Come costruire un amplificatore Wi-Fi

Ultimo aggiornamento: 22.07.19

 

Amplificatori Wi-Fi, cosa sono?

Un amplificatore di rete wireless è un dispositivo che, una volta collegatosi alla rete casalinga, è in grado di estenderne il segnale in modo da permettere una maggiore copertura anche in ambienti dove la ricezione non è delle migliori. Se non avete mai avuto problemi di connessione wireless in casa siete decisamente fortunati perché spesso, sia per disposizione architettonica, sia per materiali isolanti che vengono utilizzati in fase di costruzione, i segnali wireless ne risultano attutiti, rivelandosi incapaci di penetrare un paio di pareti e dando molti grattacapi.

Se vi trovate in una situazione del genere e spostare il modem/router in giro per casa non risolve il problema, potrebbe essere arrivato il momento di usufruire di un amplificatore Wi-Fi, spesso chiamato anche range extender o ripetitore.

 

 

Come scegliere un ripetitore

Per acquistare il prodotto più adatto alle vostre esigenze dovrete innanzitutto analizzare il problema e tenere sempre presente il tipo di connessione che avete. Gli utenti che dispongono di una linea ADSL, per esempio, possono prendere in considerazione dei ripetitori a basso costo, che non essendo dotato di supporto alla linea fibra permettono di essere installati con una spesa minima che non dovrebbe superare le poche decine di euro. Viceversa, chi possiede una linea fibra e ci tiene a mantenere le prestazioni in tutto l’appartamento, dovrebbe acquistare un amplificatore Wi-Fi consono, in grado di supportare la velocità delle nuove connessioni pur spendendo un po’ di più.

Non si tratta però dell’unico elemento importante poiché tutte le connessioni wireless funzionano su determinate frequenze. Le principali sono in realtà due: 2,4 GHz e 5 GHz. Se vi state chiedendo quale sia la differenza tra le due è presto detto: la prima è la prima frequenza standard utilizzata per i dispositivi wireless, ne consegue che oggigiorno è molto affollata ma ha il vantaggio di offrire una vasta copertura, rivelandosi la scelta ideale per chi ha bisogno di collegarsi a una rete Wi-Fi e si trova all’altro capo della casa. La frequenza a 5 GHz, invece, è stata pensata e introdotta per ridurre l’affollamento della precedente e offrire una scelta agli utenti che desideravano una copertura minore ma una elevata stabilità e velocità di connessione. Pertanto la frequenza a 5 GHz è consigliata per notebook e computer desktop dotati di scheda wireless.

L’ultimo dettaglio è invece la semplicità di installazione. Se non siete particolarmente esperti o ferrati in tema di protocolli di rete potreste avere qualche problema in fase di configurazione del dispositivo. Tuttavia, non c’è da temere poiché sul mercato troverete una vasta gamma di ripetitori dotati di un comodo pulsante chiamato WPS, acronimo che sta per Wi-Fi Protected Setup. Se anche il vostro modem/router presenta tale funzione, potrete stabilire una connessione tra i due in modo automatico premendo i due pulsanti: il ripetitore si aggancerà automaticamente al modem e stabilirà una connessione cifrata senza che dobbiate effettuare altre procedure, rendendo immediatamente disponibile l’amplificazione di rete in casa.

 

Come installare un ripetitore

L’installazione di questi dispositivi necessita di piccoli test che vi permettano di stabilire quale sia il luogo migliore. Non c’è da temere poiché sono test effettuabili in qualsiasi momento con un semplice smartphone o tablet a disposizione. Innanzitutto assicuratevi di trovarvi nei pressi del modem e agganciate il vostro dispositivo mobile al router. Adesso muovetevi lentamente in giro per casa, spostandovi di stanza in stanza e attendendo una decina di secondi per controllare le variazioni e le fluttuazioni della connessione Wi-Fi.

Guardate il simbolo a ventaglio in alto a destra sullo schermo del dispositivo e non appena notate un calo evidente, di circa metà del segnale, avrete trovato il luogo ideale per l’installazione del ripetitore. Sconsigliamo di posizionarlo in luoghi dove la connessione è minima perché delle fluttuazioni anche irrisorie potrebbero causare la perdita di segnale tra router e amplificatore, rendendo così il suo utilizzo inutile.

Inserite quindi l’alimentatore nella presa di corrente ed effettuate la procedura di configurazione tramite pulsante WPS o, in alternativa, sfruttando un computer notebook o desktop che sia connesso alla stessa rete. Per accedere al menù di configurazione del ripetitore dovrete aprire una pagina del browser che preferite (Edge, Chrome, Safari e così via) e inserire nella barra di ricerca l’indirizzo IP 192.168.1.1 oppure 192.168.0.1. Vi troverete di fronte al menù del ripetitore dove potrete selezionare la vostra connessione wireless e agganciarvi a essa. In questo modo avrete amplificato la portata della connessione casalinga.

 

Costruire un amplificatore Wi-Fi

Se non avete intenzione di spendere cifre più o meno considerevoli per acquistare un range extender tra quelli venduti sul mercato, è possibile con un po’ di pazienza costruirsene uno amatoriale riciclando alcuni prodotti che potreste avere in casa. Per effettuare tale procedura avrete bisogno di un computer oppure un vecchio router.

Il computer, se dotato di Windows 7 o sistema operativo successivo, può usufruire di un’applicazione chiamata Virtual Router, in grado di offrire la funzione di ripetitore della connessione a cui il dispositivo è collegato.

Dopo aver scaricato il programma ed aver effettuato la semplice installazione, avviatelo e inserite un nome per la rete che volete creare, una password per evitare che malintenzionati possano agganciarvisi e selezionate l’opzione “Shared connection”.

Ora non resta che premere sul pulsante Start Virtual Router e inizierete a ripetere la connessione ampliandone la copertura.

 

 

Usare un router

Se disponete di un router che non utilizzate più, non c’è alcun bisogno di buttarlo via perché può essere utilizzato come range extender semplicemente collegandolo e accedendo al pannello di controllo dello stesso.

Per farlo dovrete accenderlo e far sì che un computer sia collegato a esso, aprire una pagina web e inserire l’indirizzo 192.168.1.1 o 192.168.0.1, ora nel menù che vi troverete davanti dovrete selezionare la funzione hotspot e attivarla, scegliendo la connessione casalinga da ripetere. Dopo aver salvato le impostazioni avrete il vostro ripetitore artigianale senza spendere alcunché.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...