VPN al servizio degli appassionati di film e serie TV

Ultimo aggiornamento: 05.03.21

 

Scopriamo come avere accesso alla programmazione di contenuti al momento ancora non disponibili sul territorio italiano. 

 

Il mondo dello streaming video è ricco e complesso. Negli ultimi anni il modo di fruire di contenuti per chi è appassionato di cinema e di serie TV (ma in realtà anche per chi ama lo sport) è cambiato radicalmente, grazie alla nascita di servizi che offrono un ampio database di programmi tra cui scegliere. A scardinare il tradizionale modo di visione, che era quello della televisione con i suoi palinsesti e con i suoi orari di programmazione ben definiti, è stato Netflix. 

Nato come un servizio di noleggio di DVD, si è evoluto nel corso degli anni sfruttando al meglio le opportunità garantite dalla diffusione di connessioni internet sempre più veloci e ha offerto possibilità di visione sconosciute, grazie all’on demand. Il catalogo di Netflix è sterminato e ogni singolo utente può scorrerlo e visualizzarlo in base alle proprie esigenze e ai propri gusti, scegliendo di volta in volta cosa vedere… e vederlo subito! 

Una rivoluzione che ha aperto le porte a una fruizione completamente nuova e che ha spinto molti altri competitor a seguirne la scia. Al momento, solo in Italia, non si contano i “cloni” di Netflix, a cominciare dai suoi due più agguerriti concorrenti: Amazon Prime Video e Disney+, cui fanno da contorno proposte come NowTV, TimVision, RaiPlay, Infinity, DAZN (solo per lo sport), Dplay, Chili e RakutenTV, giusto per citare i più noti.

 

Le limitazioni italiane

Messi tutti insieme questi servizi propongono una quantità tale di film e serie TV che non basterebbero due vite intere per esaurirli, tanto più che il database è in continuo aggiornamento. Ciononostante in molti vorrebbero poter sfruttare anche altre proposte e offerte, perché appassionati di una determinata tipologia di film o telefilm o perché impazienti di vedere un contenuto che arriverà nel nostro Paese solo molti mesi dopo. Questi servizi, però, sono spesso disponibili esclusivamente per altri mercati, di solito quello degli Stati Uniti o della Gran Bretagna e non consentono a utenti di altre nazioni – come l’Italia – di iscriversi. Questione di diritti per lo sfruttamento e la messa in onda di un determinato prodotto in un determinato stato. 

Questa limitazione, però, può essere aggirata in modo totalmente legale. In che modo? Sfruttando una VPN, ovvero una Virtual Private Network che, criptando il traffico dati e nascondendo il vostro indirizzo IP, può fare credere a questi siti che vi stiate collegando proprio da una nazione in cui sono visibili. Le VPN sono molto semplici da utilizzare e non mancano le offerte per poter sottoscrivere un abbonamento spendendo davvero pochi euro al mese (se volete saperne di più vi invitiamo a cliccare su https://nordvpn.com/it/what-is-a-vpn/ per capire come funzionano). 

 

I migliori servizi di streaming non disponibili in Italia

Adesso che sapete come aggirare il blocco geografico, siete pronti per scoprire quali sono i servizi di streaming più interessanti attualmente non presenti in Italia. Va da sé che, iscrivendovi a uno o a più di uno, troverete esclusivamente film e serie TV in lingua originale, dunque diciamo che risultano interessanti solo se avete una certa dimestichezza con l’inglese, l’idioma in cui la maggior parte delle produzioni vengono realizzate o per cui – per quelle non anglofone – sono comunque disponibili i sottotitoli. 

 

Ecco i sei migliori servizi di streaming per guardare film e serie TV

CBS All Access: Il servizio di video on demand è disponibile solo in Nord America (Canada e Stati Uniti) e propone sia tutti i contenuti provenienti dai cataloghi di proprietà della CBS sia una serie di produzioni originali, molte delle quali legate all’universo di Star Trek, come Discovery o Short Treks e altri in arrivo. Da tenere in considerazione soprattutto se siete amanti delle avventure della mitica astronave Enterprise.   

HBO Max: Di proprietà della Warner Media, è una piattaforma che sfrutta il traino rappresentato da HBO, ovvero una delle reti specializzate nella produzione di serie TV di un certo livello. In questo modo la sua offerta risulta particolarmente appetibile, visto che vi trovano posto cult del livello de Il trono di spade, The big bang theory, South Park e Friends che si affiancano a nuove produzioni sempre in arrivo (tra cui le serie ispirate dai film Dune e Gremlins). Ricca anche la scelta di film imprescindibili come, per esempio, Quarto potere o 2001 Odissea nello spazio. 

Hulu: Attualmente disponibile ufficialmente solo negli Stati Uniti e in Giappone, è stato lanciato nel 2017 e mette a disposizione soprattutto serie TV – tra cui spiccano The Handmaid’s Tale, il reboot di Veronica Mars e Castle Rock – ma anche numerosi film, frutto dell’accordo con le più importanti case produttrici, come MGM, Sony Pictures o Universal. Acquisito recentemente da Disney, Hulu si sta spostando verso un offerta destinata a un pubblico più maturo, in modo da non entrare in conflitto con l’altra piattaforma della “casa madre”, ovvero Disney+. 

Peacock TV: Così battezzato perché ispirato al logo della NBC (un pavone, in inglese peacock appunto), che ne detiene la proprietà, è stato lanciato solo da qualche mese e offre un bel mix tra contenuti storici, come tutte le stagioni di Will and Grace o di Cin Cin, ad altri nuovi, tra cui spiccano i reboot di Battlestar Galactica e Bayside School. Uno degli elementi distintivi di Peacock TV è la possibilità di sottoscrivere un abbonamento gratuito, che include però una serie di spot pubblicitari di 5 minuti per ogni ora di visione. 

Sony Crackle: Disponibile in molte nazioni ma non in Italia, è ovviamente di proprietà di Sony Pictures e può dunque attingere al grande catalogo di produzioni della major cinematografica. Alla ricca rassegna di film si affiancano serie TV storiche – come The Shield o Seinfeld – e altre di nuovissima realizzazione, tra cui Snatch (ispirata al film con Brad Pitt), The Oath e Rob Riggle’s Ski Master Academy. 

BritBox : Indubbiamente una proposta piuttosto di nicchia, visto che il catalogo è composto da serie TV e produzioni realizzate nel Regno Unito. Trovano dunque posto vere e proprie soap opera, come Coronation Street ed Emmerdale, così come cult del calibro di The Office e Doctor Who e produzioni più recenti, con una line up destinata a crescere mese dopo mese, con titoli come A spy among friends e The beast must die. 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments