Le 7 Migliori Fotocamere Istantanee del 2019

Ultimo aggiornamento: 06.12.19

 

Fotocamera Istantanee – Opinioni, Analisi e Guida all’acquisto

 

Le fotocamere istantanee hanno avuto il loro boom negli anni ’70 e ’80, ma di recente sono tornate in auge grazie a una nuova tecnologia di stampa sviluppata da Polaroid insieme a Fujifilm. Per la gioia dei nostalgici, quindi, e per i giovanissimi appassionati di fotografia, nella nostra guida troverete ulteriori informazioni per l’acquisto, e la recensione dei modelli più apprezzati dai consumatori. Il primo tra questi è la Polaroid Snap, grazie all’eccellente qualità di stampa, e la Fujifilm Instax Mini 9, apprezzata soprattutto per via del costo accessibile.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 7 Migliori Fotocamere Istantanee

 

 

Fotocamera Istantanea Polaroid

 

1. Polaroid Fotocamera Digitale a Scatto Istantaneo

 

Quando si sente nominare Polaroid, la prima cosa che salta alla mente è la classica fotocamera istantanea analogica, il primo modello compatto a essere stato introdotto sul mercato e caratterizzato dal design “scatolare”, mantenuto pressoché inalterato nel tempo e divenuto una vera icona nel settore della fotografia.

La fotocamera istantanea Snap, però, è un modello nuovo dall’aspetto e dalle dimensioni completamente diverse, dal design decisamente più moderno e adatto ai ragazzi delle nuove generazioni, soprattutto a quelli che sviluppano la passione per la fotografia.

Stampa foto su carta dal retro adesivo della dimensione di 6 x 9 centimetri circa, con una tecnologia che permette di fare a meno degli inchiostri; la lunga esperienza maturata da Polaroid, inoltre, assicura stampe di qualità eccellente, a colori, resistenti all’acqua e agli strappi, prive di sbavature e asciutte al tatto. Costa un po’ di più, ma le prestazioni di stampa offerte sono migliori.

 

Pro

Garanzia Polaroid: L’esperienza accumulata da Polaroid nella produzione di fotocamere istantanee le ha permesso di raggiungere l’eccellenza in questo campo. Seppur piccole, infatti, le stampe prodotte dalla Snap sono di qualità eccellente.

Mira, scatta e stampa: La Snap è ideale soprattutto come regalo per i ragazzi appassionati di fotografia; oltre a essere una fotocamera di qualità, infatti, è anche estremamente facile da usare.

Tascabile: A differenza dei modelli standard, il cui formato di stampa impone loro dimensioni alquanto ingombranti, la Polaroid Snap ha le dimensioni di un cellulare e può essere tenuta comodamente in tasca.

 

Contro

Mirino: Le dimensioni del mirino sono minuscole e restituiscono un’immagine sfocata, che però non influisce sulla messa fuoco dell’obiettivo ovviamente.

Acquista su Amazon.it (€109)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Fujifilm

 

2. Fujifilm Instax Mini 9 Smoky Fotocamera Istantanea

 

Tra i diversi modelli che abbiamo sottoposto a comparazione, la fotocamera istantanea Fujifilm si è piazzata al secondo posto tra quelli più venduti, e nonostante le ottime credenziali dell’azienda produttrice giapponese, buona parte del suo successo è dovuto al suo prezzo concorrenziale. La Instax Mini 9, infatti, è il modello digitale più economico tra tutti quelli esaminati.

Il design è compatto, anche se le dimensioni non sono proprio tascabili, è dotata di specchio per selfie, in modo da centrare l’inquadratura, e di una lente sovrapponibile che permette di effettuare scatti ravvicinati, garantendo una messa a fuoco nitida fino a una distanza minima di 35 centimetri.

Il formato di stampa, però, è inferiore a quello della Polaroid Snap, soltanto 62 x 46 millimetri circa, e anche la qualità delle immagini ottenute, purtroppo, non raggiunge quella della Polaroid. In compenso però costa relativamente poco ed è ottima come regalo per ragazzi.

 

Pro

Idea regalo: La fotocamera istantanea Fujifilm è un altro di quei modelli che rappresentano il regalo perfetto per i ragazzi a partire dai 10-12 anni in su.

Macro: Si tratta di una delle poche istantanee sul mercato a offrire la funzionalità Macro; grazie a una lente aggiuntiva da collocare sull’obiettivo, infatti, può ridurre la distanza di messa a fuoco fino a 35 centimetri.

Completamente automatizzata: L’esposizione viene misurata e impostata in maniera del tutto automatica ogni volta che si preme il pulsante di scatto, per cui è facilissima da usare.

 

Contro

Troppo luminosa: Stando ai pareri degli acquirenti, le foto tendono a essere un po’ sovraesposte, di conseguenza le foto fatte in piena luce vengono troppo chiare.

Acquista su Amazon.it (€57,99)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Kodak

 

3. Kodak Mini Shot Fotocamera Digitale a Stampa Istantanea, Wireless

 

La Kodak Mini Shot è un modello che presenta molti punti in comune con la Polaroid Snap, a cominciare dal design, dalle dimensioni e dal prezzo, ma che in alcuni aspetti si rivela addirittura migliore.

La forma compatta è comoda, leggera e tascabile, le dimensioni di stampa sono di 5 x 7,6 centimetri, quindi leggermente inferiori rispetto alla Snap, ed è priva anche del flash incorporato che è un’altra caratteristica positiva della Polaroid.

La fotocamera istantanea Kodak Mini Shot, in compenso, è caratterizzata da un piccolo display LCD da 1,7 pollici che sostituisce egregiamente il mirino ottico, e può eseguire fino a venti stampe di qualità eccellente con una sola carica, sia a colori sia in bianco e nero.

La pecca della Mini Shot però, secondo i pareri di alcuni acquirenti, è data proprio dal display LCD che rende particolarmente difficoltoso centrare bene l’inquadratura.

 

Pro

Qualità Kodak: Un altro marchio che ha fatto la storia della fotografia, nonché colosso mondiale nella produzione di pellicole, e Kodak. La qualità di stampa offerta dalla Mini Shot, di conseguenza, è di ottimo livello.

Come inquadrare: Date le dimensioni compatte della fotocamera, Kodak ha pensato bene di sostituire il mirino ottico con un display LCD da 1,4 pollici, anche se alcuni lo ritengono scomodo.

Tascabile: Come la Polaroid Snap anche la Mini Shot ha il pregio di essere compatta e leggera, comodissima da portare anche in una tasca dei jeans.

 

Contro

Display: Come accennato in precedenza, alcuni acquirenti si sono trovati male con lo schermo LCD al posto del canonico mirino, perché rende più difficile inquadrare bene i soggetti.

Acquista su Amazon.it (€94,99)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Wide

 

4. Fujifilm Instax Wide 300 Fotocamera Istantanea

 

Dopo le Polaroid, le fotocamere istantanee della serie Instax prodotte da Fujifilm sembrano essere le più richieste tra tutti i modelli venduti online, e la cosa non dovrebbe stupire dal momento che entrambe le ditte hanno collaborato insieme per sviluppare le tecnologie utilizzate dalla nuova generazione di istantanee.

La fotocamera istantanea Wide 300, a differenza della Instax Mini 9, è caratterizzata appunto da un formato di stampa più grande: 62 x 99 millimetri, e di conseguenza da un corpo macchina di dimensioni leggermente superiori.

Per il resto offre le stesse dotazioni e funzionalità: il flash automatico che ottimizza la luminosità a seconda della distanza, la compensazione automatica dell’esposizione e la lente aggiuntiva Close-Up per mettere a fuoco soggetti a distanza ravvicinata, fino a un minimo di 40 centimetri.

L’unica limitazione è data dall’aspetto “scatolare” che, unito alle dimensioni maggiori, rende la Wide 300 più ingombrante e scomoda rispetto alla Mini 9.

 

Pro

Dimensioni di stampa: La Instax Wide 300 fa fotografie istantanee nel formato classico introdotto dalle prime macchine Polaroid, quindi è consigliata soprattutto ai nostalgici di questo tipo di fotografia.

Macro: Anche questa fotocamera è dotata di una lente aggiuntiva che le permette di mettere a fuoco soggetti a una distanza minima di 40 centimetri, in modo da poter scattare anche primissimi piani.

Facile da usare: Come la maggior parte delle fotocamere istantanee, anche la Wide 300 è molto facile da usare perché completamente automatizzata, ma agli utenti più esperti lascia la possibilità di impostare manualmente l’esposizione.

 

Contro

Ingombro: Le dimensioni non sono propriamente tascabili, e la Wide 300 risulta alquanto ingombrante da trasportare, ma è una caratteristica tipica delle istantanee dal formato standard.

Acquista su Amazon.it (€98,5)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Canon

 

5. Canon Zoemini C Fotocamera Istantanea

 

Come si può desumere dal nome, la fotocamera istantanea Canon Zoemini C è un modello compatto, tascabile e colorato, destinato prevalentemente a un’utenza giovanile.

A differenza della Snap e della Mini Shot esaminate in precedenza, però, la Zoemini C ha il pregio di possedere uno slot per schede microSD e di integrare la tecnologia Zink, grazie alla quale è possibile acquisire le immagini da una scheda è stamparle tramite la fotocamera istantanea. 

Le stampe hanno una dimensione di 5,1 x 7,6 centimetri, e hanno il retro adesivo in modo da poterle attaccare su un diario o su una lavagnetta da parete. Possiede anche lo specchio frontale che aiuta a centrare l’inquadratura quando si scattano selfie; la confezione include anche il cavo di ricarica Micro USB, il cordino per assicurare la fotocamera al polso, le istruzioni e un pacchetto con 10 fogli di carta fotografica Canon Zink.

 

Pro

Tascabile: Le dimensioni non sono dissimili da quelle di uno smartphone, ragion per cui offre il pregio di poterla portare sempre con sé comodamente e senza ingombro, anche in una tasca dei pantaloni.

Tecnologia Zink: Grazie al lettore per schede Micro SD e alla tecnologia Zink integrata, la Zoemini C può stampare anche fotografie scattate con altri dispositivi, acquisendole direttamente dal supporto microSD.

Qualità Canon: La carta fotografica Canon Zink è resistente all’acqua e agli strappi, non richiede inchiostri e offre una qualità di stampa molto elevata, tipica degli standard Canon.

 

Contro

Cartucce: Quelle di ricambio per le fotocamere istantanee sono notoriamente costose, purtroppo, ma quelle per la Zoemini C sono più care rispetto alla media.

Acquista su Amazon.it (€99)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Lomo

 

6. Lomography Lomo’Instant Automat South Beach Fotocamera Istantanea

 

Con la fotocamera istantanea Lomo lasciamo definitivamente la fascia dei modelli disponibili a prezzi bassi, ed entriamo in quelle delle istantanee più costose. La Lomo’Instant Automat South Beach è una fotocamera automatica e dal design decisamente accattivante e vagamente rétro, ma decisamente all’avanguardia per quanto riguarda le caratteristiche e la tecnologia. 

A differenza degli altri modelli esaminati nella guida, infatti, la Automat ha due modalità di scatto, una automatica con tempi da 8 secondi a 1/250 di secondo, e la modalità Bulb, che permette di prolungare le esposizioni fino a un massimo di 30 secondi.

Integra anche l’attacco per il treppiede, il flash elettronico e offre la possibilità di eseguire esposizioni multiple illimitate; per i più esigenti c’è la possibilità di acquistare un ulteriore set di lenti intercambiabili per l’obiettivo. L’unica pecca è rappresentata dal costo elevato, ma si tratta di uno dei modelli al top della categoria.

 

Pro

Pellicole poco care: La Automat South Beach è compatibile con le pellicole Fujifilm Instax, che sono le più economiche sul mercato. Quindi permette di risparmiare qualcosa sui consumabili.

Prestazioni: La tecnologia impiegata, le caratteristiche e le prestazioni sono tutte di alto livello. Diversamente non sarebbe considerata una delle fotocamere istantanee al top della categoria.

Funzioni: Offre due distinte modalità di scatto, la possibilità di correggere manualmente l’esposizione, quella di eseguire esposizioni multiple illimitate e ha perfino il copriobiettivo che funziona da telecomando per scattare a distanza.

 

Contro

Prezzo: Il costo è decisamente più alto rispetto agli altri modelli esaminati e, data la particolare natura della fotocamera, è consigliata prevalentemente agli appassionati.

Acquista su Amazon.it (€164,8)

 

 

 

Fotocamera Istantanea Leica

 

7. Leica Sofort 19102 Camera Istantanea

 

Anche la fotocamera istantanea Leica Sofort 19102 offre il pregio di essere compatibile con la carta fotografica Fujifilm Instax, decisamente economica rispetto a quella prodotta dalla Canon o da altre ditte.

La precisazione potrà apparire superflua, ma acquisisce importanza dal momento che la Sofort è la più cara tra tutti i modelli esaminati nella nostra guida, con un prezzo che supera di poco i 300 euro. Per quanto avanzata possa essere, però, rimane pur sempre una fotocamera istantanea; come tale, quindi, è destinata soltanto agli appassionati del genere, ai collezionisti, oppure come idea regalo se il vostro budget ve lo consente.

Le prestazioni, neanche a dirlo dal momento che è una fotocamera Leica, sono ottime e la Sofort offre libertà di controllo sulla distanza di messa a fuoco, sul flash, sull’esposizione e sulla sua compensazione, inoltre è dotata anche delle modalità di autoscatto, macro, selfie, doppia esposizione e altro ancora.

 

Pro

Casa storica: Il brand Leica venne fondato in Germania nel 1869 ed è ritenuto uno dei marchi storici nel settore della fotografia. Anche se è soltanto una fotocamera istantanea, la Sofort è tra le migliori della categoria.

Ottimi materiali: Da Leica non ci si poteva aspettare di meno ovviamente, e i materiali di fabbricazione della Sofort sono veramente ottimi. Perfino la lente dell’obiettivo è realizzata in vetro, a differenza degli altri modelli esaminati che ce l’hanno in plastica.

Autonomia: Uno dei punti di forza più apprezzati è l’autonomia della batteria, che surclassa di gran lunga la media tenuta dalle fotocamere istantanee prodotte dalla concorrenza.

 

Contro

Prezzo: Il suo costo è veramente notevole, al punto da dissuadere del tutto chi non ha una forte motivazione all’acquisto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Accessori

 

Pellicola Istantanea per Fotocamera

 

Fujifilm Instax Mini Film, Pellicola Istantanea

 

Se siete interessati a trovare dove acquistare la pellicola istantanea per fotocamera, invece, allora vi consigliamo vivamente quella prodotta dalla ditta giapponese Fujifilm per le sue fotocamere della serie Instax.

Questa pellicola, in realtà, è stata sviluppata in maniera congiunta da Polaroid e Fujifilm, ragion per cui è diventata lo standard più diffuso tra tutte le fotocamere istantanee disponibili sul mercato, a prescindere dalla ditta produttrice.

Il vantaggio principale della pellicola Instax Mini Film sta soprattutto nel prezzo, molto più vantaggioso ed economico rispetto a quello delle pellicole prodotte da altre ditte.

Acquista su Amazon.it (€15,99)

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere le migliori fotocamere istantanee?

 

Un fascino intramontabile

Abbiamo già ampiamente discusso di come le fotocamere istantanee siano divenute l’icona di un’era, durante gli anni settanta e ottanta, e di come le stampe immediate, nonostante la loro qualità inferiore, abbiano esercitato un notevole fascino sul pubblico, al punto che molte moderne applicazioni di fotografia digitale, come Instagram per esempio, abbiano sviluppato dei filtri fotografici speciali capaci di dare a qualsiasi foto moderna i colori e l’aspetto sbiadito delle pellicole istantanee.

 

 

Di recente stanno tornando di nuovo in voga quindi, e sono diffuse soprattutto tra i giovanissimi appassionati di fotografia e i cultori di oggettistica vintage.

Ma bisogna fare attenzione perché non sempre le fotocamere istantanee sono disponibili a un prezzo economico, anzi in alcuni casi il loro costo può superare di gran lunga quello di una moderna fotocamera compatta digitale.

 

I prezzi e i differenti formati di stampa

La spesa per l’acquisto di una fotocamera istantanea può oscillare dai 60-80 euro di una Fujifilm Instax Mini 90 fino agli oltre 300 euro della Leica Sofort, tenendo conto che da un estremo all’altro c’è un’ampia varietà di scelta, sia per quanto riguarda la ditta produttrice sia per la tipologia della fotocamera e per il formato delle stampe.

Le più economiche restano ovviamente le fotocamere istantanee del formato Mini, e cioè 46 x 62 millimetri. È bene precisare che quando si parla di formato, nel caso delle istantanee, ci si riferisce sempre, e in maniera specifica, a quello dell’area di stampa. Lo standard Mini da 46 x 62 millimetri, quindi, in alcune fotocamere istantanee rappresenta anche la dimensione massima della stampa, in altre invece, la foto può raggiungere la dimensione complessiva di 54 x 86 millimetri, pur mantenendo la dimensione massima di stampa a 46 x 62 millimetri.

Il formato Polaroid 600, invece, dove la foto è quadrata e mostra la classica cornice bianca, ha un’area di stampa rettangolare di 108 x 88 millimetri; esistono però molti altri formati che sono stati sviluppati in seguito, sia quadrati sia rettangolari. La fotocamera Fujifilm Instax Wide 300, per esempio, utilizza il formato Polaroid 300 che equivale a 62 x 99 millimetri, mentre la fotocamera Instax Square, sempre della Fujifilm, propone il formato quadrato 62 x 62 millimetri.

Uno dei formati attualmente più diffusi, però, è lo standard da 2 x 3 pollici, equivalenti a 50 x 76 millimetri, introdotto con le prime fotocamere istantanee digitali compatte, apprezzate soprattutto dai più giovani.

 

Attenzione al costo delle pellicole

Una ulteriore differenziazione per quanto riguarda i prezzi, è data appunto dal tipo di fotocamera scelta, analogica o digitale, quindi prima di scegliere il modello da acquistare è bene capire innanzitutto quali sono le esigenze da soddisfare.

Se avete intenzione di fare un regalo gradito a un ragazzo o a una ragazza, che siano o meno appassionati di fotografia, allora potreste optare tra due diverse soluzioni: una fotocamera istantanea analogica in formato Mini, andando a spendere orientativamente tra i 60 e gli 80 euro, oppure, sempre nello stesso formato, una fotocamera istantanea digitale compatta, con un’ampia scelta di modelli disponibili a un prezzo tra i 90 e i 150 euro.

Se invece la fotocamera è destinata a un appassionato di questo genere di fotografia, allora è consigliabile puntare su un modello più “performante” e spostarsi nella fascia di prezzo che va dai 150 ai 300 euro. In questo segmento di mercato, infatti, sono concentrate le fotocamere istantanee migliori, sia come qualità di stampa sia come tecnologia e materiali.

 

 

L’ultima raccomandazione inoltre, e soprattutto nel caso in cui siate voi stessi gli utenti finali della fotocamera, è quella di non dimenticare le successive spese di gestione della stessa, rappresentate in questo caso dall’acquisto delle pellicole. Il costo delle pellicole istantanee infatti è superiore rispetto a quello dei rullini, e varia anche in base al formato di stampa scelto.

Una cartuccia da 10 pellicole Instax in formato Mini costa circa 12 euro, ma il prezzo tende a salire anche al doppio quando si parla del formato Polaroid 600. Quindi non trascurate questo aspetto altrimenti potreste finire col ritrovarvi tra le mani un’ottima fotocamera istantanea, ma essere pesantemente limitati nel suo uso a causa dei costi di gestione non previsti.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona una fotocamera istantanea?

Le nuove fotocamere istantanee sono basate su due diversi principi di funzionamento, seppure identici in principio, in quanto sono state affiancate anche dalla tecnologia digitale.

I modelli analogici continuano a utilizzare le pellicole basate sulla tecnologia dei filtri polarizzanti di Land ma Polaroid, in collaborazione con la ditta giapponese Fujifilm, ne ha messo a punto una nuova versione migliorata, nota come Instax.

Le fotocamere istantanee digitali, invece, si basano sulla tecnologia ZINK, sigla che sta per Zero Ink, e cioè zero inchiostro. La particolarità della versione digitale di queste fotocamere, infatti, è che esse contengono una stampante a colori microscopica che al posto dell’inchiostro usa un processo termico per stimolare i pigmenti cristallini che si trovano sulle omonime pellicole, cioè quelle con denominazione ZINK, al fine di colorarle ed ottenere la stampa fotografica.

 

 

 

Come utilizzare una fotocamera istantanea

 

Un po’ di storia… 

La tecnologia su cui si basa il principio di funzionamento di una fotocamera istantanea è direttamente derivata dagli studi dell’inventore americano Edwin Herbert Land.

Quest’uomo, definito “l’ultimo dei grandi geni”, nel 1929 registrò un brevetto relativo a uno speciale foglio di plastica utilizzato per polarizzare la luce. Questo brevetto, in seguito, ha dato origine a diverse aree di applicazione che hanno portato alla nascita di tutta una serie di nuove attrezzature, a partire dagli occhiali da sole fino ai filtri fotografici e agli attuali schermi a cristalli liquidi, comunemente noti come display LCD.

 

 

Successivamente, nel 1937, Edwin Land fondò la Polaroid Corporation, il cui nome sarebbe presto divenuto sinonimo della fotografia istantanea in tutto il mondo. Il primo prodotto a entrare in commercio, quindi, furono le pellicole istantanee, le quali erano basate appunto sulla tecnologia dei filtri polarizzanti sviluppata da Land.

Le prime pellicole istantanee erano composte da una serie di fogli fotosensibili, ognuno dei quali era ricoperto da una ulteriore pellicola che, nel lato a contatto con il foglio fotosensibile, era impregnata con dei reagenti chimici. Dopo che la pellicola veniva impressionata, doveva essere estratta manualmente dalla fotocamera e, dopo circa un minuto, essere separata sempre a mano dal foglio che conteneva i reagenti, rivelando l’immagine impressa direttamente in positivo, e permettendo di fare a meno della fase di sviluppo del negativo, la quale richiede tempo e l’uso della camera oscura.

Inizialmente Polaroid si concentrò esclusivamente sulla produzione di filtri da applicare agli occhiali da sole e pellicole istantanee, che erano in grado di fare soltanto foto in bianco e nero; Land mise quindi a punto una speciale cartuccia in grado di contenere un certo numero di pellicole e, a partire dal 1948, cominciò la produzione in massa della prima fotocamera istantanea Polaroid: il modello 95.

Successivamente Land perfezionò la tecnologia dei filtri polarizzanti su cui si basavano le pellicole istantanee, approfondì gli studi sulla percezione del colore dimostrando che quest’ultimo non è un fattore esterno ma viene costruito dal cervello, e arrivò finalmente a perfezionare, nel 1963, le prime pellicole istantanee a colori. Fu soltanto nel 1972, però, che venne introdotto sul mercato il nuovo e rivoluzionario modello di fotocamera istantanea con espulsione automatica della pellicola e capace di fare fotografie a colori: la Polaroid SX70.

 

L’evoluzione delle pellicole istantanee 

Il principio di funzionamento delle pellicole istantanee a colori era lo stesso di quelle in bianco e nero, ovviamente, anche se con una diversa composizione dei reagenti. Le ulteriori novità introdotte però, come accennato anche prima, erano la struttura della pellicola stessa, che venne inserita insieme al foglio con i reagenti all’interno di un telaio di plastica: la tipica cornice bianca delle foto Polaroid.

La foto quindi non aveva nessuna pellicola superficiale da rimuovere, grazie a un sistema meccanico inoltre, veniva espulsa automaticamente dalla fotocamera subito dopo lo scatto, per cui non doveva nemmeno essere estratta manualmente.

La Polaroid SX70 e il nuovo formato di pellicole istantanee conobbero un’immediata popolarità che perdurò per tutti gli anni ’70 e ’80, soprattutto grazie alla pubblicità indiretta di molti grandi fotografi dell’epoca, tra cui Andy Warhol, il fotografo tedesco naturalizzato australiano Helmut Newton e il giapponese Nobuyoshi Araki, che si innamorarono a prima vista della SX70 e la utilizzarono in maniera intensiva, nonostante la qualità di stampa della pellicola istantanea non sia mai riuscita a superare quella della pellicola tradizionale.

 

 

I problemi delle pellicole

La maggiore limitazione delle foto istantanee, infatti, è sempre stata la velocità di decadimento della stampa: le foto istantanee sbiadiscono più in fretta rispetto a quelle tradizionali, e i colori virano lentamente al blu. Proprio per questa loro particolarità però, all’inizio degli anni duemila, le foto istantanee sono assurte allo stato di oggetti vintage, e in quanto tali hanno causato un risveglio di interesse da parte del pubblico.

Le fotocamere istantanee, che a partire dagli anni ’90 sembravano ormai essere destinate a scomparire definitivamente dal mercato, soprattutto a causa dell’avvento della tecnologia fotografica digitale, conobbero una nuova primavera e sia Polaroid sia altri noti marchi del settore fotografico, lanciarono nuovi modelli di fotocamere con una tecnologia di stampa istantanea migliorata, seppur condizionata sempre dalla caratteristica del decadimento rapido nel tempo.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...