contact

Guardare la TV in camper? Vi serve un generatore di corrente

Ultimo aggiornamento: 22.06.21

 

Quando si viaggia in camper è una bella comodità avere sempre a disposizione la corrente elettrica per alimentare i dispositivi elettronici come televisori e computer. Ecco perché valutare l’acquisto di un generatore.  

 

Se quest’anno avete deciso di provare un tipo di vacanza differente e avete noleggiato un camper, oppure se avete fatto il grande passo e ne avete comprato uno ma ancora non avete ben chiaro quali oggetti vi potrebbero tornare utili nei vostri viaggi su quattro ruote, in questo articolo troverete un focus dedicato a un dispositivo in particolare. Parliamo del generatore di corrente, davvero indispensabile perché garantisce la possibilità di trasformare l’energia meccanica in corrente elettrica che poi potrete utilizzare per fare funzionare gli elettrodomestici presenti sul camper – come per esempio un microonde – oppure per fornire l’energia per collegare i trasformatori per  ricaricare uno smartphone, un tablet o che faccia da alimentatore per una televisione o una console.  

In questo modo avrete la possibilità di incrementare il comfort della vacanza all’aria aperta con alcune comodità a cui è difficile rinunciare – come appunto la possibilità di guardare la TV o ricaricare il PC – senza “intaccare” la batteria del camper e potendo fare a meno di eventuali allacciamenti di corrente che non tutti i camping forniscono o che potreste non avere a disposizione in zone particolarmente selvagge. 

 

Che cos’è un generatore?

Volendo semplificare potremmo definire un generatore di corrente (detto anche gruppo elettrogeno) come un piccolo impianto elettrico. Il suo funzionamento è legato alla presenza di un motore a combustione – tipicamente a benzina, diesel o gas – che, quando viene avviato, aziona un generatore, trasformando l’energia chimica del carburante in energia elettrica che può essere poi sfruttata per gli utilizzi tradizionali a cui siamo abituati quotidianamente. Va da sé che la disponibilità di elettricità sia direttamente proporzionale a quella del carburante necessario per l’alimentazione, dunque avendone una buona scorta non dovrete temere alcun tipo di blackout. 

I generatori di corrente sono disponibili di tantissime tipologie, dimensioni e potenze differenti, perché il loro utilizzo varia dall’ambito industriale a quello domestico a quello, appunto, legato alle vacanze all’aria aperta e al campeggio. Ecco perché, in particolare negli ultimi anni, questi dispositivi sono “usciti” dall’ambito più prettamente lavorativo per andare incontro alle esigenze dei camperisti. In che modo? Con un vero e proprio restyling che ha riguardato estetica e dimensioni. In questo modo non è difficile trovare un generatore poco ingombrante, leggero e dal design gradevole, a cui è semplice trovare un posto sul camper. 

 

Caratteristiche principali

Come abbiamo accennato l’elemento distintivo dei vari generatori di corrente è rappresentato dalla loro alimentazione, ovvero dal tipo di carburante da utilizzare per consentire al motore di funzionare a pieno regime. Sul mercato si trovano modelli alimentati a diesel oppure a benzina, altri che sfruttano il gas propano, da solo o in combinazione con la benzina. Senza ombra di dubbio i generatori più conosciuti, venduti e diffusi sono quelli a benzina, perché assicurano una soddisfacente autonomia e sono molto semplici da utilizzare. Negli ultimi tempi, però, stanno prendendo piede quelli a gas che, in un’epoca in cui l’attenzione alle necessità dell’ambiente è giustamente cresciuta, si fanno apprezzare proprio perché meno inquinanti. 

Un altro aspetto determinante nella scelta del generatore sono le sue dimensioni e il suo peso, elementi che incidono in modo netto quando si parla di camper, visto che gli spazi vanno gestiti al meglio, in particolare nei modelli tipo van. Per fortuna non è difficile trovare dispositivi compatti e con un peso che oscilla tra i 10 e i 20 chilogrammi. 

Potenza e rumorosità

Questi sono gli altri due elementi di cui è indispensabile tenere conto, nel caso della potenza per sapere esattamente in che misura poter sfruttare il generatore, in quello della rumorosità per garantirsi vacanze senza un fastidio eccessivo alle orecchie. Parlando di potenza elettrica, bisogna che sia superiore a quella richiesta dai dispositivi che si desidera alimentare e utilizzare in contemporanea, tenendo conto sia della loro potenza di accensione sia di quella continua (alcuni elettrodomestici, come il frigorifero per esempio, hanno un consumo energetico durante l’utilizzo superiore a quello del momento in cui vengono accesi). Detto questo, per le esigenze di chi possiede o noleggia un camper è sufficiente un modello che abbia una potenza tra i 1.000 e i 1.500 watt. 

Qualcuno potrebbe pensare che, dovendo comprare un generatore, sia meglio puntare su un modello di potenza superiore. Il ragionamento però non tiene conto di un altro aspetto, ovvero la rumorosità. Dunque in fase di acquisto è meglio tenere in massima considerazione il dato relativo ai decibel emessi affinché il dispositivo non sia eccessivamente rumoroso e non disturbi i vostri momenti di relax (e nemmeno quello degli eventuali altri campeggiatori). 

Valutate infine la quantità di ingressi e di prese a cui è possibile collegare elettrodomestici o smartphone, così da sapere quanti ne potrete alimentare in contemporanea. Diciamo che nei modelli pensati per i camper o il campeggio, di solito, ci sono almeno due spine a due poli da 240V e un’uscita DC da 12 V così da soddisfare diverse esigenze. 

 

Ultime considerazioni

Tenendo conto dell’alimentazione a carburante, il generatore di corrente deve essere utilizzato esclusivamente all’aperto, vista l’emissione di scarichi (che sono tossici), e posizionato con una certa attenzione per evitare che, in caso di vento, le emissioni possano arrecare fastidio. Inoltre è bene assicurarsi che il dispositivo sia protetto e preservato dall’eventuale contatto con agenti atmosferici come la pioggia.

 

Tenete sempre d’occhio il livello di carburante presente nel serbatoio così da non correre il rischio che si esaurisca proprio nel momento del bisogno e vi costringa a un rabbocco che non è consigliato fare quando il motore si è appena spento ed è dunque ancora molto caldo. 

Sul mercato, infine, è possibile trovare molti modelli differenti così come differenti sono le fasce di prezzo. Non è difficile, dunque, comprare un generatore per il camper senza svenarsi, visto che se ne trovano molti di adeguata potenza e qualità attorno ai 300-400 euro ma è anche possibile spendere meno oppure di più, in base alle esigenze e alla disponibilità economica.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI