e 28 senza, se il livello di carica della batteria è al 100%.

 

Pro

Codec supportati: Oltre agli standard AAC e SBC, i Galaxy Buds Pro supportano anche la tecnologia Samsung Scalable Codec che analizza l’ambiente nel quale si sta utilizzando il dispositivo per rilevare eventuali interferenze e regolare automaticamente l’audio.

Rumori: La funzione active noise control permette di ascoltare la musica con un audio fedele e coinvolgente, eliminando i rumori ambientali più fastidiosi.

Resistenti: Il livello di protezione IPX7 li rende impermeabili agli schizzi d’acqua e resistenti al sudore per assicurare ottime performance sia quando piove sia durante le attività sportive.

 

Contro

Chiamate: L’unico limite di questi auricolari è che la tecnologia ANC non è in grado di eliminare completamente i rumori ambientali indesiderati quando si effettuano le chiamata in luoghi molto rumorosi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth JBL

 

2. JBL Cuffie In-Ear Wireless Bluetooth Tune 225TWS

 

Le JBL Tune 225TWS sono le nuove cuffiette Bluetooth dell’azienda statunitense, successori delle altrettanto rinomate Wave 100.

Pur offrendo numerose funzionalità aggiuntive, mostrano un aspetto più tradizionale, con gommini progettati per aumentare l’isolamento acustico passivo, ma garantendo lo stesso livello di comfort e superando comunque i limiti del classico auricolare Bluetooth senza fili in-ear.

Sebbene appaiano meno stabili delle Wave 100, la tenuta è decisamente migliore (anche se si tratta di un aspetto puramente soggettivo) e la struttura abbastanza leggera, con un peso complessivo di appena 162 grammi.

In questa versione, l’azienda introduce la tecnologia Pure Bass per restituire un suono di alta qualità con bassi più potenti e profondi, aggiungendo anche il sistema Dual Connect per ascoltare la musica ed effettuare chiamate con un solo auricolare Bluetooth JBL o con entrambi.

L’estetica non rientra tra i punti forti di questo modello, ma è comunque pensata per favorire la cancellazione attiva del rumore, anche se – da questo punto di vista – siamo ben lontani dalle prestazioni offerte dagli auricolari top di gamma dotati di ANC (Active Noise Cancelling).

 

Pro

Suono: I JBL Tune 225TWS sono progettati per garantire un’esperienza di ascolto piacevole, con un suono perfettamente definito e bilanciato tra la gamma bassa e quella alta.

Autonomia: Con una ricarica completa è possibile utilizzare gli auricolari per circa 25 ore prima di doverle inserire all’interno della docking station.

Connettività: Il Bluetooth 5.0 assicura una connessione più stabile e veloce ai dispositivi sorgente compatibili, mentre il sistema Dual Connect permette di usare gli earbuds in modo indipendente.

 

Contro

Protezione: In comparazione con altri modelli nella stessa fascia di prezzo, non sono la soluzione ideale per chi pratica sport poiché sprovvisti di protezione IP per la resistenza all’acqua e al sudore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth Sony

 

3. Sony Auricolari True Wireless WF-1000XM3 con HD Noise Cancelling

 

Tra i modelli più venduti sul web si collocano anche gli auricolari in-ear Sony WF-1000XM3, con cui l’azienda giapponese è riuscita nel difficile compito di migliorare i già ottimi XM2, apportando numerosi upgrade su diversi aspetti.

Tra questi ricordiamo la cancellazione attiva del rumore che restituisce un audio fedele e ben bilanciato in ogni contesto, sebbene la qualità sonora si attesti su livelli elevati anche senza il noise cancelling abilitato.

Grazie al sensore di prossimità, l’ascolto della musica viene interrotto e ripreso automaticamente sia quando l’auricolare Bluetooth Sony viene tolto o indossato sia quando l’utente risponde al telefono, rendendo così l’esperienza d’uso più piacevole e immediata.

Anche sul fronte dell’autonomia il modello fa un grande salto in avanti passando dalle sei alle otto ore (che aumentano a dodici senza l’ANC attivato), e potendo fare affidamento su un case in grado di supportare fino a due ricariche, per un totale di 24 ore di riproduzione.

 

Pro

Materiali: Tenendo in mano gli auricolari Sony WF-1000XM3 si ha subito l’impressione di un prodotto di categoria superiore, con un design ben curato nei minimi particolari sia dal punto di vista estetico sia nella scelta dei materiali.

Isolamento: Un modello con un noise cancelling davvero ben progettato, che permette di usare gli earbuds anche in ambienti molto rumorosi senza alcun disturbo.

Chiamate: L’azienda giapponese ha fatto un ottimo lavoro anche sul fronte delle chiamate, riuscendo ad aggirare il difficile scoglio della lontananza dei microfoni rispetto alla bocca.

 

Contro

Controllo volume: Per regolare il volume bisogna intervenire sulla sorgente audio collegata o utilizzare l’apposita app Sony, perché sugli auricolari non è presente un tasto dedicato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mini auricolare Bluetooth

 

4. SoundPEATS Free2 Classic

 

Se non sapete quale auricolare Bluetooth comprare perché ne cercate uno che sia piccolo, di buona qualità e venduto a prezzi bassi, la proposta su cui puntare è sicuramente quella di SoundPEATS.

Il modello Free2 Classic rientra tra le offerte da cogliere al volo perché, nonostante il costo davvero conveniente, vanta una serie di caratteristiche tecniche interessanti, a cominciare dalla tecnologia Bluetooth 5.1 fino ad arrivare all’impermeabilità assicurata dallo standard IPX5. 

Grazie al gommino sagomato (disponibile in misure diverse) questi due mini auricolari wireless (che pesano solamente 4 grammi l’uno) si adattano alla forma naturale del padiglione auricolare per risultare comodi anche quando indossati per parecchie ore al giorno.

La custodia, anch’essa piccola e dal design hi-tech, funziona da ricarica (tramite cavo USB-C) e gli auricolari assicurano un’autonomia di 8 ore in riproduzione. 

I Free2 Classic possono essere utilizzati anche per le conversazioni telefoniche, gestendo risposta e regolazione del volume con un tocco.

La resa sonora è più che soddisfacente, anche se non convince appieno la riduzione dei rumori esterni o del vento, che tendono a disturbare l’ascolto soprattutto quando si parla al telefono ma d’altra parte bisogna tenere conto del prezzo di vendita, molto economico. 

 

Pro

Design: Sono molto piccole, eleganti e praticamente spariscono alla vista una volta inserite nell’orecchio. Bella la mini-custodia che funziona anche da ricarica.

Impermeabili: Vantano lo standard IPX5, dunque sono certificati per resistere agli schizzi d’acqua, alla pioggia e al sudore. 

Qualità/prezzo: Si propongono tra gli auricolari Bluetooth più economici presenti sul mercato ma la resa sonora e le caratteristiche tecniche sono di buon livello.

 

Contro

Cancellazione del rumore: Non c’è, com’è logico aspettarsi visto il prezzo; dunque, il vento o i rumori di fondo potrebbero disturbare l’ascolto e le conversazioni telefoniche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth iPhone

 

5. Apple AirPods con Custodia di Ricarica

 

Non vi diciamo niente di nuovo se affermiamo che quelli di Apple sono considerati i migliori auricolari Bluetooth, visto che sono anche i più venduti. Questo sicuramente perché utili a chi ama fare sport, come la corsa, per ascoltare musica e avere compagnia durante l’allenamento.

Il loro punto di forza è la custodia, nella quale si ricaricano in maniera veloce per poter essere usati per almeno 3 ore.

Se invece preferite la carica completa, l’autonomia raggiunge le 5 ore. Chi possiede un iPhone avrà ancora maggiori prestazioni, visto che si interfacciano bene con prodotti della stessa casa, ma funzionano egregiamente anche con altri dispositivi.

La qualità audio è considerata valida anche se c’è chi lamenta qualche difetto come l’assenza di una regolazione del volume. Il costo è il vero problema: non è il prodotto più economico in circolazione, anzi, richiede un budget ben fornito.

 

Pro

Per lo sport: Gli auricolari Bluetooth di Apple sono ideali per chi vuole avere le mani libere, in quanto wireless, e ascoltare la musica durante l’allenamento sportivo.

Custodia: Un metodo innovativo per caricarli è metterli nella custodia, che garantisce loro un’autonomia di ben 3 ore lasciandoli dentro per pochi minuti.

Audio: Risulta molto valido secondo gli utenti che le hanno provate in diverse occasioni e che ne hanno potuto verificare la qualità anche con altri dispositivi che non fossero Apple.

 

Contro

Volume: Non è presente una regolazione del volume direttamente sulle cuffie, elemento che sarebbe stato gradito a qualcuno.

Costo: Il prodotto ha un prezzo decisamente alto, quindi non può essere la prima scelta di chi sta cercando un modello per risparmiare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth Huawei

 

6. Huawei Auricolari True Wireless FreeBuds 4i

 

Se vi state chiedendo dove acquistare un paio di auricolari true wireless efficienti, dalla buona qualità costruttiva e pratici da utilizzare, ma senza spendere un occhio della testa, troverete tutte queste caratteristiche nei FreeBuds 4i di Huawei, un colosso cinese che si è guadagnato un’ottima reputazione per l’affidabilità e la convenienza dei suoi prodotti.

L’esclusiva tecnologia beamforming, combinata alla funzione di riduzione del rumore AI, restituisce un audio nitido e pulito anche in ambienti particolarmente affollati e rumorosi, garantendo un suono finemente bilanciato e bassi incisivi grazie ai driver dinamici da 10 mm.

Nonostante le dimensioni non siano tra le più compatte (2,8 x 2,4 x 3,7 cm) e ogni auricolare Bluetooth Huawei pesi 5,3 grammi, risultano molto comodi e stabili all’orecchio anche quando si è in movimento.

Inoltre, una volta accoppiati, si collegano automaticamente allo smartphone o al tablet con EMUI 10.0 all’apertura della custodia di ricarica, che garantisce fino a quattro ore di ascolto con una carica di soli dieci minuti.

 

Pro

Qualità/prezzo: I FreeBuds 4i di Huawei si presentano con un costo molto vantaggioso, ideali quindi per chi sta cercando degli auricolari true wireless affidabili e di buona qualità, senza alleggerire troppo il portafoglio.

Suono: Ciascun auricolare è dotato di due microfoni con tecnologia beamforming e cancellazione attiva del rumore per restituire un audio fedele e ben bilanciato in ogni contesto.

Custodia: Il case ha dimensioni molto contenute e risulta molto comodo da trasportare, assicurando fino a quattro ore di riproduzione son soli dieci minuti di ricarica.

 

Contro

Impermeabilità: A causa dell’assenza di una protezione IP, occorre prestare maggiore attenzione durante l’utilizzo per evitare che il sudore o l’acqua danneggino le cuffie.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth Bose

 

7. Bose Auricolari Wireless QuietComfort con cancellazione rumore

 

Un altro modello che vi consigliamo di prendere in considerazione se non sapete come scegliere un buon auricolare Bluetooth è il QuietComfort a marchio Bose, una garanzia quando si tratta di dispositivi audio efficienti e affidabili.

Dal momento che stiamo parlando di un modello top di gamma, bisognerà mettere mano alla tasca per acquistarlo, ma una volta sormontato lo scoglio del prezzo si potrà godere di una qualità audio e costruttiva senza precedenti, con una resa sonora molto bilanciata e un suono ricco e pulito su tutte le frequenze.

Tramite l’app per Android e iOS Bose Music si potranno selezionare i dieci livelli di noise cancelling da attivare con il comando rapido presente sull’auricolare Bluetooth Bose sinistro, abilitare/disabilitare il sensore di prossimità e attivare l’assistente vocale dello smartphone per avere la propria raccolta di brani musicali a portata di “touch”.

Sebbene non supportino il codec aptX per la compressione-decompressione dei dati sonori in entrata, sono dotate di connessione Bluetooth 5.1 che permette una connettività over-the-air più veloce e affidabile.

 

Pro

Audio: Dai pareri degli utenti si evince un’ampia soddisfazione in merito alla qualità del suono, che risulta pulito e perfettamente bilanciato grazie alla cancellazione attiva del rumore e alla possibilità di poter personalizzare le impostazioni dell’equalizzatore tramite l’app dedicata.

Praticità: La classe di protezione IPX4 ne consente un utilizzo sicuro sia durante lo sport sia in caso di condizioni atmosferiche avverse.

Bluetooth: La versione 5.1 permette di collegarli a più dispositivi contemporaneamente, sia per ascoltare la musica sia per ricevere o effettuare le chiamate.

 

Contro

Volume: A differenza di altri auricolari Bluetooth, i Bose QuietComfort non dispongono di tasti per il volume, quindi bisognerà necessariamente regolarlo tramite il device al quale sono collegati.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth con filo

 

8. JBL Cuffie in Ear Wireless T110BT

 

Grazie ai potenti driver caratterizzati dall’esclusivo JBL Pure Bass Sound, l’Auricolare Bluetooth con filo T110BT darà il giusto impulso a ogni playlist, garantendo una trasmissione più cristallina e qualitativamente elevata del suono.

Grazie alla batteria ricaricabile integrata, sono pronti all’uso in meno di due ore e assicurano un’autonomia di circa otto ore con una carica completa.

Le cuffie presentano un design molto discreto e sono dotate di un cavo piatto abbastanza lungo ma progettato per non aggrovigliarsi, con tanto di chiusura magnetica per posizionarli e riporli comodamente dopo l’uso senza occupare uno spazio eccessivo.

Nonostante non sia segnalata alcuna certificazione di resistenza ad acqua e sudore, sono indicate per l’attività fisica perché comode da indossare e abbastanza leggere, offrendo in dotazione tre gommini di dimensioni diverse per una maggiore ergonomia.

Inoltre, sono provviste di connettività Bluetooth 4.0 e presentano una pulsantiera con tre tasti fisici che permettono di gestire chiamate e musica in modo agevole anche quando si sta correndo o praticando sport.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Se volete risparmiare il più possibile puntando su un prodotto JBL di buona qualità, allora queste sono le cuffie wireless perfette per voi.

Comfort: Il peso contenuto e il cavo antigroviglio con magneti integrati per un facile posizionamento permettono di usare gli auricolari per diverse ore senza avvertire alcun fastidio.

Dotazione: Oltre alle cuffie, nel parco accessori troverete anche tre coppie di gommini in diverse misure e un cavo micro USB per la ricarica.

 

Contro

Rumori: La qualità audio è molto soddisfacente, ma per fare in modo che l’interlocutore possa captare la voce di chi parla con gli auricolari in modo chiaro e senza fastidiosi rumori in sottofondo è necessario posizionare il microfono molto vicino alla bocca.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth SBS

 

9. SBS Auricolari TWS Beat True Wireless Stereo

 

Se il budget a vostra disposizione non è molto elevato e siete disposti ad accettare qualche piccolo compromesso (come una minore autonomia e l’assenza dell’ANC), vi consigliamo di prendere in considerazione gli auricolari TWS Beat a marchio SBS, venduti online a un prezzo molto conveniente nonostante la buona qualità audio e costruttiva.

Il design è molto piacevole, anche se piuttosto semplice e discreto, permettendo di ascoltare la musica e rispondere alla chiamate in movimento, sia durante i viaggi sia quando si pratica sport.

Il suono riprodotto è ben definito e, grazie ai tasti multifunzione integrati su ciascun auricolare Bluetooth SBS, si potrà regolare il volume, gestire i brani, utilizzare l’assistente vocale ed effettuare il recall dell’ultimo numero con un semplice tocco.

Nella dotazione è inclusa anche una dock station con chiusura magnetica, ideale non solo per ricaricare le cuffie quando sono scariche, ma anche per trasportarle agevolmente senza occupare uno spazio eccessivo nella borsa o in tasca.

 

Pro

Intuitivi: Quando si estraggono dalla base di ricarica, gli auricolari si accendono all’istante e si connettono automaticamente all’ultimo dispositivo associato per essere subito pronti all’uso.

Sonoro: Nonostante il costo economico, la qualità audio è molto buona sia nella riproduzione dei contenuti musicali sia durante le telefonate. Da questo punto di vista il lavoro di SBS merita un grande plauso.

Colorazioni: In base ai vostri gusti e al vostro stile potrete scegliere il colore preferito tra le otto varianti cromatiche messe a disposizione dall’azienda.

 

Contro

Funzioni: Come è facile intuire dal prezzo, si tratta di un modello di fascia medio-bassa che offre prestazioni “basic”, senza millantare alcuna funzionalità all’avanguardia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Auricolare Bluetooth 5.0

 

10. Umi W5s Auricolari Bluetooth 5.0 TWS True Wireless Stereo

 

Se, anche quando si parla di auricolari, non siete insensibili a un bel design, questo modello si fa apprezzare per scelte particolari, sia per quanto riguarda le dimensioni davvero mini, che fanno scomparire l’oggetto all’interno del padiglione auricolare, sia per la scelta di una custodia che funge anche da ricarica. 

Dal punto di vista tecnico, gli auricolari sono Bluetooth in versione 5.0 il che assicura un range di ben 15 metri nonché una trasmissione più cristallina e qualitativamente elevata del suono.

Apprezzabile anche il supporto per lo standard di protezione IPX7 che rende i W5s resistenti sia alla pioggia sia al sudore, dunque potrete indossarli anche per correre o andare in bicicletta. 

Entrambi gli auricolari permettono di controllare in modo intuitivo la riproduzione dei brani, la gestione del volume e la risposta alle chiamate.

L’autonomia supera le 5 ore, la forma è studiata con attenzione (e infatti restano ben salde alle orecchie in qualunque situazione), il prezzo particolarmente vantaggioso.  

 

Pro

Si adattano bene: Sono piccole e leggere, inoltre si inseriscono perfettamente nelle orecchie in modo da non correre mai il rischio che si possano staccare.

Custodia: Elegante, assolve anche la funzione di ricarica, dunque è sufficiente inserire gli auricolari per restituire loro l’energia necessaria al funzionamento.

Impermeabili: Lo standard IPX7 assicura completa protezione dall’umidità, dunque potrete tranquillamente indossarli quando piove o per correre, visto che non temono acqua o sudore. 

 

Contro

Qualità sonora: Di discreto livello e nulla più, d’altra parte stiamo parlando di due auricolari venduti a un prezzo davvero economico. Gli appassionati di musica dovrebbero guardare altrove. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere i migliori auricolari Bluetooth?

 

Gli auricolari Bluetooth offrono il massimo della comodità a chi vuole dover portare con sé meno accessori possibile.

Per individuare la migliore marca, abbiamo ideato una guida che possa focalizzare gli aspetti più importanti. Confrontate i prezzi per determinare quale modello rientri nel vostro budget.

Con o senza cavo?

Gli auricolari Bluetooth hanno il vantaggio di garantire una connessione senza l’ausilio di fili a tutti i dispositivi che supportano questa tecnologia.

Tuttavia ci sono alcuni modelli che possono essere dotati di cavi che colleghino le due estremità. In questo caso la domanda da farsi è: meglio con o senza?

Analizziamo innanzitutto l’uso che dovete farne: per le chiamate o l’ascolto della musica? Nel primo caso vi basterà un modello mono, ovvero costituito da un solo auricolare da collegare a un orecchio. L’ausilio di cavi sarà qui totalmente inutile, per cui potrete svolgere le vostre attività senza alcun fastidio.

Se invece intendete acquistarli per fare sport, per esempio, e quindi per ascoltare la musica, saranno da preferire quelli con due auricolari, uno per orecchio, che permettono di isolarsi e di vivere appieno l’esperienza della corsa o della camminata.

In questo caso la presenza di cavi che colleghino le due parti può essere utile anche a tenerli saldamente al collo quando ci si vuole fermare un attimo o a ospitare un maggior numero di tasti per gestire meglio le funzioni.

Un fattore da considerare, nell’ultimo caso che abbiamo esaminato, è anche il grado di protezione: gli auricolari devono infatti essere impermeabili per resistere non solo a cambiamenti climatici ma anche al sudore prodotto durante l’attività fisica.

 

La batteria

Prediligere quella al litio, ricaricabile, è d’obbligo se si intende usarli quotidianamente e non si vuole spendere una fortuna in batterie.

Scegliete un modello che, secondo le recensioni degli altri acquirenti, ha una durata che può soddisfare le vostre esigenze.

Alcuni auricolari sono dotati di una confezione che funge da Powerbank e che quindi vi permette di ricaricarli semplicemente inserendoli al suo interno.

Questa soluzione è molto valida se pensate di dover stare molto tempo fuori casa e non avete modo di usare il caricabatterie.

Considerate anche la velocità di ricarica, in quanto ci sono modelli che possono essere pronti in tempi molto brevi, anche un’ora.

 

La tecnologia supportata

Se gli auricolari che avete adocchiato supportano uno standard Bluetooth come il 4.1, 4.2 o il 5, e non avete dispositivi che supportino uno standard così alto, non preoccupatevi: i nuovi sono retro compatibili con le versioni precedenti, per cui potrete scegliere un modello di nuova generazione.

Un altro aspetto da considerare è il numero di dispositivi ai quali gli auricolari possono essere associati: ci sono modelli in grado di collegarsi a due elementi, che possono gestire separatamente oppure insieme. In questo modo potrete ascoltare la musica e anche ricevere le chiamate.

 

I tasti

Quelli indispensabili a gestire le varie funzioni possono essere collocati direttamente sull’auricolare oppure sul cavo che collega le due parti, quando il prodotto è composto da due elementi da inserire uno per orecchio.

Solitamente ci sono quelli che regolano il volume, che consentono l’accensione e lo spegnimento del dispositivo, che permettono di passare da una traccia a un’altra. Il microfono è presente in molti modelli, in quanto indispensabile per effettuare o ricevere le chiamate.

 

La qualità audio

Tra tutti i modelli presenti sul mercato, optare per quello che garantisca la migliore qualità audio sicuramente vi aiuterà a investire bene il vostro denaro.

Dovrete allora assicurarvi che i gommini in dotazione permettano di far aderire bene il prodotto all’orecchio, in modo da garantire il massimo isolamento acustico.

In commercio ci sono parecchi auricolari che prevedono la cancellazione dei rumori, ma il loro prezzo è davvero molto alto e non è quindi pensato per chi ha un budget ridotto a disposizione.

Design

Nella nostra classifica in alto abbiamo incluso prodotti per tutti i gusti: se vi esortiamo a fare caso al design non è solo per una questione di estetica ma anche di comodità.

Un paio di auricolari ben fatti sono in grado di aderire bene alle orecchie, a differenza di altri che magari hanno gommini larghi o troppo stretti.

L’ergonomia è un elemento di prima importanza, soprattutto per chi dovrà tenerli addosso per tutta la giornata. Chi porta gli occhiali, per esempio, ha già un elemento che fa pressione sulle orecchie e sicuramente non vuole sentirsi appesantito da un oggetto ingombrante.

 

 

 

Domande frequenti

 

Auricolare Bluetooth Samsung: come funziona?

L’auricolare Bluetooth Samsung è solitamente dotato di un archetto che rende più facile applicarlo su una delle due orecchie. Sul corpo troverete il tasto di accensione e spegnimento, quello per la ricezione e la chiusura della chiamata e quelli per la regolazione del volume.

Collegarlo allo smartphone è altrettanto semplice: attivate la connessione Bluetooth sul cellulare, premete il tasto per la ricezione della chiamate sull’auricolare, per qualche secondo, fino a quando la luce su di esso non resterà fissa.

A questo punto basterà rilevare la sua presenza sullo smartphone e associare i due dispositivi. Molti modelli possono essere collegati a due elementi contemporaneamente.

 

Come indossare l’auricolare Bluetooth?

Dobbiamo prima di tutto fare una distinzione tra i diversi modelli di auricolari a disposizione: possono essere in-ear, on-ear e over-ear. I primi sono i più comuni e sono quelli che devono essere inseriti all’interno dell’orecchio. Al loro interno sono presenti delle membrane che permettono di farli aderire bene al canale auricolare.

Solitamente i gommini inclusi nella confezione hanno solamente una taglia: vi consigliamo di procurarvi quelli giusti per le vostre orecchie, in modo da non perderli mentre li indossate. Usare inoltre una clip permette di tenerli fermi e di evitare che cadano mentre vi muovete.

Gli auricolari on-ear sono invece formati da un archetto che va infilato dietro al padiglione auricolare. Inserirli è semplice ma, nonostante la comodità, non vi assicureranno un totale isolamento dai rumori come fa il modello analizzato in precedenza.

Gli over-ear, infine, assicurano grande aderenza perché hanno una specie di cuffia che avvolge totalmente le orecchie.

 

Come resettare un auricolare Bluetooth?

Questa operazione è molto semplice: innanzitutto accendete il Bluetooth sullo smartphone sul quale siete soliti identificare l’ auricolare.

Una volta trovato il nome del modello sul cellulare, basterà cliccare sul pulsante che permette di eliminare quel dispositivo.

Un altro metodo è quello di cliccare sul pulsante che ha la forma di una freccia e che si trova accanto al nome dell’auricolare: cliccate poi su “disaccoppia” e il gioco è fatto.

I metodi che abbiamo qui elencato vanno bene tanto sui dispositivi Android, quanto su quelli Apple e sui computer.

 

Come collegare un auricolare Bluetooth?

Se vi state domandando come associare un auricolare Bluetooth ai dispositivi in vostro possesso, ecco qui la soluzione. Accendete innanzitutto l’auricolare tramite il tasto dedicato, poi attivate il Bluetooth sul cellulare, sull’iPhone o sul computer.

Nel primo caso potrebbero insorgere dei problemi, per cui andiamo a vedere come collegare un auricolare Bluetooth al cellulare in maniera corretta.

Prima di tutto verificate se il vostro ha il tasto dedicato che permette di attivarlo subito perché, in caso contrario, dovrete digitare un PIN, che spesso corrisponde a 0000.

In altri casi ancora, una volta apparsa la finestra con l’elenco dei dispositivi Bluetooth nelle vicinanze, basterà cliccare sul nome del vostro auricolare e selezionare la voce Associa/Accoppia.

Questi procedimenti vanno bene anche per altri dispositivi, per cui non avrete grosse difficoltà a effettuare questo accoppiamento.

 

Cuffie e auricolari, come ascoltare la musica?

Sul mercato esistono numerose soluzioni per chi vuole ascoltare la propria musica in assoluta tranquillità, senza disturbare i vicini e soprattutto chi gli sta attorno mentre si trova in giro.

Le tipologie di cuffie sono diverse e possono essere acquistate in base alle proprie esigenze, tuttavia i tipi più comuni sono quelli denominati: over ear, on ear e in ear. Analizziamole dunque insieme per evidenziarne le peculiarità.

 

Over ear

Come suggerisce il termine inglese, questa tipologia di cuffie è pensata per trovarsi sull’orecchio e avvolgerlo. Sono quelle generalmente più ingombranti anche se comode perché non comprimono l’orecchio ma lo avvolgono completamente, creando anche una sorta di ambiente insonorizzato che permette di isolarsi dai rumori esterni.

Sono da preferirsi qualora ascoltiate musica, film e videogiochi in casa poiché all’esterno potrebbero isolarvi eccessivamente, rendendo molto pericolosi gli attraversamenti pedonali e generalmente abbasserebbero la vostra soglia di attenzione relativamente a ciò che accade attorno a voi.

La qualità audio di queste è solitamente molto elevata ed è possibile trovarle perlopiù cablate. Il metodo di utilizzo migliore è attraverso un collegamento con amplificatore, così riescono a esprimere tutte le loro potenzialità. Sono inoltre mediamente più costose delle altre cuffie che andremo ad analizzare.

On ear

Sono sicuramente le più popolari, si tratta di cuffie costituite da due padiglioni e un archetto che li tiene insieme. Si appoggiano semplicemente sulle orecchie e permettono un buon ascolto di musica con una insonorizzazione sufficiente a restare sempre vigili. Non hanno un costo particolarmente elevato ma ne esistono modelli per tutte le tasche.

Da notare che chi porta orecchini oppure occhiali potrebbe trovarle scomode rispetto a cuffie over ear e auricolari proprio perché i due padiglioni premono sulle orecchie e a lungo andare potrebbero causare fastidio.

Anche in questo caso sono presenti più modelli cablati che wireless tuttavia questi ultimi esistono e potrebbero essere preferiti da chi non ama particolarmente i cavi e la loro tendenza a intrecciarsi.

 

In ear

L’ultima tipologia è quella delle cuffie in ear, spesso chiamate anche auricolari poiché si tratta di piccole cuffie che vanno propriamente inserite nel padiglione auricolare.

Tra i loro vantaggi troviamo sicuramente la semplicità di trasporto, possono essere infilati comodamente in tasca, nello zaino o in borsa senza occupare molto spazio.

Hanno un buon grado di isolamento e, i modelli più costosi riescono ad adattarsi perfettamente al padiglione auricolare dell’utente.

Optare per quelli a basso costo, però, potrebbe non essere la scelta più saggia dal momento che cadono continuamente, dando più fastidio che altro, e hanno anche una qualità audio che non potremmo definire elevata.

Durante l’utilizzo, infine, bisogna prestare molta attenzione al volume impostato dal riproduttore musicale, poiché essendo molto vicini al timpano, potrebbero danneggiarlo irreparabilmente con un’esposizione continua a volumi elevati.

Questa tipologia è la più semplice da trovare in formato cablato e wireless, soprattutto in seguito all’uscita dei nuovi modelli di iPhone che hanno eliminato completamente dal design il jack delle cuffie.

 

Bluetooth o cablate?

Dopo aver scelto la tipologia di cuffia più adatta alle vostre esigenze vi ritroverete a dover compiere un’ulteriore scelta importante: wireless o con cavo? In questo caso è necessario fare una premessa molto importante, relativa alla qualità audio.

Secondo recenti analisi, infatti, è stato dimostrato che il segnale audio ha una qualità migliore se trasmesso via cavo rispetto alla tecnologia bluetooth che, nonostante sia indubbiamente comoda e permetta di evitare grovigli di cavi in tasca che ricordano mitologici nodi gordiani, è anche molto meno efficiente.

A fare la differenza sono soprattutto i tipi di codec audio utilizzati che fanno perdere bit preziosi quando si tratta di cuffie wireless.

Gli auricolari AirPods di Apple, per esempio, realizzati per funzionare senza cavi con i nuovi iPhone, usano il formato AAC, acronimo che sta per Advanced Audio Coding, che non riesce a garantire una qualità audio elevata.

Il peggior codec sembra essere quello usato da Android mentre i più soddisfacenti, pur con riserva, sono le tecnologie Aptx e Ldac, usate rispettivamente da Qualcomm e Sony.

Ciò che è certo è che comunque l’utente medio non riesce ad accorgersi di queste differenze che risultano palesi solo nel momento in cui si fa un confronto diretto tra le due tipologie di ascolto.

Gli appassionati di musica, però, riusciranno sicuramente a individuare ciò che non va al volo. A questi ultimi, quindi, è sconsigliato l’utilizzo di cuffie bluetooth a meno che non siate obbligati a usufruirne per cause di forza maggiore.

Le cuffie cablate, in definitiva, restano ancora il metodo migliore per ascoltare della buona musica senza spendere cifre elevate.

Se il mio smartphone non ha il jack audio?

Alcuni utenti potrebbero chiedersi come fare a usare degli auricolari cablati se il proprio dispositivo di riproduzione musicale non è dotato di jack ad hoc.

In questo caso la risposto è molto semplice poiché, sebbene si spinga per avere solo tecnologia wireless, il mercato non è chiaramente pronto o ben disposto ad accettare tale cambiamento.

Potrete infatti trovare in vendita dei gadget che trasformano la porta di alimentazione dello smartphone in uno slot per il cavo jack. Il loro costo è solitamente esiguo e per usarli non dovrete far altro che inserire il cavo USB tipo C o Lightning nella porta dello smartphone e, all’altro capo dove si troverà l’ingresso per le cuffie, inserire il cavo jack.

Potrete così utilizzare ancora le vostre vecchie cuffie con gli smartphone di nuova generazione.

Non si tratta di una panacea in grado di risolvere la questione senza alcun intoppo, però. Uno degli inconvenienti è infatti rappresentano dall’impossibilità di caricare il dispositivo durante l’ascolto di musica. Assicuratevi dunque che lo smartphone sia completamente carico per evitare che si spenga sul più bello.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

5 COMMENTI

Claudio

March 7, 2021 at 3:16 pm

Ciao, come Mic sto cercando cuffie per smartphone per telefonare. Le mie esigenze peró sono: eliminazione del rumore (telefono spesso camminando fuori casa), e soprattutto la qualitá audio in entrata e uscita deve essere al top. Il prezzo é secondario. L’importante é che la mia voce arrivi bene a chi mi ascolta, e viceversa. C’é veramente un mondo di prodotti. Mono, non mono. Cosa mi consigliate? grazie mille

Risposta
Claudio M

March 8, 2021 at 7:20 pm

Salve Claudio,

nel valutare un paio di auricolari Bluetooth dal punto di vista della qualità sonora, gli elementi di cui tenere conto sono sostanzialmente due: la capacità di isolamento dall’esterno, quindi il fatto che siano dotate di cancellazione attiva dei rumori, funzione non così diffusa e che, per questo, contribuisce a innalzare notevolmente il costo degli auricolari. Il secondo elemento è la risposta in frequenza (misurata in Hz), un valore che indica l’intervallo di frequenze coperto dalle cuffie. Visto che l’orecchio percepisce le frequenze che variano da 20 a 20.000 Hz, è bene che il prodotto scelto abbia questo range. A questo punto il modello perfetto per le tue esigenze e per quanto detto finora è questo di Bose: https://www.amazon.it/dp/B08C4KWM9T, con cancellazione attiva del rumore su undici livelli, resa sonora impeccabile, Bluetooth 5.1 e impermeabilità IPX4. Il prezzo è molto alto, dunque vogliamo anche proporti un’alternativa di buon livello, rappresentata da questi auricolari Bang & Olufsen: https://www.amazon.it/dp/B01G48RH20. Sono privi di cancellazione del rumore e per questo meno costosi (riescono comunque ad assicurare un buon livello di isolamento dall’esterno), però la resa sonora è soddisfacente e il prodotto è in grado di coprire tutte le frequenze al meglio, restituendo un suono caldo e corposo, anche a tutto volume, senza distorsioni.

Saluti

team N

Risposta
Claudio

March 11, 2021 at 6:20 am

Grazie mille per il consiglio

Risposta
Mic

May 3, 2020 at 3:02 pm

Ciao, sono alla ricerca di cuffie per smartphone per telefonare, ma per lavoro ho bisogno che abbiano la maggiore distanza di connessione dallo smartphone. Sapreste indicarmi un modello adeguato.

Risposta
Claudio M

May 5, 2020 at 9:25 pm

Salve Mic,

allo stato attuale la tecnologia che assicura la maggior distanza di connessione è il Bluetooth 5.0. Dunque qualunque modello che dispone di questo standard va bene per le tue esigenze. Tieni conto che, in linea teorica, la copertura arriva addirittura a 240 metri, però bisogna tenere conto di tutti gli ostacoli che il segnale incontra, come muri o altre frequenze wireless. Detto questo, in media le cuffie e gli auricolari Bluetooth 5.0 coprono un range di circa 30 metri. Di modelli ce ne sono tantissimi, se vuoi una coppia di auricolari piccoli e funzionali, prova a dare un’occhiata a questi di Aukey: https://www.amazon.it/dp/B07Y398JBX

Saluti

Team N

Risposta