La migliore cassa amplificata

 

Casse amplificate – Opinioni, analisi e guida all’acquisto 2019

 

Se non sapete come scegliere una buona cassa amplificata tra i prodotti venduti online, non disperate. La nostra guida ha lo scopo di illustrare pregi e difetti dei migliori dispositivi sul mercato, per permettervi di effettuare un’attenta comparazione e scegliere autonomamente la cassa più adatta alle vostre esigenze. Per chi non avesse tempo di leggere le recensioni per intero, dando un’occhiata alla nostra tabella comparativa, che potete trovare più in basso, noterete subito che i prodotti più apprezzati, rispettivamente in prima e seconda posizione, sono: Ibiza PORT8VHF-BT-WH, semplice da portare con sé grazie alla maniglia estendibile e le due ruote poste nella parte inferiore e M-Audio AV 42, una coppia di casse attive da scrivania per chi vuole godersi al meglio film e videogiochi.

 

Opinioni sulle migliori casse amplificate 

 

Una cassa amplificata rappresenta la scelta migliore per tutti quegli utenti che amano la musica e non perdono occasione per dare una festa con gli amici, sia essa in casa o all’aperto.

Per capire però quale cassa amplificata comprare bisogna valutare attentamente tutte le caratteristiche come la semplicità di trasporto, la grandezza, la compatibilità con altri dispositivi. Le offerte che troverete nella nostra lista spaziano da prodotti con prezzi bassi a quelli più avanzati tecnologicamente e di conseguenza dal costo più elevato, potrete così selezionare quello più in linea con le vostre esigenze. La classifica delle migliori casse amplificate del 2019, che trovate più in basso, è stata realizzata prendendo in considerazione i pareri degli utenti in merito ai prodotti più venduti, ci è stato così possibile recensirli in modo attento e preciso.

 

Prodotti raccomandati

 

Casse amplificate FBT

 

FBT X Lite 12 A

 

FBT è un marchio made in Italy produttore e distributore di dispositivi audio di alto livello. Il modello che presentiamo in questa guida è nello specifico un diffusore professionale attivo dotato di ben 1.000 watt di potenza che gli permettono di arrivare a 127 dB.

È un prodotto che si può utilizzare in ambito musicale in uno studio o in contesti live, infatti grazie ai due canali LF ed HF ad alta dinamica si riuscirà ad ottenere una diffusione audio precisa e piacevole anche ad alti volumi. L’alimentatore universale ad alta efficienza è stato studiato apposta per adattare il timbro del diffusore a diverse situazioni di utilizzo e sarà possibile cambiare i preset per settare le basse frequenze e l’equalizzazione dinamica.

È un prodotto molto ingombrante dal peso di 44 kg, quindi per trasportarlo occorrerà più di una persona e magari anche un carrello. Per questo le casse amplificate FBT non sono proprio adatte per un utilizzo domestico viste le loro dimensioni.  

 

Pro

Professionale: Ideale per registrazioni in studio o esibizioni dal vivo, questa cassa amplificata promette prestazioni elevate e di livello professionale.

Potente: Con 1.000 watt sarà possibile arrivare a volumi molto alti, ma grazie ai due canali LF e HF ad alta dinamica si otterrà una buona precisione sonora in qualsiasi contesto.
Preset: Con l’alimentatore universale ad alta efficienza si potrà adattare la cassa a diverse situazioni e cambiare il preset per le basse frequenze e l’equalizzazione.

Materiali: FBT è una garanzia per quanto riguarda la qualità dei materiali e dei componenti dei suoi prodotti e questo non fa eccezioni.

 

Contro

Dimensioni: Non è proprio un prodotto pratico da trasportare visto il suo peso di 44 kg e le sue dimensioni piuttosto ingombranti.

 

 

 

 

Casse amplificate bluetooth

 

Ibiza PORT8VHF-BT-WH

 

La prima cassa amplificata che prendiamo in esame è prodotta dal brand Ibiza, si tratta di un apparecchio facile da trasportare nonostante le sue dimensioni importanti e il peso di 9 kg circa grazie a due ruote e una maniglia telescopica. Potrete quindi trascinare la cassa come se fosse un trolley da viaggio.

Per quanto riguarda invece la potenza, può fare affidamento su 200 watt RMS o 400 watt massimi che potrebbero però alterare il suono con eventuali distorsioni. Ottima la possibilità di collegare altri dispositivi, è presente infatti un lettore USB per file MP3 e WMA, uno slot per schede SD e un modulo bluetooth per gli utenti che hanno tutta la musica preferita su smartphone e non utilizzano supporti fisici esterni.

L’unico appunto che gli utenti hanno fatto è relativo alla qualità dei microfoni inclusi nella confezione, ritenuta estremamente bassa. La cassa amplificata Ibiza si rivela un buon acquisto con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Se avete intenzione di usare i microfoni, però, dovrete necessariamente provvedere a un acquisto separato.

 

Pro

Connettività: Potrete collegare alla cassa sia dispositivi esterni tramite USB, come per esempio una chiavetta o un hard disk, sia schede SD grazie all’apposito slot.

Trasporto: Nonostante il peso di 9 kg potrete facilmente portarla sempre con voi grazie a una maniglia telescopica a scomparsa e le due ruote presenti sul fondo della cassa.

Potente: Con 200 watt RMS potrete contare su una cassa performante e priva di distorsioni che avvengono solo se si utilizza la potenza massima, ovvero 400 watt.

 

Contro

Microfoni: Nella confezione è possibile trovarne due, tuttavia entrambi sono di qualità scarsa come sostengono alcuni dei consumatori che hanno avuto modo di provarli.

 

 

 

 

Skytec SPJ1200ABT

 

L’ultimo prodotto della nostra lista è proposto da Skytec, si tratta di una cassa attiva amplificata con sub/midwoofer da 38 centimetri e tweeter a compressione con una potenza massima di 800 watt.

Tra i vantaggi troviamo la possibilità di interfacciarsi sia con supporti USB che SD per riprodurre file MP3 o sfruttare il modulo bluetooth integrato per collegare smartphone e tablet.

Sul retro è presente un display LCD per visualizzare immediatamente la traccia in esecuzione e anche una piccola pulsantiera per gestire i file su supporti fisici.

Per il trasporto è presente una maniglia con ansa nella parte superiore e due piccole ruote in quella inferiore, potrete quindi trascinarla facilmente senza troppi problemi.

Le caratteristiche del prodotto rendono questa cassa una delle migliori in vendita sul mercato, l’unico limite è rappresentato dal prezzo, leggermente più elevato rispetto a quanto visto nelle prime posizioni.

 

Pro

Wattaggio: La cassa offre una potenza di 400 watt RMS fino a un massimo di 800 watt, soddisfacente per chi cerca un prodotto dal suono esplosivo.

Ingressi: Grazie a uno slot USB e uno per schede SD potrete selezionare facilmente la vostra musica preferita tramite un comodo selettore con schermo LCD.

Bluetooth: Essendo dotata di connessione senza fili potrete connettere uno smartphone o un PC per riprodurre le tracce musicali.

 

Contro

Design: Dal punto di vista estetico la cassa di Skytec non offre una grande innovazione, presentandosi anzi molto basilare e monotona.

 

 

 

 

Casse amplificate JBL

 

JBL Control One

 

Le casse amplificate JBL stanno riscuotendo un certo successo nell’ambito dell’intrattenimento audio grazie ad una qualità di suono e al prezzo accessibile. Uno dei vantaggi principali dei due speaker sta nel design compatto che permette di posizionarli ovunque in casa, anche sulla scrivania.

Nel caso invece si voglia creare un impianto di diffusione audio in un negozio o magari per allestire un sistema Home Theater in casa, sarà possibile installarle al muro grazie al sistema di montaggio incluso nella confezione.

Le prestazioni del prodotto sono di buon livello, con 200 watt e una risposta di frequenza che va dai 50 ai 20 khz. Teniamo conto che non si tratta di un prodotto professionale, quindi non possiamo certo aspettarci miracoli. Infatti sebbene alti e medi si rivelano molto nitidi, per i bassi è consigliabile abbinarle ad un subwoofer.

 

Pro

Qualità-prezzo: Come sempre JBL si distingue per dei prodotti ‘entry level’ di ottimo livello venduti a prezzi ridotti. Queste casse in particolare sono ideali per chi vuole diffondere l’audio in un ambiente senza spendere troppo.

Pratiche: Le dimensioni compatte delle casse consentono di sistemarle ovunque in casa senza ingombrare troppo spazio, inoltre sarà possibile montarle a parete.

Potenti: Nonostante le dimensioni, le casse arrivano a 200 watt di potenza ed hanno una buona risposta di frequenza che va dai 50 ai 20 khz.

Frequenze: Sugli alti e sui medi si comportano molto bene, garantendo una riproduzione audio di buon livello.

 

Contro

Bassi: Come molte casse ‘entry level’ con un piccolo woofer integrato, anche queste peccano un po’ sui bassi. Il problema è risolvibile collegandole a un subwoofer potente.

 

 

 

 

Casse amplificate Proel

 

Proel WAVE 10 A

 

Se state cercando casse amplificate professionali per allestire una sala prove, uno studio di registrazione o una sala concerti potreste optare per questo modello. Il prezzo accessibile consente di acquistarne più di un diffusore per coprire tutto l’ambiente. Sebbene il costo sia ridotto, il prodotto si fa rispettare per la sua qualità di materiali robusti che garantiscono solidità e durevolezza nel tempo.

Si rivela molto versatile grazie al lettore multimediale con porta USB, slot SD e connessione audio Bluetooth grazie alla quale si potrà utilizzare anche per riprodurre la propria libreria musicale su smartphone o tablet. Proprio per questo alcuni utenti lo hanno acquistato per utilizzarlo in casa, sebbene le sue dimensioni non siano proprio compatte. Le casse amplificate Proel si potranno sfruttare anche per collegare una chitarra acustica o classica per un concerto.

 

Pro

Qualità-prezzo: Proel è riuscita a creare delle casse con materiali solidi e robusti ammortizzando i costi e portandole sul mercato ad un prezzo molto conveniente.

Versatili: Si possono utilizzare in concerti live, sale prove, studi di registrazione e anche in ambito domestico. Sarà inoltre possibile collegare chitarre classiche e acustiche per amplificare il suono.  

Connettività: Dotata di porta USB, slot SD e connessione Bluetooth, la cassa si potrà facilmente abbinare a dispositivi portatili come smartphone e tablet per ascoltare musica.

 

Contro

Dimensioni: Non sono proprio le casse più pratiche e comode sul mercato, specialmente se  pensiamo al peso di ben 15 kg.

 

 

 

 

Casse amplificate professionali

 

MPE – Coppia casse professionali

 

Il prezzo delle casse amplificate MPE non è tra i più convenienti, ma trattandosi di speaker professionali di alta qualità lo si può giustificare. Arrivano ad un massimo di 1.000 W distribuiti in modo omogeneo tra le varie frequenze, mentre all’interno un piccolo woofer da 15’’ si occuperà di potenziare i bassi.

I collegamenti posteriori permettono il collegamento ad un mixer, al microfono e ad altre casse, così sarà possibile utilizzare le casse per esibizioni dal vivo, sale prove e studi di registrazione.

Il suono è di ottimo livello, specialmente quello dei bassi che risultano profondi e precisi. Il box esterno in ABS protegge le casse da eventuali urti o cadute, tenendo al sicuro i componenti interni dai danni. Visto il prezzo e le dimensioni piuttosto ingombranti sono un po’ meno adatte per un utilizzo domestico, per il quale consigliamo altri prodotti.  

 

Pro

Qualità: Il suono delle casse MPE si distingue per i suoi bassi precisi, potenti e rotondi alimentati da un woofer da 15’’ interno che elimina la necessità di collegarle ad un subwoofer.

Potenti: Con ben 1.000 W, le casse sono adatte per esibizioni dal vivo e per montarle in una sala prove o in uno studio di registrazione professionale.

Materiali: I componenti interni di qualità sono protetti dal box esterno in ABS che, oltre a tenerli al sicuro, protegge le casse da urti e cadute.

 

Contro

Prezzo: Non sono molto economiche, infatti se non state cercando un prodotto professionale per la vostra attività musicale vi consigliamo di guardare altre casse presentate in questa guida o sul nostro sito.

 

 

 

 

Casse amplificate attive

 

M-Audio AV 42

 

Chi è alla ricerca di un paio di casse attive italiane da usare in concomitanza con il proprio computer, potrebbe prendere in considerazione il prodotto di M-Audio, dal design nuovo e che ben si addice a qualsiasi tipologia di arredamento.

Il woofer è in polipropilene rivestito da 4 pollici, circa 10 centimetri, per fornire dei bassi accurati ed equilibrati, con un’amplificazione di classe A/B da 20 watt per canale.

I tweeter hanno una cupola in seta da 2,5 centimetri e sono schermati magneticamente per fornire alti chiari e cristallini.

Il collegamento a una console da DJ è semplice grazie a due ingressi RCA posti sul retro delle casse, mentre l’ingresso ausiliario per jack da 1/8” permette di collegarle a laptop, lettori MP3, smartphone e tablet per godersi al meglio la propria musica preferita.

Meno convincente è l’impossibilità di regolare il volume del subwoofer che potrebbe sovrastare così gli alti con bassi eccessivamente potenti.

AV 42 rappresenta la scelta migliore per tutti gli acquirenti che sono alla ricerca di un paio di casse da usare con il proprio computer, per godersi film e videogiochi al meglio. Per capire dove acquistare il prodotto non dovete far altro che cliccare sul link sottostante.

 

Pro

Compatte: La coppia di casse è di dimensioni contenute e possono essere posizionate facilmente nei pressi della propria postazione computer.

Console: Possono essere collegate anche a una console da DJ grazie alla presenza di due ingressi RCA sul retro.

Installazione: Il setup è reso semplice da pattini anti risonanza che prevengono lo slittamento delle casse e dalla luminosità dei LED che aiutano l’utente a individuare la posizione più corretta per ottenere una buona resa audio.

 

Contro

Subwoofer: Non potrete regolarne il volume per evitare che i bassi sovrastino gli alti e i medi, costringendovi a intervenire invece sull’equalizzazione.

 

 

 

 

Casse amplificate per karaoke

 

Gemini ES 8 P

 

A seguire troviamo la cassa amplificata a due vie di Gemini, con una potenza in uscita di 75 watt RMS e un picco massimo di 300 watt. Si rivela il prodotto più economico della nostra lista per il suo aspetto estremamente basilare e privo di fronzoli. La cassa in questione si rivela adatta per l’utente medio che non deve farne un uso particolarmente complesso e vuole semplicemente avere un diffusore musicale dalla discreta potenza per organizzare una festa in casa.

Se siete dei DJ o comunque avete a che fare ogni giorno con apparecchiature musicali di un certo livello potrebbe non essere l’articolo più adatto alle vostre esigenze.

Chi ha avuto modo di provarlo sostiene che può essere utilizzato anche per karaoke con l’aggiunta di qualche microfono da acquistare però separatamente.

La cassa proposta da Gemini non entusiasma dal punto di vista delle specifiche tecniche tuttavia a convincere è sicuramente il prezzo concorrenziale, che la rende alla portata degli utenti che vogliono spendere quanto meno possibile.

 

Pro

Leggera: La cassa, rispetto ad altri prodotti presenti in classifica, ha un peso estremamente ridotto di circa 7 kg, fattore che ne rende semplice il trasporto.

Costo: Si tratta di uno dei prodotti più economici della nostra lista, rivelandosi ideale per tutti gli utenti che non vogliono spendere cifre importanti.

Karaoke: Acquistando dei microfoni, venduti separatamente, è possibile usufruire della funzione karaoke della cassa, per divertirsi a cantare le proprie canzoni preferite con amici e parenti.

 

Contro

Ingressi: Mancano degli slot USB e per schede SD in grado di rendere semplice la riproduzione della propria musica preferita.

 

 

 

 

Casse amplificate MPE

 

MPE DJ-10AL

 

Salendo di prezzo troviamo questo paio di casse acustiche amplificate di MPE, pensate appositamente per restituire una elevata potenza per utilizzi professionali. Il valore watt RMS è pari a 250 ma può salire a un massimo di 500, tenendo conto però che ciò comporta anche delle distorsioni del suono.

Le casse possono essere anche spostate semplicemente grazie a un’ansa con maniglia che vi permetterà di caricarle in auto o trasportarle a mano senza il rischio di farle cadere accidentalmente. I consumatori che hanno avuto modo di provarle si rivelano sorpresi dell’ottimo rendimento, anche in sale da oltre 300 metri quadri.

L’unico dettaglio che potrebbe far storcere il naso a qualche acquirente è il prezzo, rivelandosi quindi poco adatte a chi è alla ricerca di un articolo dal costo contenuto.

Gli utenti alla ricerca di un paio di casse amplificate italiane che abbiano una notevole potenza dovrebbero prendere in considerazione il prodotto di MPE, pensato appositamente per utilizzi semi-professionali.

 

Pro

Potenti: Con 250 watt RMS le casse MPE si rivelano efficienti, secondo quanto riferiscono i consumatori, anche in ambienti ampi da oltre 300 metri quadri.

Trasporto: La coppia di casse è dotata di maniglia nella zona laterale per permettervi di portarle facilmente con voi limitando il rischio di danneggiarle in seguito a cadute accidentali.

Amplificazione: Sia il woofer sia il driver sono amplificati separatamente, per avere basse distorsioni e suoni più limpidi.

 

Contro

Costo: Non si tratta di un prodotto adatto a chi ha un budget limitato dal momento che le casse hanno un prezzo che potremmo definire impegnativo.

 

 

 

 

Come scegliere le migliori casse amplificate?

 

Dimensioni

Avete visto un paio di casse amplificate molto potenti e volete subito fiondarvi ad acquistarle? Vi consigliamo prima di dare un’occhiata alle dimensioni e al peso del prodotto, diffidando dell’immagine della pagina del negozio dalle quale è difficile capire questi fattori. Verificate sempre le specifiche che vi aiuteranno a capire se vi conviene o meno acquistare casse molto ingombranti.

Considerate sempre che le casse amplificate di dimensioni più grandi sono quelle adibite ad un utilizzo professionale, infatti il peso eccessivo ne prevede un sollevamento da più persone ed il trasporto richiede un carrello. Se siete dei professionisti o amatori nel campo della musica e volete acquistare una di queste casse, vi consigliamo di chiedere aiuto ai vostri collaboratori in studio o agli altri membri della band per poterle sistemare in studio o in sala prove senza fare troppi sforzi.

Per un utilizzo domestico vi suggeriamo di optare per casse più pratiche e di dimensioni ridotte, così le potrete sistemare dove vorrete in casa, magari per creare un impianto Dolby Surround. Per locali o attività commerciali invece possiamo suggerire casse che si possono montare a muro, in modo da diffondere musica senza ingombrare spazio vitale per i clienti.

 

 

Potenza

Allo stesso modo delle dimensioni, anche la potenza di un prodotto dev’essere valutata con una certa attenzione. Si può infatti cadere in tentazione ed acquistare una cassa amplificata da 1.000 watt che però in casa non riusciremo mai a sfruttare pienamente. Queste sono indicate per sale prove, studi e locali adibiti per esibizioni live, visto che anche a volumi molto alti non ci saranno distorsioni e il tutto sarà più comprensibile dagli ascoltatori e soprattutto dal tecnico del suono.

Per l’utilizzo domestico invece le sconsigliamo, specialmente se vivete in un condominio. Dopotutto anche se insonorizzate la stanza dove volete posizionare la cassa, se proverete a sfruttare il massimo della potenza potreste riportare danni all’udito. Per la diffusione audio domestica o in un locale possono andare bene casse da 200 watt, magari collegate a un buon subwoofer per esaltare i bassi.

 

Qualità

La qualità audio delle casse amplificate cambia a seconda dei materiali e dei componenti con le quali sono state composte. Solitamente una cassa amplificata professionale da 1.000 watt riuscirà a distribuire la giusta potenza tra tutte le frequenze, inoltre sono dotate di un woofer interno che permette di potenziare i bassi rendendoli rotondi e precisi. Parlando di casse entry level da 200 watt adibite ad un utilizzo domestico, queste si possono comportare molto bene su frequenze medie e alte, mentre nella maggior parte dei casi avranno dei bassi poco incisivi.

Per migliorare la qualità di questa frequenza non resta che procurarsi un buon subwoofer al quale collegarle. Tenete sempre conto che i bassi sono la frequenza più difficile da rendere con qualità a causa delle distorsioni e delle vibrazioni provocate, per questo una cassa amplificata con degli ottimi bassi costerà più delle altre. Oltre ai componenti interni e al suono, fate caso anche alla composizione della cassa all’esterno.

I prodotti di buon livello solitamente sono costruiti con dei materiali resistenti e solidi che assicurano durevolezza nel tempo. Se volete acquistare una cassa per concerti o sale prove e quindi sarete costretti a spostarla di tanto in tanto, sceglietene una con protezione ABS in modo che anche in caso di caduta non subisca danni irreparabili.

 

Connettività

Rispettando gli standard moderni, alcune casse professionali e non sono dotate di porte USB, slot SD e connettività Bluetooth che permettono la riproduzione audio digitale. Questo torna molto utile per suonare su una base che avete sullo smartphone o semplicemente per riprodurre tutta la vostra libreria musicale.

 

 

Chitarra

Alcune casse si possono collegare alla chitarra per amplificare il suono. Le chitarre classiche e acustiche si potranno connettere allo speaker tramite un jack (se ne sono dotate) o magari direttamente al mixer che passerà il suono alla cassa.

Per le chitarre elettriche questo sistema non è molto consigliato, a meno che non disponiate di un dispositivo da utilizzare come se fosse un preamplificatore, come ad esempio una pedaliera. In questo modo riuscirete a regolare la distorsione e il suono, facendo passare direttamente tutto dal mixer e risparmiandovi la fatica di trasportare testata e cassa quando siete in tour o dovete andare a suonare fuori città.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come collegare casse amplificate al mixer?

Vi siete procurati un buon mixer, ma non sapete come collegare le casse amplificate appena acquistate? Niente paura, il collegamento tra i due dispositivi è molto semplice, le uniche cose di cui dovrete sincerarvi sono gli ingressi e le uscite, sia del mixer sia delle casse.

Alcuni modelli dispongono di uscita cannon tripolare (conosciuta anche come XLR) o jack da 6,3 mm (conosciuto anche come ‘line in’), quindi a seconda di questo fattore dovrete procurarvi il cavo adatto. È anche possibile che entrambe le opzioni siano disponibili, in questo caso consigliamo l’utilizzo di un cavo cannon tripolare (XLR) per la sua connessione meccanica più stabile e sicura.

 

Come collegare casse amplificate al PC?

Il collegamento delle casse amplificate al PC dipende molto dal tipo di speaker che volete acquistare e dalla scheda sonora di cui è dotato il vostro dispositivo. Se avete un portatile vi dovrete limitare all’uscita delle cuffie ed utilizzare delle piccole casse adibite all’utilizzo domestico. Una buona soluzione per provare a collegarvi degli altoparlanti più potenti è quella di comprare una scheda sonora esterna che dispone di connessioni coassiali, jack e ‘line in’.

La stessa cosa vale se possedete un PC fisso, sebbene alcune schede sonore interne possono avere vari ingressi per il collegamento canon o jack delle casse. Nel caso vogliate utilizzarlo in sala prove per riprodurre basi musicali, la migliore soluzione è quella di collegarlo al mixer insieme alle casse per far trasferire il segnale audio direttamente agli speaker.

 

Dove comprare casse amplificate

Le casse amplificate si possono acquistare in ogni negozio di strumenti musicali. Solitamente si troverà una sezione dedicata all’amplificazione, dove potrete trovare una buona selezione di speaker e subwoofer. Se invece volete mettere su un impianto Home Theater allora potrete puntare su un negozio di elettronica dove vi potrete far consigliare da un addetto alle vendite esperto del settore.

Se preferite acquistare online, avrete davvero l’imbarazzo della scelta. Prima di comprare un prodotto però documentatevi leggendo guide all’acquisto, forum e recensioni per farvi un’idea migliore di quale può essere quello adatto alle vostre esigenze.

 

Come collegare 2 casse amplificate?

Dipende dalla tipologia di cassa. Alcuni modelli vengono venduti con il cavo di collegamento integrato, quindi non ci sarà bisogno di comprarne uno a parte. Questa soluzione viene spesso adottata per i modelli di piccola dimensione per PC, televisori o altri dispositivi domestici. Per quanto riguarda le casse amplificate più grandi, richiedono la connessione tramite un cavetto jack che spesso viene fornito dalla ditta, altrimenti andrà acquistato a parte.

 

Come costruire casse amplificate?

Gli appassionati di fai da te hanno trovato diversi modi pratici per costruire una rudimentale cassa amplificata utilizzando delle semplici tavolette di legno, altoparlanti, un alimentatore ed un amplificatore. I componenti acquistati avranno un prezzo complessivo decisamente inferiore all’acquisto di una cassa amplificata di marca, inoltre darà grande soddisfazione trovarsi con uno speaker funzionante in casa costruito con le proprie mani.

Sul pannello posteriore andranno inserite le parti elettroniche per poter effettuare tutti i collegamenti con woofer e subwoofer. Questi si dovranno collegare all’amplificatore e all’alimentatore in modo da dare loro potenza. Assicuratevi di avere viti e avvitatore per poter montare bene le tavolette di legno tra di loro e fissare l’elettronica.

 

 

 

Come utilizzare le casse amplificate

 

Un buon paio di casse amplificate può cambiare la vostra esperienza uditiva per l’ascolto di musica e per l’audio di film e videogame. Inoltre sono indispensabili per allestire una sala prove o un locale adibito ai live e se accoppiate con un buon mixer possono davvero fare la differenza. Il loro utilizzo può variare a seconda delle esigenze, inoltre vanno considerati una serie di fattori importanti che possono determinare l’acquisto di un modello.

Tenete sempre in considerazione il vostro budget e soprattutto le vostre necessità che saranno determinanti nella scelta.

 

 

In sala prove

Se siete dei neofiti nel mondo della musica e avete la fortuna di poter allestire una vostra sala prove personale con la vostra band, magari vi starete chiedendo a cosa possono servirvi delle casse amplificate dato che avrete già amplificatori e batteria. Prima di tutto senza casse amplificate e un mixer sarà impossibile utilizzare un microfono, quindi a meno che non siate un gruppo strumentale è bene procurarsi questi dispositivi.

Oltre alla voce è sempre bene avere almeno un paio di speaker in saletta nel caso qualcuno dei musicisti voglia collegarsi al mixer per suonare (i bassisti ogni tanto lo fanno), inoltre potreste avere delle basi musicali sulle quali allenarvi per le quali sarete costretti collegare anche il vostro laptop al mixer. Quest’ultima soluzione è imperativa per i DJ che altrimenti non avrebbero alcun modo di amplificare il suono delle playlist o dei vinili.

 

In casa

L’uso domestico delle casse amplificate è spesso limitato al miglioramento del suono del laptop, PC o della televisione. Gli speaker per laptop sono di piccole dimensioni e sono abbastanza compatti, inoltre si potranno utilizzare anche con televisori e PC Desktop. Nel caso invece vogliate allestire un impianto Home Theater, allora vi servirà anche un buon subwoofer e delle casse da poter sistemare nella stanza per creare l’effetto surround.

Ci sono anche casse che dispongono di connettività Bluetooth e porte USB per l’ascolto di musica multimediale, queste sono particolarmente pratiche perché consentono di collegare il proprio smartphone o tablet e ascoltare la propria libreria musicale. Quando comprate casse per il vostro appartamento vi consigliamo di non esagerare con il wattaggio.

 

 

Concerti

Non si può organizzare un concerto di musica moderna senza delle casse amplificate. Queste oltre a fungere da amplificatore al microfono, possono riprodurre eventuali basi musicali, possono tornare molto utili per collegare chitarre acustiche o classiche per aumentare il volume del suono.

Nel caso vogliate allestire un palcoscenico per delle band rock, hard rock o heavy metal sarà necessario posizionare delle casse adibite a ‘spia’. Le ‘spie’ permettono ai musicisti di sentire gli altri strumenti e sono indispensabili quando si suona ad alti volumi. Il cantante potrebbe voler sentire di più la chitarra per le linee melodiche, mentre invece un chitarrista avrà bisogno dell’altra chitarra in spia nel caso ci siano assoli o armonizzazioni.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...