Il miglior home theatre

Ultimo aggiornamento: 17.06.19

 

Home Theatre – Opinioni, analisi e guida all’acquisto 2019

 

Guardare film e serie TV come se foste al cinema è possibile grazie a un impianto home theatre, che migliori il suono. Considerate i modelli presenti in commercio, che possono avere un prezzo concorrenziale oppure costringervi a una spesa importante: qual è quello più adatto alle vostre esigenze? Le dimensioni sono determinanti per garantire il minimo ingombro all’interno di una stanza piccola. La nostra guida può fornirvi dei suggerimenti per aiutarvi a prendere la giusta decisione. Datele un’occhiata e, intanto, considerate anche quali sono i prodotti che ci hanno convinto maggiormente. Samsung HW-K450 ha il vantaggio di essere venduto a un prezzo concorrenziale e di disporre di una funzione wireless che permette di non utilizzare cavi per installarlo. Ci è piaciuto anche Yamaha YHT-1840 Kit Home Cinema 5.1, un modello composto da cinque satelliti e da un subwoofer e il cui sintoamplificatore è in grado di gestire anche il segnale video con risoluzione 4K.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Opinioni sui migliori home theatre

 

Se siete alla ricerca degli home theatre migliori in vendita sul mercato, vi invitiamo a leggere la nostra guida che vi aiuterà a selezionare il prodotto più adatto alle vostre esigenze. Abbiamo analizzato le offerte più interessanti in seguito all’analisi dei commenti degli acquirenti, evidenziando in tal modo pro e contro di ogni dispositivo per creare una lista dalla quale poter scegliere autonomamente.

 

Prodotti raccomandati

 

Home Theatre Wireless

 

Samsung HW-K450

 

Per molti utenti il miglior home theatre del 2019 è senza dubbio alcuno quello di Samsung, sia per le sue funzioni, sia per la possibilità di scegliere la potenza di uscita tra 220, 300 e 500 watt a un prezzo molto concorrenziale.

I vantaggi principali sono l’assenza di cavi, che permette di collegare il sistema ancora più facilmente al televisore, e la gestione tramite Bluetooth, che garantisce di accendere e spegnere il prodotto comodamente anche dal cellulare.

Buona la qualità audio, che però non brilla per prestazioni superiori che, probabilmente, non è lecito attendersi da un apparecchio in questa fascia di prezzo.

 

Pro

Disponibilità: Potrete scegliere uno tra i modelli presenti in commercio, tra quelli con potenza in uscita da 220, 300 e 500 watt, per contenere ancora di più le spese.

Wireless: L’assenza di cavi da collegare, permette non solo di avere un angolo più pulito in casa, ma anche di installare il sistema in poco tempo.

Bluetooth: Grazie a questa funzione sarà possibile controllare tutte le funzioni tramite il cellulare, senza che ci sia la necessità di utilizzare un telecomando.

 

Contro

Qualità audio: Si tratta di un fattore considerato sufficiente ma non eccezionale da chi si aspettava di più da questa soundbar.

Acquista su Amazon.it (€148,9)

 

 

 

Home Theatre 5.1

 

Yamaha YHT-1840 Kit Home Cinema 5.1

 

La riflessione su quale home theatre comprare diventa più ardua se pensiamo a questo prodotto di Yamaha, di certo non il più economico, ma uno dei più validi in comparazioni ad altri modelli simili.

Composto da un subwoofer e cinque diffusori, assicura una qualità audio che prevede anche dei bassi molto appaganti, oltre che permettere di controllarli, per adattarli ai propri gusti. Può riprodurre anche filmati, visto che dispone di diversi ingressi, in qualità 4K e senza sbavature.

I cavi inclusi nella confezione non sono di una lunghezza accettabile, secondo alcuni utenti, che non gradiscono anche la mancanza di compatibilità con decodifiche audio recenti.

 

Pro

Elementi: Quelli che compongono questo sistema home theatre sono un subwoofer e cinque diffusori, che garantiscono di vedere film e serie TV come se foste al cinema.

Ingressi: Quelli disponibili su questo modello consentono di visualizzare contenuti presenti su dispositivi esterni, anche in qualità 4K.

 

Contro

Cavi: Quelli che troverete nella confezione non sono della lunghezza adeguata, secondo chi ha intenzione di collocare il prodotto in una posizione più lontana.

Compatibilità: Chi è sempre un passo avanti, non apprezza la mancanza di compatibilità con le decodifiche audio più recenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Home Theatre Bose

 

Bose Companion 50

 

Un sistema multimediale firmato Bose e dotato di diffusori Companion 50 in grado di offrire un’esperienza di ascolto ad alte prestazioni. La qualità audio risulta di altissimo livello grazie all’ampio fronte sonoro che riproduce tutta l’intensità della musica, sia per le canzoni sia nei film o nei giochi che amate. La potenza del suono è sorprendente e si può paragonare a quella di un sistema in surround con un numero maggiore di diffusori. Bassi dettagliati e profondi combinati a un suono cristallino sono altre caratteristiche positive del prodotto.

Per collegare il sistema al PC, al televisore o alla vostra console basta utilizzare l’entrata jack in dotazione. L’utilizzo è semplice e intuitivo grazie all’unità di controllo all-in-one per regolare il volume e attivare o disattivare le altre funzioni.

Inoltre, per evitare sprechi di energia il lettore multimediale è dotato della modalità di risparmio che entra in funzione automaticamente dopo circa mezz’ora di inattività.

 

Pro

Design: Questo sistema multimediale spicca per la sua estetica moderna ed elegante che al suo interno nasconde funzioni tecnologiche per garantire una  piacevole esperienza di ascolto.

Tecnologia: Convince la presenza di un’unità di controllo all-in-one con comandi per alzare o abbassare il volume, funzione mute e tanto altro.

Qualità del suono: Un’altra caratteristica positiva del prodotto riguarda la qualità audio. Il sistema offre un’esperienza di ascolto per i veri amanti della musica, con bassi profondi e un suono cristallino che accontenta anche i più esigenti.

 

Contro

Prezzo: Non si tratta di un prodotto accessibile a chi ha un budget ristretto. Detto ciò sulla qualità del suono non c’è da discutere.

Acquista su Amazon.it (€369,4)

 

 

 

Home Theatre Samsung

 

Samsung HT-J4500

 

Quello di Samsung appare un home theatre completo e potente, che ha conquistato i pareri positivi di parecchi utenti. Potrete infatti controllarne le funzioni tramite il cellulare, visto che può contare sul Bluetooth per rendere più facile e rapido impostarlo.

La potenza in uscita è di 500 watt, per cui potrete contare su uno standard maggiore del 2.1. Visto questo aspetto, il prezzo la fa apparire una delle offerte più appetibili del web, anche perché supporta più decodifiche audio, come il Dolby Digital, il Dolby Digital Plus e persino il DTS-HD Master Audio.

Non tutti sono però soddisfatti dalla lunghezza dei cavi inclusi e neppure dalla qualità degli effetti sonori, che non raggiungono le vette più alte.

 

Pro

Bluetooth: Potrete controllare funzioni e impostazioni di questo sistema audio comodamente anche tramite il cellulare, visto che supporta il Bluetooth.

Decodifiche audio: Quelle supportate sono varie, dal classico Dolby Digital, al Dolby Digital Plus e fino a quelle più recenti, come il DTS-HD Master Audio.

 

Contro

Cavi: La lunghezza di queste componenti non soddisfa molto gli utenti che hanno intenzione di installare il prodotto un po’ più lontano dal proprio televisore.

Qualità audio: Non è delle migliori, per cui ci si deve orientare su un altro prodotto se ci si aspetta una qualità più alta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Home Theatre Sony

 

Sony BDV-E2100

 

Includiamo tra i migliori home theatre del 2019 anche quello proposto da Sony, tra i più venduti del web per il suo costo basso. Si tratta di un modello 5.1 che non lascia nulla al caso: tra le sue funzioni troviamo il comando tramite Bluetooth, la connessione con il Wi-Fi e la possibilità di interagire con Blu-Ray e Full HD, per una visione come al cinema.

Valida la presenza di una porta USB, che garantisce di usufruire di contenuti presenti su chiavette o memorie esterne. I materiali sono di buona qualità, come anche l’aspetto estetico, molto gradevole. Peccato che la potenza di 1.000 watt si faccia notare solo quando il volume è tenuto al massimo.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Questo modello può essere acquistato senza affrontare chissà quale spesa e garantendo non solo una buona qualità audio ma anche un’estetica apprezzabile in ogni ambiente.

Funzioni: Sono tante, come la possibilità di controllare il sistema tramite Bluetooth, il supporto della rete Wi-Fi, la visione di film con qualità Blu-Ray o Full HD.

Porta USB: Nulla di nuovo se, con la sua presenza, assicura di poter usufruire di contenuti presenti su dispositivi esterni.

 

Contro

Potenza: Nonostante ne possieda una da ben 1.000 watt, pare che non produca una qualità audio tale da poter essere ascoltata a volumi bassi.

Acquista su Amazon.it (€201,75)

 

 

 

Amplificatore home theatre

 

Yamaha RX-V485

 

L’amplificatore home theatre proposto da Yamaha, modello RX-V485, non è un prodotto che potremmo definire propriamente economico, tuttavia, per chi non ha alcun problema di budget, potrebbe rivelarsi uno tra i sintoamplificatori più efficienti.

Utilizzandolo avrete a disposizione cinque canali surround con una potenza di 80 watt l’uno e impedenza a 6 Ohm, più che soddisfacente per l’ascolto di musica e film. Risulta perfettamente integrato anche nelle case moderne con MusicCast per connettersi in modalità wireless, sia bluetooth sia Wi-Fi, a qualsiasi dispositivo, persino il nuovo assistente vocale Amazon Alexa.

Gli utenti che hanno avuto modo di provarlo affermano che può essere utilizzato con una certa soddisfazione soprattutto per home cinema grazie alla funzionalità come Dolby True HD, DTS-HD Master, Dolby Vision e Cinema DSP che creano un suono avvolgente e di qualità

L’unica mancanza è il Dolby Atmos, tuttavia, come alcuni acquirenti riferiscono, tale tecnologia si rivela utile solo qualora abbiate un sistema 7.1, quindi con due casse aggiuntive.

 

Pro

Wireless: Potrete installare i diffusori senza la necessità di collegare alcun tipo di cavo, un vantaggio per tutti gli utenti che non amano installazioni invasive e vogliono avere una casa ordinata e priva di ingombri.

Alexa: Il sintoamplificatore Yamaha è compatibile con tutta la gamma di prodotti Amazon che sfruttano l’assistente vocale Alexa, persino il semplice ed economico Echo Dot, per avere la propria musica a portata di voce.

App: Utilizzando uno smartphone o tablet potrete gestire tutte le impostazioni in modo semplice e veloce da qualsiasi punto della casa senza dover fare affidamento sul telecomando.

 

Contro

Dolby Atmos: Manca il supporto a questa tecnologia innovativa che consente un ascolto ancor più dettagliato e preciso. Acquisto da rivedere se avete dunque un impianto 7.1.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere i migliori home theatre?

 

Scegliere il miglior home theatre richiede uno studio attento e preciso, non solo delle caratteristiche dei singoli dispositivi ma anche dello spazio che potrete dedicare al sistema. Prima di avventurarvi dunque tra prezzi, offerte e dettagli di vario tipo, chiedetevi quante casse potrete installare in casa vostra.

 

 

Canali e casse

Solitamente, gli impianti home theatre basilari hanno una configurazione 5.1, che indica precisamente una capacità di collegamento di 5 diffusori e 1 subwoofer. Dunque, qualora aveste intenzione di optare per questo schema, assicuratevi di avere lo spazio necessario in salotto o nella camera prescelta per l’installazione.

Non potrete infatti posizionare i diffusori a caso o nel modo a voi più comodo ma, per avere un suono ottimale, bisogna tener conto della disposizione della stanza e cercare di disporre tre altoparlanti in una zona frontale rispetto allo spettatore e altri due alle spalle, garantendo così una tridimensionalità del suono che vi permetterà di godere di musica e film come se foste al cinema o a un concerto.

Per gli utenti che hanno poco spazio, è possibile optare anche per impianti più compatti, con configurazione 2.1, in questo caso, però, il subwoofer è essenziale e non può essere omesso se desiderate un suono avvolgente.

 

Potenza

Oltre al numero di casse e la loro qualità, dovrete valutare la potenza massima di ogni canale del vostro amplificatore. Il valore da tenere d’occhio per capire questo dettaglio sono i “watt”. Maggiore sarà il numero e più potente sarà il suono. Attenzione però poiché troverete due diciture: watt e watt RMS.

Il secondo valore è solitamente più basso ma indica la reale potenza del dispositivo poiché sono i watt erogati senza alcuna distorsione. Se non riuscite a evidenziare il valore RMS dalla scheda tecnica del prodotto che vi interessa, e non vi sono commenti da parte di altri acquirenti, ricordate di dimezzare i watt indicati per avere un valore realistico.

 

Tecnologia Home Cinema

Grazie ai moderni TV compatti, è possibile installare in casa un dispositivo che abbia uno schermo ben più grande rispetto a quelli utilizzati in passato. Con una qualità delle immagini in continua evoluzione e miglioramento il comparto audio non può essere lasciato indietro. Chi non si accontenta di una semplice soundbar, quindi, potrebbe desiderare un amplificatore che sia dotato delle migliori tecnologie per l’ascolto dei propri film preferiti.

Le tecnologie che dovrete considerare in questo caso, assicurandovi che siano presenti le diciture nella scheda tecnica, sono legate al Dolby come Vision, Cinema, Master e il più recente Atmos, in grado di supportare fino a 128 oggetti sonori, ognuno con uno spazio tridimensionale ben definito per un coinvolgimento totale dello spettatore.

 

Wireless

L’installazione di un home theatre preoccupa spesso i consumatori che non vogliono modificare radicalmente l’appartamento in cui vivono. Talvolta, per il corretto collegamento dei cavi, è necessario infatti creare uno schema ben preciso e lavorare in modo da garantire che tutti i singoli dispositivi riescano a raggiungere l’amplificatore senza intralciare chi abita in casa.

Per evitare questo passaggio difficoltoso e decisamente noioso potrete optare per un impianto home theatre completamente wireless. Grazie alla tecnologia Bluetooth e la possibilità di agganciarsi al Wi-Fi casalingo, molti dispositivi odierni non vi richiederanno alcuna connessione cablata, semplificandovi la vita e l’installazione.

Il prezzo potrebbe essere leggermente più alto rispetto a diffusori e amplificatori che sfruttano ancora le connessioni via cavo ma se non avete alcun problema di budget potrebbe essere la scelta migliore.

 

 

Assistenti vocali

Dagli smartphone a tablet e TV, fino ad arrivare alla casa, tutto nella nostra società sta divenendo “smart” e non potevano essere esclusi, naturalmente, i dispositivi di riproduzione audio.

Se in casa avete uno dei nuovi prodotti Amazon che sfruttano l’assistente vocale Alexa, potreste desiderare un sintoamplificatore che riesca a interagire con essi per la riproduzione delle vostre tracce musicali preferite. Nella lista dei prodotti che abbiamo analizzato vi sono delle offerte che potrebbe rivelarsi interessanti e adatte alle vostre esigenze, non dimenticate dunque di leggere con attenzione le nostre recensioni per poter scegliere il miglior impianto home theatre del 2019.

 

 

 

Domande frequenti

 

Home theatre senza fili, come funziona?

L’impianto home theatre non deve necessariamente essere cablato per poter essere potente e funzionale. Sono infatti disponibili sul mercato numerosi prodotti senza fili che oltre a garantire una semplice installazione si rivelano anche molto immediati da usare.

Il loro funzionamento è infatti legato all’uso del bluetooth o della connessione wi-fi casalinga, che permette loro di interagire con altoparlanti, subwoofer e dispositivi smart per la corretta riproduzione dei contenuti audio. Se non sapete come disporre un home theatre 5.1 vi invitiamo a leggere la sezione precedente per avere maggiori informazioni a riguardo.

 

Come collegare un home theatre alla TV Samsung?

Se avete un TV Samsung e non sapete come collegare il vostro impianto home theatre, è importante sapere che tutto ciò di cui avrete bisogno è un cavo HDMI, la scelta ideale per garantire un audio di qualità. Assicuratevi prima di avere l’impianto pronto, con tutte le casse ed eventuali subwoofer collegati all’amplificatore. Ciò che dovrete fare è usare il cavo HDMI, collegandolo da un capo al TV e l’altro all’impianto home theatre. Ora selezionate la funzione AUX per godervi i programmi TV al meglio.

 

Come collegare un home theatre alla TV LG?

Con TV LG, il collegamento a un impianto home theatre è disponibile tramite due opzioni: se il televisore e il dispositivo audio supportano l’ARC (Audio Return Channel) dovrete inserire un cavo HDMI ad alta velocità nella prima porta HDMI del TV e l’altro capo nella porta HDMI ARC sul dispositivo audio; se invece non vi è il supporto all’ARC, dovrete optare per un cavo audio ottico in grado di trasmettere il suono dal televisore all’impianto tramite impulsi luminosi (è importante in questo caso non piegare il cavo o potrebbe non funzionare correttamente).

In caso sfruttiate la porta Optical Digital Out potreste dover sollevare una piccola copertura a molla o rimuovere un tappino di plastica.

 

Come collegare un home theatre alla TV Sony Bravia?

Gli utenti che dispongono di un TV Sony Bravia non devono disperare poiché anche per loro è possibile collegare un impianto home theatre in modo semplice e veloce per godere di un audio ottimale durante la visione di programmi TV e contenuti multimediali. In questo caso avrete a disposizione tre opzioni: collegamento tramite porta HDMI contrassegnata dalla sigla ARC, acronimo che sta per Audio Return Channel, uscita digitale ottica e uscita analogica.

Il nostro consiglio è, se possibile, optare per la porta HDMI poiché si tratta del collegamento più efficiente. Per chi non avesse però un home theatre compatibile è possibile sfruttare la porta digitale ottica, facendo attenzione a non piegare il cavo poiché la trasmissione avviene tramite impulsi luminosi.

 

Come collegare un home theatre alla TV Philips?

Per collegare un dispositivo esterno al proprio TV del brand Philips bisogna innanzitutto verificare i collegamenti dei cavi disponibili. Per ottenere la migliore qualità video e audio è consigliato avvalersi del cavo HDMI. Qualora non fosse possibile usufruire di tale slot potrete decidere di optare per la porta digitale ottica, solitamente dalla forma squadrata e coperta da un piccolo cappuccio in plastica.

Dopo aver inserito i cavi sia nel TV sia nel dispositivo esterno potrete accenderli entrambi e sul TV selezionare la sorgente corretta (HDMI o digital optic). Con questi pochi passaggi avrete collegato il vostro home theatre al TV.

 

 

 

Come usare un home theatre

 

Come si collega l’home theatre alla TV

Per iniziare a usare il vostro home theatre per la visione di film, serie o l’ascolto di musica direttamente dal televisore dovrete necessariamente collegarlo al TV. Questo collegamento non è difficile e può essere effettuato in svariati modi ma due sono quelli principali che analizzeremo: HDMI e porta ottica digitale.

 

 

La connessione HDMI è la più semplice e veloce, tutto ciò che dovrete fare è collegare l’amplificatore al TV usando l’apposito cavo, avendo cura di scegliere porte HDMI ARC (Audio Return Channel) quando disponibile. Per l’altra soluzione bisogna prestare un po’ di attenzione durante l’installazione del cavo. La porta digitale ottica, infatti, per inviare il segnale audio all’amplificatore utilizza impulsi luminosi. È molto importante quindi non aggrovigliare o piegare il cavo per permettere al segnale di viaggiare senza intoppi.

 

Come montare un home theatre

Montare e capire come posizionare un home theatre soddisfacente in salotto o nella propria stanza per la visione dei contenuti multimediali al meglio potrebbe sembrare un’impresa complessa, che solo un vero e proprio tecnico del suono potrebbe realizzare. In realtà non è così e con un po’ di buon senso e qualche prova di ascolto si possono raggiungere configurazioni molto soddisfacenti.

Ciò che bisogna tenere a mente durante l’installazione di amplificatori e subwoofer è la posizione dell’ascoltatore/spettatore. Partendo da questo punto dovrete posizionare tre casse di fronte e due alle spalle, cercando di installare il subwoofer in una zona centrale piuttosto che in un angolo. Iniziando da questo setup potrete poi spostare i singoli elementi durante l’ascolto di un brano per perfezionare il posizionamento.

 

Come costruire un impianto home theatre

Se vi state chiedendo invece come realizzare un impianto home theatre e non sapete quali siano i componenti principali da scegliere, vi invitiamo a continuare nella lettura per scoprirli.

Il primo dispositivo è sicuramente il TV, se amate godervi film e sport dovrete puntare su un televisore in grado di restituire immagini a una risoluzione elevata, non può dunque mancare anche un lettore Blu-Ray, qualora siate collezionisti che hanno tutti i propri titoli preferiti su disco.

 

 

Coperto l’aspetto video si può passare a quello audio dove la scelta è più ampia per i singoli componenti, potrete infatti decidere di optare per un sistema Hi-Fi completamente wireless, per evitare di avere l’ingombro dei cavi, o cablato per risparmiare qualcosa. In base ai canali gestiti dall’amplificatore che sceglierete, dovrete poi selezionare il numero di casse e subwoofer da posizionare nella stanza (per esempio un amplificatore con 5.1 canali potrà gestire cinque casse e un subwoofer mentre a un 7.1 potrete collegare ben sette casse per gli alti e un subwoofer).

L’alternativa economica è rappresentata dalla soundbar, molto semplice da posizionare e installare anche per chi ha poco spazio, tuttavia il risultato, qualitativamente parlando, non è paragonabile a quello di un vero e proprio impianto.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Bose Acoustimass 6 V

 

Concludiamo i nostri consigli su come scegliere un buon home theatre con quello di Bose, composto da cinque casse, in grado di migliorare il suono, già di tipo 5.1. Le dimensioni non sono troppo importanti, per cui il prodotto non creerà un ingombro eccessivo nella stanza.

Bella l’estetica di un modello disponibile nei colori nero e bianco, le cui impostazioni possono essere facilmente regolate. Valida la qualità audio, soprattutto dei bassi, che sono solitamente un punto debole in parecchi sistemi del genere.

Qualche utente non ha trovato le staffe per montare i diffusori, per cui ha dovuto acquistarle a parte, e questo è un punto debole importante visto il costo molto alto dell’impianto.

 

Pro

Completo: Il prodotto è completo di cinque diffusori, che sono in grado di rendere l’audio molto piacevole, anche per quanto concerne i bassi, ben udibili.

Dimensioni: Il fatto che gli elementi abbiano una forma slim, permette di collocarli anche in poco spazio, visto che non ingombrano.

Estetica: Non guasta una certa bellezza dell’impianto, che può essere facilmente integrato in qualsiasi arredamento.

 

Contro 

Staffe: Non tutti le hanno reperite all’interno della scatola, per cui c’è chi ha dovuto acquistarle a parte e questa spesa si aggiunge alla cifra già consistente da spendere per il prodotto.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 voti, media: 4.60 su 5)
Loading...