Domande frequenti sugli amplificatori wi-fi

Ultimo aggiornamento: 25.05.24

 

Q1: Cos’è un amplificatore Wi-Fi?

Un amplificatore Wi-Fi è un dispositivo in grado di rimbalzare il segnale che proviene da un router o da un modem, estendendo così di fatto la copertura dello stesso in aree più lontane irraggiungibili dal segnale originario.

È bene notare però che la velocità di connessione sarà comunque inferiore rispetto a quella che si otterrebbe agendo nel raggio d’azione del modem sorgente e l’efficienza di tali dispositivi varia molto anche in base al posizionamento.

Tra i vantaggi riscontrati, invece, vi è la semplicità di utilizzo. Spesso, infatti, una volta configurati la prima volta, non dovrete più effettuare alcun tipo di operazione anche qualora li scolleghiate dalla corrente elettrica.

Potrete impostare delle nuove configurazione solo dopo un reset alle impostazioni di fabbrica.

 

Q2: Amplificatore Wi-Fi: quanti metri?

Come già accennato, il raggio d’azione di questi prodotti dipende da svariati fattori come per esempio la posizione all’interno del proprio appartamento.

Qualora lo installiate in un ampio salotto, non essendoci pareti a bloccare il segnale, avrete una copertura maggiore.

A fare la differenza è anche il materiale delle pareti, se un muro in cartongesso frena meno le onde, uno in mattoni o in pietra si rivelerà molto più complesso da attraversare, causando quindi un calo di segnale anche nel caso in cui sia potenziato da un ripetitore.

Bisogna quindi tenere a mente che non si tratta di apparecchi magici ma necessitano comunque di un po’ di buon senso nel posizionamento.

Q3: Dove posizionare l’amplificatore Wi-Fi?

Per capire dove installare l’amplificatore potrete eseguire delle semplici prove con il vostro smartphone. Innanzitutto collegatevi alla rete Wi-Fi casalinga e iniziate a spostarvi lentamente nelle varie stanze partendo dal modem sorgente.

Nel momento in cui la connessione scende di colpo a circa la metà del segnale avrete trovato un punto idoneo all’installazione.

Molto dipende anche dalla configurazione del vostro appartamento. Dovrete infatti tenere conto anche di eventuali pareti che possono bloccare il segnale ricevuto e anche quello rimbalzato dal ripetitore stesso.

In una casa a due piani, la posizione migliore potrebbe essere la stanza che si trova al di sopra, o al di sotto, del modem sorgente.

 

Q4: Come configurare un amplificatore Wi-Fi Netgear?

La configurazione di tali dispositivi è solitamente molto semplice poiché sono dotati di pulsante WPS, un acronimo che sta per Wi-Fi Protected Setup.

Tramite la pressione di questo tasto sull’amplificatore e sul modem/router sorgente potrete effettuare il pairing automatico senza dover intervenire manualmente nella pagina di configurazione.

Il discorso è leggermente diverso se invece volete sfruttarli come access point o router principali. In tal caso è innanzitutto necessario collegarli alla rete casalinga tramite l’apposito cavo LAN.

In seguito, agganciando un PC o uno smartphone dovrete accedere alla pagina di configurazione dello stesso, solitamente tramite l’indirizzo 192.168.1.1 da inserire nel vostro browser.

Verranno dunque richiesti username e password, che potrete trovare nel manuale incluso con il dispositivo o sull’etichetta al di sotto dello stesso.

Una volta effettuato l’accesso potrete configurare la linea internet inserendo le informazioni fornite dal vostro provider e altri dettagli opzionali come l’impostazione di regole del firewall o indirizzi IP univoci per tutti i vostri prodotti wireless.

Un elemento da tenere a mente è che non tutti i ripetitori hanno tali funzioni, verificatele dunque attentamente nelle nostre recensioni o nelle schede tecniche prima di acquistare un prodotto che non sia in linea con le vostre esigenze.

 

Q5: Come configurare un amplificatore Wi-Fi TP-Link?

Per poter configurare un prodotto TP-Link dovrete seguire alcuni passaggi che vi illustreremo chiaramente.

Innanzitutto è importante scegliere la posizione migliore per il vostro amplificatore, identificarla richiede un po’ di pazienza e qualora non siate esperti potete leggere le nostre indicazioni a riguardo più sopra.

Una volta trovato il punto idoneo dovete collegare il ripetitore alla corrente elettrica.

Una volta in funzione esistono diversi modi per accedere alla configurazione: tramite WPS, ovvero Wi-Fi Protected Setup, una procedura automatica estremamente semplice, o con configurazione tramite browser.

Per procedere con la connessione WPS è importante ricordare che avrete bisogno di un modem/router sorgente dotato di tale possibilità, facilmente identificabile qualora sul prodotto vi sia un pulsante con l’omonima dicitura.

In caso affermativo premete il pulsante su entrambi i dispositivi e aspettate che le luci LED si stabilizzino per poter iniziare a usare la connessione internet anche in luoghi dove prima era inaccessibile.

Se siete costretti a usare la configurazione tramite browser non temete. Collegate il vostro computer all’amplificatore tramite cavo LAN e aprite il vostro browser internet predefinito.

Inserite dunque nella barra di ricerca l’indirizzo 192.168.1.1 e vi apparirà una finestra che chiede l’inserimento di nome utente e password.

Entrambe le informazioni le potete trovare nel manuale fornito con il prodotto o sull’etichetta posizionata nella parte inferiore o sul retro.

Ora dovreste avere accesso al menu principale dove potrete selezionare la rete Wi-Fi da amplificare impostando un nome e una password che possono, qualora lo desideriate, coincidere con la rete principale.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI