Come difendersi e cosa fare in caso di furto di password

Ultimo aggiornamento: 01.10.22

 

Gli account non sono mai del tutto al sicuro e chiunque potrebbe essere vittima di furto di password. Vediamo dunque insieme quali precauzioni è necessario prendere.

 

Chi frequenta internet sa che gli hacker sono sempre in agguato, pronti a sottrarre dati sensibili per utilizzarli a proprio uso e consumo. Si va da semplici email rubate tramite furto di password fino ai dati della propria carta di credito, dalla quale giorno dopo giorno possono essere rimossi tutti i propri risparmi senza che ve ne rendiate conto, se non quando è troppo tardi.

Se pensavate che internet fosse un posto sicuro poiché virtuale, senza ripercussioni sul mondo reale, dovrete dunque ricredervi e pensare attentamente al vostro approccio con il mezzo.

 

Come difendersi

Fortunatamente con l’avanzare della tecnologia sono stati resi disponibili numerosi strumenti di controllo per gli utenti che possono così assicurarsi che i propri account non vengano violati. A tal proposito è dunque di vitale importanza la doppia autenticazione di cui molti avranno sicuramente sentito parlare, ma cos’è di preciso?

Come dice il nome stesso, è un processo a due fasi che certifica l’identità di chi sta effettuando l’accesso a un determinato servizio. Il primo passaggio è costituito dall’inserimento della password mentre il secondo è un codice univoco inviato generalmente tramite SMS sul proprio numero di telefono. Pensate dunque a una doppia chiave, una che portate sempre con voi e che pertanto potrebbe essere rubata, mentre la seconda viene creata nel momento esatto in cui volete accedere all’account, consegnata solo ed esclusivamente nelle vostre mani.

La doppia autenticazione, però, non è infallibile al 100% dal momento che, se malintenzionati dovessero rubare il vostro smartphone, potrebbero accedere facilmente ai vostri account, soprattutto se avete la brutta abitudine di salvare le password sul telefono.

Smartphone e password

Come abbiamo già sottolineato è importante far sì che il vostro smartphone Samsung o di qualsiasi altro brand non abbia salvate in memoria le password più importanti, come quella del servizio bancario o della mail personale poiché oltre al classico furto potreste rischiare anche di perderlo quando meno ve lo aspettate. Piuttosto, vi invitiamo a scrivere le vostre password su un supporto fisico da nascondere oculatamente in casa, all’interno di una cassaforte per esempio.

 

Password deboli

Secondo analisi effettuate dagli esperti di settore, le password rubate sono generalmente molto semplici, come per esempio liste di numeri crescenti, parole utilizzate quotidianamente, date di nascita, luogo di nascita e così via. Tali chiavi sono scelte dagli utenti poiché semplici da ricordare, tuttavia sono anche molto facili da scoprire, non solo da utenti specializzati in hacking ma anche da persone vicine che potrebbero voler accedere ai vostri account social. 

Scoprire la password Instagram darebbe loro accesso a informazioni private e foto che magari vorreste tenere per voi e non condividere con tutti. Per molti la soluzione potrebbe essere quella di non caricare più foto sui profili social, siano pubbliche o nascoste, tuttavia non è con il proibizionismo che si combattono queste lotte ma con l’informazione e la conoscenza dello strumento a disposizione. 

Scegliere una password adeguata, dunque, anche se un po’ più difficile da ricordare, è fondamentale. Gli stessi fornitori di servizi consigliano sempre di utilizzare lettere maiuscole e minuscole, numeri e anche segni di interpunzione, in modo da rendere molto più complesso un attacco bruteforce, che richiederebbe quindi troppo tempo per essere portato a termine con successo, facendo desistere anche i più tenaci.

Scoprire se si è stati hackerati

Spesso non ci si accorge del misfatto se non quando è troppo tardi, tuttavia è possibile avere una lista delle email hackerate tramite siti appositi che verificano nel proprio database se ci sono state violazioni relative a indirizzi e-mail che vengono poi caricati dai malintenzionati tramite canali ufficiosi. 

Tra i più famosi ricordiamo Have i Been Pwned, sul quale non dovrete far altro che inserire nella barra di ricerca il vostro indirizzo email per scoprire se siete stati vittima di violazioni. Qualora ciò fosse accaduto vi invitiamo a cambiare password velocemente, sostituendola anche su altri siti dove avete utilizzato la stessa identica combinazione di lettere e numeri.

Altre precauzioni da prendere se si pensa di essere stati vittima di furto di identità è rivolgersi immediatamente al gestore della propria posta elettronica, fornendo tutti i documenti necessari all’identificazione per provvedere a un reset totale della password, con nuove credenziali comunicate telefonicamente con il possessore originale. 

Qualora si pensi che possano essere stati compiuti dei crimini da terzi che si sono spacciati per voi, dovreste recarvi anche presso la polizia postale per una regolare denuncia, che vi solleverà così da eventuali responsabilità e metterà in moto la giustizia per trovare i responsabili del misfatto.

 

Crimini informatici

Tra questi troviamo attività come hackerare un sito governativo o di enti privati ma, anche chi fosse intenzionato a scoprire come hackerare un profilo Instagram potrebbe essere sanzionato a norma di legge, non si tratta infatti di accedere a uno spazio comune e condiviso ma una vera e propria violazione della privacy altrui. Pensate quindi a qualcuno che, senza annunciarsi, entri in casa vostra, magari mentre non ci siete e inizi a rovistare tra le vostre cose, un’evenienza senz’altro spiacevole.

I siti di hacker che promettono di insegnare come scoprire password spesso non sono altro che trappole, che portano i più ingenui a esporre le proprie credenziali nella speranza di capire come scoprire la password Instagram dei propri amici, ritrovandosi con uno o più account “bucati”, come si dice in gergo, e venduti al miglior offerente. Diffidate dunque di tali informazioni ed evitate di addentrarvi in luoghi nei quali non avreste difese.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI