Xiaomi presenta la sua nuova Soundbar

Ultimo aggiornamento: 23.07.19

 

Se c’è una cosa che si può rimpiangere dei televisori a tubo catodico, sono le casse integrate capaci di trasmettere un audio chiaramente comprensibile. Con il rapido avvento degli schermi piatti, questa caratteristica è stata messa in secondo piano in favore della comodità e dello spazio, oltre che di una qualità d’immagine superiore ormai arrivata addirittura a risoluzioni UHD. Spesso gli utenti si lamentano dell’audio scarso di questi nuovi televisori; non importa quale modello si analizza, uno dei primi difetti che spuntano è proprio la bassa qualità delle casse.

I problemi stanno nel mix tra dialoghi, effetti sonori e colonna sonora e negli sbalzi di volume che difficilmente le due casse di uno schermo moderno riusciranno a gestire. Le diverse ditte che si occupano di home entertainment si stanno ingegnando per trovare soluzioni migliori, ma al momento occorre avvalersi di dispositivi esterni.
I più fortunati che dispongono di un buon budget e soprattutto di molto spazio, si possono permettere un bell’impianto Home Theater con cinque speaker più un subwoofer. Ma cosa può fare la più larga fetta di consumatori?

Probabilmente avrete visto in qualche negozio o magari online le Soundbar. Questi speaker dalla forma oblunga sono fondamentalmente degli amplificatori dell’audio del televisore e sono una buona alternativa agli ingombranti sistemi Dolby. Sono venduti da diverse marche, comprese quelle leader del settore come Sony e Samsung, con prezzi che variano in base alle funzionalità e alla qualità del prodotto.

Se siete interessati all’acquisto di una Soundbar, ma non avete intenzione di spendere troppo, potreste provare un modello di Xiaomi, una ditta cinese produttrice di articoli per l’home entertainment dal buon rapporto qualità-prezzo.

 

Xiaomi Mi TV Speaker

Il 2019 si prospetta un buon anno per Xiaomi grazie a diversi nuovi prodotti tra le quali la Soundbar Xiaomi Mi TV Speaker già presente sul mercato cinese ma che in poco tempo sarà disponibile anche in occidente. Il prezzo di listino del prodotto è estremamente conveniente specialmente se paragonato alle performance di buon livello.

Il miglioramento dell’audio del televisore è assicurato dai componenti interni del prodotto che consistono in due tweeter da 20 millimetri, due woofer da 2,5 pollici per i medi e quattro radiatori passivi per potenziare i bassi. Questi garantiranno un sonoro con volumi più alti unito a vibrazioni da surround prodotte dalle basse frequenze che aumenteranno il coinvolgimento nei film d’azione o nei videogame.

Proprio per questi ultimi, ormai diventati delle produzioni di altissimo livello, la Soundbar potrà tornare molto utile per configurare la console di gioco e trasmettere l’audio attraverso lo speaker esterno. È ideale nel caso si giochi con un monitor Full HD o Ultra HD non provvisto di casse.

Per quanto riguarda la connettività, lo speaker si avvale di Bluetooth per potersi collegare a tutti i dispositivi moderni senza l’utilizzo di cavi. Grazie al Bluetooth inoltre sarà possibile ascoltare musica su smartphone e tablet approfittando della potenza degli altoparlanti di Xiaomi, o magari amplificare l’audio di un video divertente su Youtube.

 

 

Cosa non convince

Parliamo adesso anche dei difetti riscontrati dagli esperti del settore. Partiamo dalle dimensioni del prodotto che, seppur abbastanza ingombranti, occupano comunque meno spazio di un intero impianto Home Theater. Le misure da 830 x 72 x 87 millimetri costringono l’utente a posizionarla su un piano TV abbastanza ampio, mentre il peso di 2 kg la rende pesante per il trasporto.

Un altro problema è l’assenza del telecomando, infatti la Soundbar potrà essere controllata solo tramite la pulsantiera integrata. Questa scelta è stata probabilmente fatta da Xiaomi per ammortizzare ancora di più sul prezzo di vendita, sebbene la pulsantiera risulti molto scomoda e un po’ datata, specialmente se si pensa che le nuove Soundbar presentate da altre ditte integrano l’assistente Google per i comandi vocali.

Un’altra piccola pecca consiste nell’assenza di una porta HDMI per collegare il dispositivo al televisore via cavo. Sebbene la connessione Bluetooth del prodotto sia di buon livello, non potrà mai arrivare alla sicurezza e alla fluidità dello scambio dati di un cavo. Sul retro della Soundbar si troverà comunque un cavo ottico, ma in effetti è raro non trovare una porta HDMI in un dispositivo moderno. Anche questa scelta è stata fatta per il risparmio, come del resto i materiali impiegati per la produzione, non proprio di qualità eccelsa. L’esterno della Soundbar è completamente rivestito di plastica, quindi a meno che non la si tratti ‘coi guanti’ la sua durata nel tempo sarà abbastanza limitata.

 

Tirando le somme

Quindi in conclusione possiamo aspettarci un buon prodotto? Se pensiamo che costa un quarto rispetto alle Soundbar più blasonate, allora si. Non ci si potranno aspettare miracoli e ci si dovrà un po’ adattare per chiudere un occhio sui difetti qui sopra riportati, ma in fin dei conti si può parlare di ottimo speaker ‘entry level’.

 

 

Oltre alla Soundbar (I migliori modelli), Xiaomi lancerà sul mercato anche un televisore chiamato Mi TV LED 4X Pro con risoluzione 4K e supporto HDR, con un pannello a 10 bit superiore a quelli di altri TV che dispongono solo di 8 bit. Sarà dotato di sistema operativo Android TV e anche di Patchwall, un programma creato dalla ditta produttrice. Una volta scoperto il prezzo di questo prodotto, potrebbe essere una buona idea acquistare insieme televisore e soundbar per avere un sistema audio\video completo in casa.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...